HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Eutanasia di un Amore.
di Giorgio Marchese  ( direttore@lastradaweb.it )

10 gennaio 2014






E, all'improvviso, tutto finisce. Ma perché?


 

Riflessioni

Questo incontro "informale" di analisi personale, esposto sotto forma di racconto realmente accaduto (in una dimensione semi onirica), non costituisce solo il resoconto di emozioni che si trasmettono per avere delle risposte. Rappresenta la condizione di tutti coloro i quali sono alla ricerca di quel pane "caldo" che sfami il proprio bisogno d’amore. La nostra storia.

Quella sera, contavo di fermarmi poco da "Bundini" (noto locale della città, gestito da un personaggio tanto strano quanto particolare, che era stato all’angolo di Mohammed Alì dei tempi migliori, capace di organizzare ogni evento sportivo di alto livello, in qualunque momento ed in qualsiasi condizione), il mio amico Perry, l’avvocato, era in missione per lavoro ed io ero sufficientemente stanco da meritarmi un morbido piumone caldo fino all’indomani, in posizione orizzontale.

Nell’angolo più buio, lì, dove stanno i pensieri più "infidi" intravidi una figura conosciuta... si, Frank, il compagno di tante scorribande e di missioni impegnative, dove io partecipavo come consulente psicologo, per tentare di recuperare quello che rimaneva di "sano" nella mente di tanti poveri ragazzi.

Sapevo che era stato congedato con una robusta liquidazione che gli aveva consentito di accedere al mondo dell’alta finanza dove tutto ha il profumo dei soldi, anche il cuore, da cui deve sgorgare continuamente potere e danaro, per restare sulla "cresta dell’onda". Ero al corrente del fatto che si era sposato con una donna affascinante e, al tempo stesso, molto intelligente. Cosa ci faceva, allora, in quel recondito freddo e scuro, al pari del suo doppiopetto grigio acciaio?

"Ti dispiace se mi accomodo, amico?" Due occhi grigi, fieri e sconfitti, fanno fatica a riconoscermi... è solo un attimo, un abbraccio scioglie le emozioni... "Da quanto tempo, Frank... da quanto tempo mi cercavi... e non mi hai mai chiamato?"

"Da molto, Malcom, ho bisogno di capire in che realtà mi sono spalmato... ho bisogno di liberarmi di una pena che mi martella il cervello ... non ho più interesse nei miei affari, nel mio lavoro: credo che con mia moglie sia finita!"

"Credevo che il tuo, fosse un rapporto d’amore vero, consolidato da anni di vita in comune e ricco di esperienze interessanti... mi cogli impreparato... sono perplesso!" Ecco, questo avrei voluto dirgli, ma rimasi, rispettoso, ad ascoltare il suo murmure silenzioso...

"Uno spirito, un’anima, un cuore appagati sono recipienti pieni d’acqua:
non ricevono più nulla che non rigettino subito, Malcom!"

Strano rompicapo! Ma avremmo comunque analizzato in un altro momento il significato della sua affermazione. Ora era importante restare ad ascoltare.

"Il lavoro, Malcom, i centri di potere, gli accordi, i grandi appalti, le decisioni che cambiano assetti internazionali, un corpo fra le lenzuola che ti riscaldi quell’anima che hai freddato con compromessi di sangue... sono cose che non puoi capire... la gestione del potere, la ricchezza, la scalata sociale... il peso del tuo vuoto..."

Cosa ci fa stare insieme, Malcom? Cosa ci tiene uniti, senza bisogno di commerciare l’interesse di chi ti è vicino? Io l’ho dimenticato!

"Il bisogno di avvicinare due solitudini che si parlino senza veli e senza ipocrisie, che si sostengano nel crescere e migliorare, attraverso tante parole e tanto lavoro in comune per il piacere di stare bene insieme. Non c’è niente di più bello nel sapere che qualcuno ti sta aspettando non per ciò che rappresenti, ma per quello che sei, che sai dare, con i tuoi pregi ed i tuoi difetti che, ai suoi occhi, diventano aspetti peculiari ed insostituibili della tua personalità; insomma, nel vero amore... è l’anima che abbraccia il corpo!".

"Ci siamo spenti dentro, io vorrei tentare di riviverci in momenti di intimità, lontano da tutto, ma lei mi rifiuta, sostenendo che, alla fine, ogni uomo ha il solo interesse di brevi istanti in cui scaricare la propria animalità!"

"Ma hai provato a spiegarvi che lo stare vicini, al punto da alitare all’unisono, può essere diverso dalla pura e semplice ormonalità e che, in certi momenti che solo chi si ama sa costruire, si provano sensazioni irripetibili e insostituibili?"

"Io, veramente, ho perso di vista il mio, il nostro aspetto umano... il fatto è che mi sono abituato ad avere, a comprare, senza bisogno di chiedere... è questo è il mio problema!"

"L’amore è come l’eco, Frank: regala quanto riceve! Prova a desiderare con vivo interesse qualcuno o qualcosa: chi ti viene in mente?"

"La mia compagna, per tutto quello che di buono mi ricorda... per portarmi fuori, da questo pozzo prosciugato"

"E allora spezza le catene del freddo che sale, nel dialogo con lei... già, nel dialogo...Ma quando hai imparato a saperle parlare? Quando è stata l’ultima volta che ti sei chiesto cosa avresti potuto fare, ancora, per chi, un tempo, eri così sicuro di amare? A cosa sei disposto a rinunciare, ora? In cosa ti senti disponibile a cambiare, veramente, senza prenderti in giro? Che ti dà, quella persona, per essere così importante per te? Ecco il segreto per ricementare un sodalizio d’amore: un rapporto di complicità, rispetto, dedizione, disponibilità, con in più, il piacere di aprire all’altro, le porte del proprio animo, senza paura di essere ferito..."

"È una situazione nuova che non so gestire... mi fa sentire incapace!"

Mi stupii molto che Frank fosse così "esposto" emotivamente su un argomento d’amore, lui così freddo e "impenetrabile"... d’altronde, siamo tutti ugualmente in difficoltà sul Golgota dei bisogni fondamentali, senza un mano "amica" che ci avvolga e ci riscaldi...

"Uno spirito, un’anima, un cuore appagati sono recipienti pieni d’acqua:
non ricevono più nulla che non rigettino subito, Malcom!"

Mi alitava, "dentro", ancora questo delfico "incastro" in cui sapevo, "esserci" la chiave di tutto...

"Un Martini, Malcom?, offre la casa! "

Quando ti mancano le idee, però, una parola può venirti in aiuto, quando meno te lo aspetti!

"No grazie, non questa sera... ringrazia Bundini da parte mia".

Improvvisamente, nei giri del lobo libico e dell’ippocampo, dove transitano le idee e le emozioni più importanti, sentii scattare una serratura: avevo capito, finalmente! Ma era chiaro! Quando sei saturo di qualcosa, e ti senti un recipiente colmo di visi e strette di mano... e parole, parole, parole... non vuoi che entri più nulla nel tuo animo "intossicato". E piano piano, scivoli in una dimensione temporale di cui non sei partecipe, ma che ti mostra, come un amaro ritratto di Dorian Gray, lo specchio della tua vita quando ormai non c’è più vento per raddrizzare le vela della "barca"...

Frugai nelle tasche del mio Ivy Oxford... trovai degli appunti sparsi, scritti in momenti di solitudine, forse stimolato dal silenzio delle mie immersioni subacquee, dove il suono delle bolle diaria che risalgono verso la superficie ti ricordano che tutto ha un termine... la bombola a tua disposizione, le occasioni fortuite, la vita stessa che scorre, insieme ai battiti del cuore. Una mano li porse, un’altra li "inspirò", come due polmoni che si espandono alla brezza del mattino.

"Guardavo l’orizzonte, a picco sul mare, respiravo l’aspro della salsedine e ascoltavo la voce di dentro. Puoi soffrire una vita senza riuscire a dire un perché... i sentimenti cambiano come le immagini sbiadiscono nel tempo... e l’abitudine raffredda la tua voglia di amare. I pensieri affollano la mente ma non riescono a restituire foto nitide su quello schermo della verità, di fronte al quale cerchiamo di capire che cos’è, in pratica, l’amore. Forse è un treno, che illumina la notte da dove, tanti occhi si muovono come lucciole nel grano smosso dal vento. Guardati bene, cosa hai raggiunto? Quando hai perso il gusto di guardarla, di pensarla? Quante volte avrebbe voluto dormire sul tuo petto ed è rimasta a sognarlo, da sola, in un talamo indifferente? Come si fa ad arrivare al suo cuore? Forse sfiorandolo con affetto, dolce, come la brezza che accarezza le foglie... Hai avuto luci, ombre, amici interessati... quante cose vorresti dirle... e non sai da dove cominciare! Pensaci bene, in fondo, forse, è ancora giovane l’amore per lei... vivo, più ancora del tuo grigiore, ecco perché puoi avere, dentro, la certezza di incontrarlo ancora. Domani".

Albeggiava, ormai e non sapevo come avrei potuto affrontare una dura giornata di lavoro, di quelle senza soluzione di continuità; ma ero contento di aver provato ad essere utile all’amico di un tempo, anzi, di sempre: in fondo, la mia immagine allo specchio...

Due occhi grigi e fieri annuirono affettuosi, quando salutai con un sorriso, uscendo dal locale. Il giorno aveva preso il posto delle tenebre e tutto, finalmente, era chiaro e semplice... come il sorriso di una donna che ti attende con affetto.

G. M. (5 giugno 2004)

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Buona Pasqua.
NATALE 2018
Care figlie...
L’uomo delle stelle.
Emozioni sbiadite...
Il sognatore...
Quando guardi il mare...
Un’idea di Patria.
Il valore del Silenzio.
Catene...
A Gianfranco Marcelli.
Vita...
Perché accade, quel che accade?
Se questo è un uomo!
Se Rinasco...
La Felicità, per me.
Le Stagioni della Vita.
Mi fido di te.
Carne da macello...
Il potere della gentilezza.
DELLO STESSO AUTORE
Come si rinnova l’amore?
Quesiti - La deflorazione.
Il prezzo della vita...
Tessuto Nervoso.
Neuroni e Nevroglia.
Il nostro cervello...
I conflitti interiori.
Il senso di inadeguatezza.
Vai, Valentina!
Depressione.
Burattini o Marionette?
L’approccio giusto per affrontare l’Estate.
Far bene l’amore fa bene all’amore...e non solo
Capire l’antifona - Lettera F.
Il senso della vita. L’autoaffermazione.
La biochimica delle emozioni.
Libertà va cercando ch’è sì cara...
Vigilanza, attenzione, concentrazione e riflessione.
...Essere in grado di integrarsi nella Società
Il Pensiero e la coscienza di sé.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione