HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
C’era una volta...
di Mariano Marchese  ( marianomarchese1@gmail.com )

26 febbraio 2006

C'era una volta una terra senza troppe pretese...ma con molta dignità! Era una terra dove "la stretta di mano" tra uomini seri leali e sinceri valeva più di qualsiasi carta scritta e più di un volgare contratto: "onore" e "dignità", a quei tempi, erano elementi imprescindibili dalla vita di relazione ben e al di sopra di un "semplice" atto di compravendita; ricordo, con un velo di nostalgia, che in quella terra, non di rado, capitava di vedere automobili incustodite con le chiavi addirittura inserite nel quadro strumenti: nessuno, allora, temeva di non ritrovarla, si era tranquilli; tale oggettiva e diffusa serenità si rifletteva anche sulle abitazioni, all'interno delle quali non esistevano sistemi di allarme a protezione dei propri beni né, tanto meno, porte blindate o sistemi di telecamere a circuito chiuso; era una terra dove potevi passeggiare tranquillamente senza temere brutte sorprese, dove gli anziani non venivano scippati per strada, facile preda di delinquenti senza scrupoli; ricordo con una lagrima di commozione come a quei tempi "i nonni" ricoprissero il ruolo di guida all'interno della famiglia in cui trasferivano il loro bagaglio di esperienza anche attraverso racconti che tenevano uniti intorno ad un tavolo adulti e bambini lasciandoli con il fiato sospeso... PER CONTINUARE LA LETTURA, CLICCARE SUL TITOLO.


Ricordo le frotte dei turisti che affollavano durante il periodo estivo, i chilometri ininterrotti di spiaggia pulita forse un po’ selvaggia ma, sicuramente, vera, spontanea e vivibile; ricordo ancora il profumo dei prodotti genuini, la purezza dell’aria che potevi respirare a pieni polmoni senza la paura delle polveri sottili e la limpidezza delle acque dei suoi due mari (Jonio e Tirreno): bagnarsi in quelle acque rappresentava per grandi e bambini una gioia tanto indescrivibile quanto dimenticata; come addirittura remoti appaiono, oggi, quei tempi in quella terra, la mia...la vostra...la nostra terra: la Calabria! Purtroppo è tutto oggettivamente stravolto e non conviene più lasciare la propria autovettura incustodita se non si vuole incorrere in brutte sorprese! Forse è meglio non immergersi nelle acque dei due suoi mari a causa di un inquinamento mai curato e, ormai, allo stato terminale; in questa terra non puoi più passeggiare tranquillo perché non sai cosa ti aspetta dietro l’angolo e le case di riposo per anziani sono aumentate a livelli impensabili; gli scippi, poi, sono all’ordine del giorno; ma non finisce qui, infatti, se ci si allontana anche per poco dalla propria abitazione si corre il rischio di ritrovarla barbaramente violata da ladri vigliacchi e senza scrupoli; capita sempre più frequentemente che nelle ore di punta, le polveri sottili diventino grandi come massi da riporto e profumi e cortesia solo un ricordo: per non parlare, poi, della reciproca correttezza, miraggio lontano dei tempi andati; una realtà che non ti permette di girare le spalle a nessuno "se non vuoi avere brutte sorprese"...intanto però, ci sono le elezioni all’orizzonte... solite promesse e soliti abboccamenti...insomma la solita storia. E la Calabria? Oggi, intanto, si vota. Domani, magari, si vedrà!

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Geografia e Politica.
PerchŔ?
Conoscenza e solidarietÓ.
Altro che spegnere la speranza!
Scaricabarile...
Una riflessione da svolgere con cura.
Scempio e imbarazzo alla SNIA di Pavia.
Una parte di mondo brutalmente mutilato.
Parlami di te...
Pontifichiamo?
Ancora qui...
Coscienze vaganti e salvadanai selvaggi.
Silenzio.
Tempi moderni...
Morte di un presentatore TV.
L’indifferenza del sangue.
Nell’Anno del Signore.
La pedagogia della nonna...
Passato il Santo...
Come Ŕ difficile vivere bene!
DELLO STESSO AUTORE
Neutrergon Onlus e l’affaire Trenitalia.
Burattini o Marionette?
Il Pensare e la LibertÓ.
Scorie meridionali...
Mare da bere?
La politica...
Innamoramento e Amore
Il Giardino dell’Anima...
Caro Presidente, AIUTO!
Un uomo di bianco vestito...
Triste ma vero...
Ah...Trenitalia!
Associazionismo...
Cari e onorevoli signori...
Ah, la coscienza!
Ad armi pari...
La vita... Ŕ sempre la vita!
Cultura e civiltÓ.
E’ meglio un rimpianto o un rimorso?
Pensare...
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione