HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Perchè non la voterò più...
di Giuseppe Chiaia  ( peppinochiaia@libero.it )

5 maggio 2005





Lettera di un Cittadino Calabrese al presidente del consiglio dei ministri On.le Silvio Berlusconi.


ALL’ ON. GIANNI LETTA

SOTTOSEGRETARIO ALLA PRESIDENZA

DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

PALAZZO CHIGI - R O M A

Penso che, difficilmente, la presente Le verrà recapitata; ad ogni buon fine, è mio intendimento, nella qualità di cittadino, esprimerLe " frigido pacatoque animo " quanto andrò ad esporre, brevemente, qui di seguito.

Le recenti consultazioni elettorali hanno manifestato, in modo inequivocabile, l’avversione politica che la gran parte dei cittadini italiani sente nei confronti della "destra" e, segnatamente, del "berlusconismo".

Quanti la pensano come me ( ed è la maggioranza degli Italiani ) si sono sentiti offesi nella loro intelligenza, traditi nella loro fiducia politica accordata all’on. Berlusconi, perché irretiti da un cumulo di promesse disattese, per cui è stato facile alle forze della sinistra ribaltare, in modo così...assordante, il giudizio elettorale, a loro favore.

Non vi è chi non ricordi il famoso contratto che, tanto platealmente, l’on. Berlusconi, firmò, 4 anni or sono, pronubo l’ineffabile dott. Vespa.

Non vi è chi non ricordi quell’altra sceneggiata espressa su una gigantografia dell’Italia, riempita da una miriade di segni e colpi di gessi, con la quale si promettevano grandi opere di ripristino del territorio, indicando un "passante" appenninico di qua, e di là un traforo, più giù una nuova autostrada, un recupero idrogeologico dalle nostre parti e, ciliegina finale, l’inutile ponte sullo stretto di Messina; ed intanto, la nostra Calabria si sgretola; intere comunità vedono inghiottite dalle frane le loro modeste abitazioni, frutto di sacrifici e di anni di lavoro all’estero, nelle miniere, nelle cave, e nella disperata solitudine che diventa più acuta quando si è forzatamente lontani da casa (Dante, Purgatorio, canto VIII ).

Non vi è chi non constati, amaramente e quotidianamente, il danno che l’introduzione dell’Euro ha determinato sui redditi fissi; e non perché l’Euro, di per sé, sia stato un danno; ma l’egregio on. Tremonti, gli altri professoroni di economia che gravitano nella vostra area politica, sono stati, tutti, così ingiustificatamente imprevidenti nel non predisporre un semplicissimo decreto legge che imponesse all’area del commercio e dei servizi in genere l’obbligo di esporre il doppio prezzo, con l’Euro esposto nel valore proporzionale corrispondente alla lira.

Non vi è famiglia del medio e basso ceto del nostro paese che non faccia i conti con la miseria, l’impoverimento progressivo, la dilagante disoccupazione che affligge i nostri giovani, che rinunciano a formarsi una famiglia e vivacchiano sulle modestissime pensioni dei proprio genitori; ed a proposito di pensioni, non pensi, on. Letta, che sia sfuggito ai più quella subdola manovra amministrativa, grazie alla quale sono state istituite, da parte del Ministero delle Finanze (altra trovata dell’on. Tremonti, avallata dall’on. Berlusconi), una miriade di commissioni mediche che hanno falcidiato il numero degli invalidi civili, e non perché le loro misere pensioni fossero state ingiustamente attribuite, ma non hanno fatto altro, questi medici fiscalisti, che ridurre le invalidità al disotto del 70 %; e così gli invalidi sono rimasti tali, ma senza diritto a sussidii; salvo, poi, a vantarsi di aver elevato qualche decina di pensioni per gettare il solito fumo elettorale negli occhi dei creduloni: ammoniva il grande SPINOZA " Humanae res non irridere, sed intelligere ".

Invece si continua nello sperpero di risorse e mezzi: era proprio necessario rinnovare ed incrementare il nuovo governo con circa 100 tra ministri e sottosegretari? Il governo federale statunitense riesce a governare un territorio 12 volte superiore a quello italiano e con una popolazione di circa 400 milioni di abitanti, con 90 senatori e 270 deputati; invece, noi cittadini dobbiamo pagare, profumatamente, 960 tra deputati e senatori, ai quali si aggiungono oltre mille deputati regionali, centinaia di migliaia di consiglieri provinciali, comunali e circoscrizionali, centinaia di direttori generali di A.S.L. e di Ospedali, presidenti e consiglieri delle varie Autority oltre a managers e consiglieri personali; qualcuno ha contabilizzato che questa pletora ingiustificata di privilegiati costi, all’erario italiano, qualcosa come 480 milioni di vecchie lire, al minuto! ! C’è da restare allibiti e mortificati se i possessori di un reddito annuale, superiore agli 11 mila Euro, sono, poi, costretti a pagarsi i costosi tickets per accedere alle indagini sanitarie.

A questo punto viene voglia di disertare le urne per tutti i tipi di elezioni, auspicando quel "tanto peggio, tanto meglio" che diventa il lasciapassare di forme politiche autoritarie di cui abbiamo avuto tragica esperienza appena 60 anni or sono e che viene, inutilmente, esorcizzato nelle commemorazioni ufficali; comunque, ad esecrata memoria di quel Vittorio Emanuele III, così funesto per i destini d’Italia.

Certamente, Ella, on. Letta, è pure a conoscenza che nel biennio 2003/2004, ben 180 mila giovani sono emigrati dalla sola Calabria, in cerca di un lavoro al Nord d’Italia, qualunque esso sia, forse, con disappunto dello sciovinismo leghista e del suo profeta, al quale il destino, o meglio, una nemesi, ha negato di mimare, col braccio, il suo motto più famoso; e Le risparmio l’espressione!

Infine, la maggior parte degli italiani siamo convinti che il residuo temporale di un anno non consentirà di recuperare un quadriennio sciupato fra varie promesse, ripicche tra alleati, per cui il prolungare, ancora per appena 10 mesi, una coalizione già morente, determinerà la definitiva scomparsa dalla scena politica dell’on. Berlusconi, del di lui partito e, quel che più dà fastidio, ci costringerà a votare una "sinistra" che si rivede in quell’on. Prodi del quale è nota, e la Sua presidenza all’IRI, e la funzione della Sua "NOMISMA", e il quinquennio europeo.

P. S. Qualora la presente dovesse essere cestinata, ( e di ciò m’importa poco) si sappia che la medesima viene irradiata attraverso il giornale mediatico La Strad@ (www.lastradaweb.it), la cui diffusione riscuote apprezzati giudizi da parte di un cospicuo numero di lettori - più di 1500 al giorno - anche oltre i confini nazionali.

Formali saluti da parte del cittadino Giuseppe Chiaia, preside in pensione.

27 aprile del 2005.

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Aumentiamo il prezzo dell’acqua!
Amico latte, amico grana padano. Il latte fresco sale in cattedra.
Buon Viaggio TOMMY...
Un video per un mondo di pace
Il cielo è azzurro sopra Berlino...
Benvenuti al TALK-SHOW ? L’Arte di Vivere Positivo
Il caso "Carime"
GIOVANNI AGNELLI...
Benvenuti al TALK - SHOW - Genitori e Figli un rapporto da costruire con competenza
Gli EROI di NASSIRIYA:
Benvenuti al TALK-SHOW - Informazione e Formazione per una Società Migliore.
Signore e Signori, ecco a voi i programmi della giornata...
Diritti economici e sociali...
L’atletica LA SBARRA...
La coppia scoppia?
No-Global o New-Global?
Benvenuti al TALK-SHOW ? Auguri Mamma!
Benvenuti al TALK-SHOW - alleati contro gli abusi della P.A.
Benvenuti al talk-show
Fuori dal coro.
DELLO STESSO AUTORE
Barack Obama...
Etica, ragione e fede, nella Divina Commedia
UMBERTO I di SAVOIA
L’eloquenza nell’antica Grecia
... A proposito dell’Ulisse dantesco...
GIOVANNI AGNELLI...
La Prima Guerra Mondiale.
Alcune considerazioni sulla filosofia aristotelica.
L’Autunno e le nostre abitudini televisive...
La legge può essere uguale per tutti,veramente?
Lettera all’ Amico Vince.
Dante Alighieri...
Quante feste!
Le Fiabe.
IL BRIGANTAGGIO
Tra Il Serio ed il Faceto...
La Pineta di Macchia Sacra.
Elemosine e Raccolte Mass-mediatiche: è tutto un Business?
Liberismo o Socialismo?
Il Post-Risorgimento
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione