HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Usi e abusi.
di Mariano Marchese  ( marianomarchese1@gmail.com )

12 luglio 2005

E' amaro dover mortificare la propria libertà di pensiero su richiesta, più o meno gentile, di sconosciuti senza volto, ma la cosa non sarebbe meno amara se questi sconosciuti fossero, invece, conosciuti e con un volto ben delineato, non pare anche a te caro lettore? Il punto, in fondo, è che in questa terra maledetta bisogna ancora imparare a sentirsi veramente liberi, bisogna avere il coraggio di spezzare le catene di una paura, purtroppo, ancora sempre presente sul palcoscenico della nostra vita; il profumo della libertà è una cosa meravigliosa, essere liberi è una cosa meravigliosa e non avere padroni è fondamentale per poter anche solo immaginare di voler conseguire un risultato o inseguire un obiettivo, magari la propria chimera personale. E' bello poter inseguire i propri sogni, le proprie aspirazioni e sarebbe delittuoso verso se stessi sacrificarli in nome di un buco nero chiamato paura; per carità, non mi sento di condannare chi ha paura perché, da queste parti, è veramente difficile non averne; come difficile è pensare di avviare una semplice attività commerciale o professionale, infatti, in questi casi, tante sono le incognite di varia natura che portano alla titubanza se non, addirittura alla rinuncia supportata da un morticante "ma chi me lo fa fare". Però, un pensiero sconvolge la mia mente, ovvero, come si può pensare di crescere, come si può pensare di uscire dalla preoccupante situazione di stallo in cui ci troviamo se non si pensa anche al cambiamento? Cambiamento significa anche coraggio, coraggio di essere se stessi sempre anche quando sugli steli della nostra esistenza incontriamo le prime pungenti spine che fanno male, che pungono lacerando carni e pensieri; forse è proprio nei momenti più difficile che dovremmo far uscire tutto il nostro positivo ma la domanda è se, dopo tanta sofferenza, esista ancora dentro di noi quel positivo che apre il cuore alla speranza. Io penso di si, ho fiducia nel popolo calabrese, sono convinto che, prima o poi, saprà prendere coscienza dei propri mezzi in maniera consapevole, riuscendo, così, a riappropriarsi di ciò che gli appartiene, in primis coraggio e dignità, strumenti con i quali combattere omertà, paura e immobilismo. Voglio vederlo roseo il futuro che ci attende, voglio sentire viva la speranza nel cuore dei giovani che mi paiono poco interessati all'argomento; saranno loro, un giorno, a raccogliere il testimone e a dover preparare un futuro migliore alle generazioni che verranno per cui sveglia, suoniamola insieme la tromba che segnerà la riscossa di un popolo mortificato dagli eventi e dalla storia. Io ci credo e per questo ero, sono e rimarrò in prima linea contro il sopruso e l'abuso, una linea rovente e pericolosa ma so di non essere il solo, allora basta avere pazienza e costanza, basta saper attendere in trincea tra bombe e minacce perché un giorno da quella trincea usciremo a respirare la fresca aria pulita con il sapore della libertà.


SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
La gratitudine: un’ispirazione provvidenziale.
Una rotta da invertire...
Assalti...
Per favore...lasciateci in pace!
Il nuovo autoritarismo
Panzane?
Fratelli d’Italia?
Meritocrazia?
Caro governo!
Arrestiamone uno...
Dall’altra parte della strada.
Rave party e danza della sorditÓ.
Natale di guerra !
Ah, scellerati!
La tournÚe nei perimetri dell’assenza.
Siamo uomini o caporali?
La Sirena.
Terra di Calabria...
Manca l’informazione. Quella seria...
Una riflessione da svolgere con cura.
DELLO STESSO AUTORE
NŔ rimorsi, nŔ rimpianti!
Scritto nell’acqua
Cultura e civiltÓ.
La politica e la ricerca della felicitÓ...
Semplicemente... Giovanni.
Burattini o Marionette?
Gi¨ la testa?
Quel pasticcio chiamato QMO...
Panzane?
Scuola, Famiglia e SocietÓ.
Trasgressione e Logica.
Ah, Parigi!
Nonostante tutto...
Regia infamante.
Oltre il fondo del barile.
Tempi moderni...
C’era una volta...
Vuoti a perdere...
Il male di vivere
Punti di vista.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione