HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
I bambini non si toccano... mai!
di Vincenzo Andraous  ( vincenzo.andraous@cdg.it )

7 settembre 2004





L'uomo che si prepara alla sua morte è colui che " decide la sorte dei bambini ".


 

LUCI NEL BUIO - 30

Per conoscere meglio l’autore, si può leggere la ricca presentazione pubblicata nell’articolo "il falco dagli occhi lucidi", presente nella medesima sezione.

Quand’è che un uomo si prepara alla sua morte? Quando uccide un suo fratello? Quando tortura il suo prossimo? Quando inganna la sua natura per uno spicchio di potere destinato al fallimento?

L’uomo può essere assassino spietato o miserabile indefesso a seconda delle occasioni che gli si presentano, può persino diventare santo o martire per amore, per fede, per umano richiamo di fratellanza. L’uomo è tale perché imprevedibile nei suoi bisogni, nelle sue tensioni etiche, nelle sue disperazioni disturbanti e disturbate. Egli è uomo nei tanti limiti imposti e non del tutto consapevoli, a tal punto da redigere in calce a una sentenza di giudizio eterna, la speranza di ritornare a essere una persona nuova. Quando invece l’uomo varca il confine della sua memoria, annientandola e depredandola del suo valore di MONDO, di UNIVERSO, di FUTURO, dimenticando il respiro che Dio dona a ognuno quando conserviamo la bellezza del "Bambino ", allora quell’uomo si prepara alla sua morte, e cosa ben peggiore prepara l’umanità ad accettare la sua eclissi.

L’essere umano che sopravvive a se stesso ci disegna il peso di una somma che non possiede più sottrazione né addizione, ci consegna, nudi, alla realtà che stiamo costruendo pallottola dopo pallottola, cannonata dopo cannonata, rappresaglia dopo rappresaglia. Quell’uomo ci sbatte sulla faccia la colpa, quella più infame, quella svestita di ogni più piccolo scarto di dignità.

L’uomo che si prepara alla sua morte è colui che " decide la sorte dei bambini ".

Bambini sventrati per arte e per parte di chi attacca e di chi si difende, bambini a perdere su comando e per obbedienza, bambini come torce per vendetta e per giustizia. Bambini sepolti dall’equità ingiusta delle differenze. Bambini dimenticati per tanti interessi, per troppi vezzi che non debbono somigliare a privilegi.

Comunque, bambini al macello.

Orrore e paura, vendetta e odio, ma quei bambini dal capo reclinato, non saranno mai merce di scambio per chi dell’abito si fa maschera, né per le vittime che non avranno sudari da lasciare. I bambini non si toccano, persino il delinquente più incallito non viene meno a questo principio, e piega il capo di fronte alla natura innocente. I bambini non si toccano, è comandamento che andrebbe riversato nelle piazze in fiamme, come nelle coscienze addomesticate, vergato su ogni giaciglio di terrorista, su ogni inciampo di stato, per ogni nefandezza nascosta al retro del più nobile ideale.

I bambini non si toccano MAI, ben scritto su ogni bandiera della pace, ben cucito sul petto di ogni uomo libero di liberare la libertà dell’altro, e diventare donatore del sorriso di Dio, sempre.

 

Vincenzo Andraous - Carcere di Pavia e tutor Comunità "Casa del Giovane" di Pavia

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
La Pasqua
LibertÓ che non ritorna...
Natale...
Giustizia...
Io, ho smesso di fumare!
Vogliamo vedere Ges¨!
Natale a casa di Massaro Rocco
Parole in trappola...
Emergenza genitoriale.
Bambini colpevoli...
Sul carcere e sulla pena...
Giovane.
Donne e bambini al macero...
La memoria corta, non Ŕ Pasqua!
Ges¨ dovrebbe rifiutarsi di risorgere!
L’accoglienza...
EROI DI VERGOGNA
Un percorso educativo ostinato e contrario.
Quando il Male aggredisce il Bene...
Dal baratro alla rinascita.
DELLO STESSO AUTORE
LibertÓ va cercando ch’Ŕ sý cara...
La casa del Cuore...
Recuperare il valore delle proprie risorse.
Scempio e imbarazzo alla SNIA di Pavia.
Spinelli...
Nel recinto chiuso.
Mi calo e basta. La vita Ŕ tutta qui!
╚ la droga il maggiore distruttore di identitÓ.
I tatuaggi invisibili del bullo.
Vittime... O Carnefici?
Come pugni...
Sfatare i luoghi comuni.
Amore che non trema.
Veterani, di una guerra di nessuno!
Soldato di pace.
Giubileo...
Complici e vittime plaudenti.
Quest’anno il Bambino Ŕ nato a casa mia...
Sono cose che possono accadere!
La vergogna del sangue.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione