HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Essere Amici.
di Giorgio Marchese  ( direttore@lastradaweb.it )

15 gennaio 2005






Il vantaggio di non doversi temere.


 

In questo lavoro, così come negli altri della medesima sottosezione, si riportano estrapolati di colloqui analitici, finalizzati ad affrontare argomenti di interesse pubblico. L’operazione, con il consenso degli interessati, rispetta tutti i dettami della legge sulla Privacy ed i principi del rispetto e della correttezza professionale.

BUONA LETTURA

Lei spiega nell’articolo "L’Amicizia" che il fatto di sentirsi obbligati ad essere disponibili verso un amico, anche a scapito proprio, dipende da apprendimenti di tipo religioso o comunque illogici e che appartiene a problemi personali che andrebbero affrontati e risolti. Io le ho riferito, più volte, di essere stata troppo disponibile verso persone cui sono legata affettivamente e, poi, di essermela presa con me stessa per i conseguenti disagi che ho avuto. Perché continuo a fare tutto questo?

Per abitudine. Nel passato quello di dover essere disponibile ad ogni costo e per ogni richiesta verso le persone ritenute amiche o parenti, era un sistema legato ad apprendimenti prevalentemente materni; oggi, le è rimasta come abitudine inconsapevole, se non si controlla, quella di eccedere nella disponibilità.

Come modifico questo sistema?

Quando si relaziona con persone che ritiene amiche, è necessario che rifletta consapevolmente sulle richieste che le fanno e sulla sua disponibilità ad accoglierle, visto che poi ne paga le conseguenze.

Comunque, io mi sento disponibile, in genere, ad impiegare tempo ed energia per essere utile in qualcosa di pratico, mentre ciò che poi mi porta disagio e sofferenza sono le lamentele relative a problemi personali, soprattutto se anche io sono afflitta da problemi analoghi. Perché ciò accade?

Mi faccia un esempio.

Io vivo da sola da qualche anno e più passa il tempo, più questa condizione mi pesa. Se qualcuno che si ritrova in una condizione simile alla mia, magari temporaneamente, si lamenta con me della propria solitudine, mi sento male... per me e per lui!

In questi casi dovrebbe adottare una risposta adeguata, cioè dire che si sta parlando di argomenti per lei difficili, dal punto di vista personale, e far terminare quella discussione. Si tratta di richiamare l’attenzione su un dato di realtà, cioè: "Tu ti lamenti perché sei rimasto solo, ma stai parlando con una che è sola. Allora, come pensi che mi possa sentire io? Se tu ti lagni io, poi, soffro perché mi attivi altre problematiche; di conseguenza non sono in grado di starti a sentire. Se hai problemi di altra natura, che non sono anche i miei, è possibile che ti possa aiutare, altrimenti danneggio me stessa, né tu puoi pretendere una cosa del genere, perché, altrimenti, non dimostri di essere una persona amica".

Ma non può ritenersi offeso un amico, se, in un momento in cui ha un problema ed ha bisogno di parlarne, gli si voltano le spalle?

E se il tuo problema è simile al mio, io, poi che faccio? Con chi ne parlo? Mi sfogo con te? Così, poi, ti ricarico e il circolo continua!

Bene! Ma nel caso in cui una persona non accetti queste motivazioni?

Diventa un problema dell’altro... ma non suo!

Nello stesso articolo lei spiega che, molte volte, bisogna non rispettare i dettami della logica, per non rimanere soli. Ma fino a che punto?

A parte il fatto che io mi riferisco a situazioni che prevedono legami connotati da intensa affettività, posso rispondere dicendole che il limite lo stabiliamo noi, in base al rapporto che abbiamo creato con chi ci sta di fronte. E’ chiaro che la cosa non ci deve creare problematiche consistenti. Se lei per danneggiamento considera la perdita di sonno, è una cosa accettabile, se, invece, valutiamo elementi più importanti, c’è da riflettere. Ma sono sempre valutazioni personali, che dipendono da cosa le ha dato l’altro, da cosa le ha dimostrato: una persona che si è proposta in maniera affettuosa, disponibile, concreta, pronta ad aiutarla, merita che lei si attivi in caso di difficoltà: non può certo parlare di principi logici di autoconservazione, anche perché, altrimenti, non trova nessuno che sia pronto a relazionarsi con lei, dal momento che mostrerebbe come un essere umano troppo "difficile" rispetto ai "limiti" di questo periodo storico. Nel rapporto con se stessa, per le decisioni importanti può e deve usare la logica; nel momento in cui si relaziona con gli altri, ha necessità di ricordarsi che ci sono dei limiti, altrimenti può andare a fare il "romito" su una montagna!

Come, scusi?

Era un’affermazione di Eduardo de Filippo in "Natale in casa Cupiello".

Ah!

Tornando a noi, lei spiega che un rapporto di reale amicizia funziona da specchio in cui possiamo rivedere, molto spesso, nostri aspetti positivi e negativi. Cosa significa?

Non è che noi rivediamo nell’altro nostri aspetti, ma è nel rapporto con l’altro che possiamo vedere delle manchevolezze. M spiego meglio: un amico le può far notare, con belle maniere, quelli che sono i suoi difetti e la stimola a superarli. Un vero rapporto di amicizia è tale se, chi ti sta accanto, ti dice le cose così come stanno, senza prenderti in giro.

Ma non tutti lo accettano.

In quel caso non si può parlare di rapporto di amicizia valido per entrambi allo stesso modo. Da un amico si accettano determinate affermazioni, soprattutto se, poi, se ne verifica la correttezza, così come di un amico si accettano pure i limiti, con benevolenza. Inoltre, l’amicizia è l’elemento fondamentale per la costruzione di un rapporto di coppia, perchè si è pazienti e disponibili, altrimenti, ci si fa una guerra continua.

Mi può salutare con il solito aforisma, per favore?

"Bisognerebbe scegliere per moglie solo una donna che, se fosse un uomo, si sceglierebbe per amico. (Joseph Joubert)

 

G. M. - Medico Psicoterapeuta

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
La rabbia...
...Per cambiare davvero!
L’abitudine a farsi male.
Conflitti... e dintorni
Come adattarsi...
Il presuntuoso negativo.
Programmazione e autorganizzazione.
Pax Vobis.
Trasformazioni ed evoluzioni caratteriali...
Malinconia esistenziale.
L’Amicizia.
La paura dei cattivi ricordi...
A proposito di presunzione...
Permalositā, suscettibilitā e... offese facili!  
Opportunismo e opportunitā.
La paura, il conformismo e i complessi di inferioritā.
Ossessioni e dispercezioni.
Perchč si ha paura ad essere felici?
Perfezionismi...
I pregiudizi.
DELLO STESSO AUTORE
Come capire e vivere meglio l’amore
SOS ALZHEIMER e Counseling solidale.
Il nostro cervello...
Far bene l’amore fa bene all’amore...e non solo
Quesiti - La deflorazione.
Tessuto Nervoso.
Il meccanismo dell’Apprendimento.
I migliori anni della nostra vita...
La solitudine.
Ossessioni e dispercezioni.
L’angoscia esistenziale.
Psicoterapia, personalitā, epigenetica.
Capire l’antifona - Lettera F.
La sensibilitā della donna e dell’uomo...
Il Male oscuro?
Come si rinnova l’amore?
Il Counseling. Cos’č e a cosa serve.
Paura, autostima e sensi di colpa...
La Mente e i tumori.
Libertā va cercando ch’č sė cara...
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lā del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lā - Curiositā
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunitā e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione