HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
il raglio del mulo - 2.
di Vincenzo Andraous  ( vincenzo.andraous@cdg.it )

21 dicembre 2004






Quando la vergogna entra nelle case disabitate dal cuore, non c'è più giustificazione, nè risposta che possa bastare.


 

LUCI NEL BUIO - 33

Per conoscere meglio l’autore, si può leggere la ricca presentazione pubblicata nell’articolo "il falco dagli occhi lucidi", presente nella medesima sezione.

 

Quando un minore o un giovanissimo diventano fatto di cronaca, lasciando sul terreno il rumore sordo del dolore delle vittime, la domanda è già risposta, così evidente da sembrare sociologia spicciola parlarne.

Di certo non c’è sempre malavita organizzata dietro questo schiantarsi della ragione, neppure professionisti del crimine.

C’è solamente una periferia invisibile in un territorio vivo.

Un bullismo che si è trasformato in gang, una generazione di maledetti per vocazione che a forza irrompe nell’agglomerato umano lasciato senza custodi educazionali. Una colonna di impavidi per età, per inesperienza, per solitudine, imperversa nelle mancanze altrui, a cominciare da quelle della strada, dove non esiste più regola, né valore, figuriamoci ideale, tant’è che il disvalore non è più solo la spiegazione acculturata di una negatività, è soprattutto ciò che campeggia sui sellini degli scooter ben allineati ai margini della via.

Mi torna in mente la sofferenza che ho provato per il raglio di un mulo ferito a morte, un raglio che ti penetra sotto pelle, ti grida dentro le ossa, fino a farti impazzire per non ascoltarlo più. La gente discute della follia di quello e di questo, a me tornano in mente le parole del mio amico Erri de Luca : " La vergogna del sangue, vergogna che paralizza più dell’ira".

Non mi viene facile, concludere con una sentenza, con un’altra condanna del colpevole, troppo facile e scontato l’epitaffio. Mi viene più fisico e dunque meno caritatevole il disagio per quella vergogna che dovrebbe assalire; "intero il corpo e la mente, per tanto sangue offeso e umiliato. Vergogna del dolore e vergogna del sangue ".

Quando la vergogna entra nelle case disabitate dal cuore, non c’è più giustificazione che tenga, né risposta che possa bastare. Se c’è vergogna che bussa alla tua porta, essa non è miracolo di qualche seduta di psicoanalisi, piuttosto è capolinea di ogni trasgressione.

E’ ultima stazione concessa alla cecità dell’esser contro sempre e comunque. E’ spettro di ghigliottina per ogni colpevole accettazione di un folklore metropolitano che genera cultura dei totem e del branco.

Quando le nocche delle dita sono sbucciate, e nelle orecchie stride il rumore dei denti spezzati, allora è davvero il momento di mettersi lo zaino in spalla, cacciandovi dentro le armi di offesa e di difesa della propria ottusità e delle proprie miserie, in codici d’onore presi a calci dalla storia, e ogni volta riesumati in occasioni tutte a perdere.

Quando un giovane cade, significa che c’è dilacerata la torsione delle emozioni, c’è il dolore della perdita, ma c’è anche l’esaltazione della zona franca, dove tutto è stato sempre condiviso, dove c’è soprattutto da difendere la rampa di lancio per continuare a fare proselitismo tra i più giovani, quelli più esposti all’innamoramento del " sono tosto ".

Vincenzo Andraous - Dicembre 2004 /Tutor Comunità "Casa del Giovane" - Pavia

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
L’accoglienza...
Gesù dovrebbe rifiutarsi di risorgere!
L’attesa...
Sepolcri imbiancati.
Rinascere davvero.
A Noi... e non agli Altri !
Sul carcere e sulla pena...
La prevenzione preziosa.
Come pugni...
Domanda di Grazia a Gesù.
Terrorismo...
Parole in trappola...
Brigate Rosse e amnesie generazionali.
In ricordo di Fabrizio de André.
Il popolo del volontariato.
La Passione Di Cristo.
Dignità disabitata.
Trapezisti di umanità .
Quel cappio al collo...
Quando il Male aggredisce il Bene...
DELLO STESSO AUTORE
Un uomo in vendita.
I Media e la guerra che non c’è.
Messia (Il vero significato del Natale).
In barba al profeta (e a Gesù sulla croce).
Quel cappio al collo...
Il Purgatorio...
Disvalori dell’indifferenza.
Come pugni...
La fuga e la coscienza.
Famiglia... Scuola...
Il questore giusto.
Caro Presidente...
La casa del Cuore...
Libertà va cercando ch’è sì cara...
Potenti ruggiti o solo vagiti?
La dignità smarrita.
Il tirapugni del bullo.
Nel nome del Popolo Italiano!
Quest’anno il Bambino è nato a casa mia...
Non auguro questo carcere neppure al mio peggiore nemico...
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione