HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Riappropriamoci la lingua.
di Fausto Raso  ( albatr0s@libero.it )

13 marzo 2005

Si predica bene e si razzola male?


 

I pochi amatori della lingua strabuzzeranno gli occhi e penseranno che apparteniamo alla schiera di persone che "predicano bene e razzolano male": riappropriamoci la lingua? No, cortesi amici, abbiamo predicato bene (ci sia consentito un pizzico di immodestia); si deve dire, correttamente, appropriarsi "una" cosa, non "di" una cosa.

L’imbastardimento del nostro soave idioma è da attribuire - in buona parte - agli organi d’informazione che fanno a gara nello scrivere marronate contribuendo, in tal modo, a confondere le idee (linguistiche) a coloro che della lingua non conoscono l’uso corretto. Ma gli "addetti ai lavori" lo conoscono? Si leggono molto spesso sulla stampa articoli di cronaca dai quali si apprende che "i ladri si sono appropriati di cinquanta pezzi di argenteria"; oppure che "i banditi si sono appropriati dell’auto del rapinato". Bene. Anzi male, malissimo. Il verbo "appropriarsi" è transitivo e tale deve rimanere; deve essere seguito, cioè, dal complemento oggetto. Appropriarsi significa, infatti, "rendere propria" una determinata cosa; si dirà, quindi, che i ladri si sono appropriati cinquanta pezzi, non "di" cinquanta pezzi di argenteria.

Molti credono - probabilmente - che appropriarsi sia un verbo riflessivo come pettinarsi; no, non lo è, o meglio, è usato in senso riflessivo in un solo caso, quando ha il significato di "convenire", "adattare": è un vestito che ben si appropria alla tua persona. Riprendiamoci, per tanto, ciò che ci è stato inopinatamente tolto da alcuni "pennaioli" della carta stampata e no: riappropriamoci la lingua! Cominciamo con lo scrivere "crac" (senza "k") per indicare un fallimento, un crollo finanziario; "ciac" (e non "ciak" o "ciack") per designare la tavoletta cinematografica; "cric" (non "crik") per indicare il martinetto. Accentiamo tutti i numeri composti con il tre: ventitré; cinquantatré; ottantatré. Accentiamo il tre anche se la parola che precede non è un numerale: Raitré. Accentiamo i giorni della settimana: lunedì, martedì, mercoledì, giovedì e venerdì. Quando occorre "pluralizziamo" il sabato: Ci vediamo tutti i sabati. Non c’è nessuna norma grammaticale che vieta il plurale. Rispettiamo, o meglio, riappropriamoci la "transitività" di alcuni verbi come "irridere", "abboccare". Si sente dire e si legge spesso: irridere alla mia richiesta; abboccare all’amo. No, amici cari, queste frasi sono... errate. Poiché i predetti verbi sono transitivi si dirà, in forma corretta, irridere "la" mia richiesta e abboccare "l’ " amo. Ci sono anche dei casi inversi, però. Alcuni verbi "nati" intransitivi vengono coniugati in forma transitiva da moltissimi "soloni" della lingua; il caso più eclatante - si lasci passare questo barbarismo - riguarda il verbo "presiedere". Il suddetto verbo significa - alla lettera - "essere a capo di"; non può essere seguito, quindi, dal complemento oggetto: si presiede "a" un convegno; si presiede "a" una riunione. Insomma, si è a capo "del" convegno; si è a capo "della" riunione.

Riteniamo superfluo ricordare che molti scrittori o presunti tali non si sentono vincolati al rispetto delle norme grammaticali; molti di questi sedicenti scrittori sono ritenuti - non si sa bene da chi - i "padri della lingua", "surclassando" il "Dante nazionale". Voi, gentili amici, seguiteli, se volete; sappiate, però, che la legge grammaticale è incontrovertibile: presiedere è solo intransitivo, anche se - come il solito - alcuni vocabolari... Ma tant’è.

di Fausto Raso

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Fri¨li, non Frýuli.
Fare... o essere...
Promanare...
Barbaro...
La diatesi?
Essere in balia di qualcuno...
Partire...
La nascita del lei.
Il tanghero...
L’influenza...
il nome del Papa...
Andare a spianto...
I bagni penali.
Maratona...
Il corrotto...
Costar caro...
Requisiti richiesti...
Guadagnare...
A riveder le...bucce.
In difesa del congiuntivo.
DELLO STESSO AUTORE
Capire l’antifona - Lettera S
Capire l’antifona - Lettera F.
Da dove deriva l’espressione...mangiare la foglia?
Essere in balia di qualcuno...
Trattare con i guanti gialli...
Fare... o essere...
Qualunque.
Un’inutile ripetizione...
Abbaiare alla Luna...
L’uso del Lei...
Questo o questi...
Fri¨li, non Frýuli.
A riveder le...bucce.
Capire l’antifona - Lettera E.
I bagni penali.
Il tanghero...
Far la Melina
NEPOTICIDA...
Consobrinicida...
Fare orecchi da mercante...
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione