HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
EROI DI VERGOGNA
di Vincenzo Andraous  ( vincenzo.andraous@cdg.it )

24 maggio 2004





"C'è vergogna, tanta vergogna per il potere che non è servizio nè umana condivisione. Per il mondo che si scandalizza, ma rimane avvinto al proprio sepolcro imbiancato"


LUCI NEL BUIO - 27

Per conoscere meglio l’autore, si può leggere la ricca presentazione pubblicata nell’articolo "il falco dagli occhi lucidi", presente nella medesima sezione.

"Non c’è colpa per il colpevole, non c’è giustizia per la vittima, non c’è neppure inizio né fine per alcuno, c’è solamente sangue e distruzione.

Irakeni e americani, palestinesi e israeliani, Bibbia o Corano, kamikaze o esercito, tortura o sepoltura, l’imbarazzo non è in mio figlio che muore, ma nella scelta, che obbliga, che impone, che costringe e restringe ogni azione di coscienza, fino al punto da conservare il solito metro di distanza che ci separa dall’incontro con la disperazione degli altri.

Chissà dove sta la ragione nel colore del sangue, nel raccontare questo mondo che non sa più migliorare, in chi muore e non ha più diritto neppure di essere sconvolto, siano cristiani, mussulmani, ebrei, senza bandiere né privilegi, soltanto popoli custodi della propria dignità-identità, dei propri diritti e dei propri doveri.

Forse la ragione sta nel guardare a occhi davvero aperti i morti, tanti, troppi, crescono nelle fosse scavate a misura.

Morti senza onore dei vincitori, perché non c’è sconfitta più pesante dell’omicidio.

Alle donne, ai bambini, nudi o travestiti di futuro, tutti derubati di sogni e di speranze,

Vergogna, c’è vergogna per ciò che accade in terra di ogni continente, per coloro che innalzano vessilli e barricate, ideologie superate nelle povertà moderne.

Vergogna, c’è vergogna, per la richiesta di andare contro all’uno o contro all’altro, smentendo e nascondendo ciò che accade, soprattutto ciò che è.

Vergogna, c’è vergogna, in chi non rispetta i domani, ancora tutti dentro al presente che non esiste.

In chi abbarbicato alle proprie inadempienze politiche e umane, decide di optare per i plotoni di esecuzione, per le vendette autorizzate, per le follie omicide assunte a regole auree.

C’è vergogna da gridare e da liberare nelle strade a mattatoi, nelle vie dedicate a eroi sconosciuti.

Per gli innocenti dilaniati, per il popolo tutto incarcerato, per chi non mangia, non lavora, non sorride.

Per chi imbraccia il mitra e non sa dove mirare e sparare, perché ogni cosa è diventata priva di valore.

C’è vergogna, per chi arretra, per chi avanza, per chi a 16 anni è spedito al creatore.

Per chi difende, per chi attacca, per chi condiziona i più giovani, fino a renderli meno liberi di quanto è dato immaginare.

C’è vergogna per ogni tortura, persino per i silenzi, per le sviste, forse anche per chi lo ritiene giusto ma non lo dice.

C’è vergogna nella scelta di stare da una parte o dall’altra, dalla parte di chi ha pagato il dazio più grande alla storia, e dalla parte di chi anela un po’ di giustizia e di terra inzuppata di sangue.

C’è vergogna, tanta vergogna per il potere che non è servizio né umana condivisione.

Per il mondo che si scandalizza, ma rimane avvinto al proprio sepolcro imbiancato.

C’è vergogna da vendere, allorché Dio, Gesù, Santi e Profeti, sono branditi come clave per demolire coscienze e vite tutte a perdere, c’è tanta vergogna se la Fede che ognuno professa è il mezzo e non il fine, soprattutto è un abito dismesso più volte."

Vincenzo Andraous - Carcere di Pavia e tutor Comunità "Casa del Giovane" di Pavia

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Pedagogia del servire
La guerra degli innocenti.
A carte scoperte.
Sogno? Chissa!...
E’ uno di quei giorni...
Finita la festa ...
Neppure come cattivo maestro...
Un altro in meno.
Dall’ultima fila...
Emergenza genitoriale.
Riconciliazione.
Scacco matto in tre mosse...
Al mio amico Maicol.
L’infamia più grande...
Nel recinto chiuso.
Omertà non sta a solidarietà
La Pasqua
Natale 2015
Quando il Male aggredisce il Bene...
Un percorso educativo ostinato e contrario.
DELLO STESSO AUTORE
Alle nove del mattino.
Grida che non sempre riusciamo a cogliere.
Al voto...
Un percorso educativo ostinato e contrario.
Violenza spicciola, che fa male...
Applausi a mani nude.
Aspiranti professionisti dell’ultima meta.
Spari...
Colpi sotto la cintura.
Quel cappio al collo...
Macerie umane e speranze.
Brigate Rosse e amnesie generazionali.
Liberare la libertà.
Unica vera risposta: la formazione.
L’indifferenza del sangue.
Un intruso gioca con la tua vita.
Alle cosiddette persone civili...
Giubileo...
Sono cose che possono accadere!
Una riflessione da svolgere con cura.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione