HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Le stranezze della vita
di Mariano Marchese  ( marianomarchese1@gmail.com )

24 maggio 2004

A volte la vita è proprio strana, ti succedono cose che ti capita di vivere, come lontane emozioni, solo attraverso lo schermo di un televisore o, al massimo, di un cinema. Capita di commuoverti per una scena triste ma poi ti tranquillizzi perché, tutto sommato, si tratta solo di un film. Ma quando il film si materializza nel tuo quotidiano catapultandoti in una realtà che non vorresti mai che ti appartenesse, allora per te inizia un brutto incubo dal quale non basta aprire gli occhi per potergli sfuggire. E' in questi momenti di vera difficoltà che ti rendi conto di come il tarlo della paura si insinui, lento ma costante, nelle anime di familiari e amici devastandole; e ti accorgi di non poter fare nulla per loro perché devi fare ricorso ad ogni energia sparsa nel tuo corpo e nella tua anima; tu hai veramente altro a cui pensare, infatti, devi recuperare tutte le tue forze per superare quel brutto incubo, per tentare di scorgere la luce alla fine di un lungo e buio tunnel, al fine di determinare, ancora una volta, il tuo futuro, quel futuro che senti sfuggire piano piano e che tenti di riprenderti perché ti appartiene, è tuo! A volte però dell'incubo non ne sei il protagonista ma semplice spettatore! Mors tua vita mea, verrebbe da pensare, la realtà, invece, sta proprio da un'altra parte; se ad essere infelice protagonista di quel brutto incubo è un familiare molto stretto, mettiamo un fratello, allora l'incubo diventa dramma; dentro di te si innescano dinamiche indescrivibili che ti conducono sul sentiero della paura. In quel momento hai due possibilità...Per continuare a leggere cliccare sul titolo


...l’una che consiste nel perdere la testa andando a infoltire la già nutrita schiera di impaurite persone che, in maniera del tutto inconscia, ma pesante, trasmettono le proprie ansie, le proprie incertezze proprio al malcapitato che, allora, comincia a rifiutare tutti, allontanando per proteggersi e proteggere,certo non per cattiveria. L’altra possibilità è quella di non perdere la testa quando intorno tutti l’anno già persa. Più facile a dirsi che a farsi, ma è proprio così, in quanto solo così puoi renderti veramente utile, solo così puoi fornire il positivo di cui l’altro ha bisogno, altrimenti meglio lasciar perdere. Superati i primi momenti di difficoltà dovuta al lato affettivo che ti coinvolge emotivamente, senti una forza inarrestabile sgorgarti da dentro una forza che ti permette di accompagnarlo nel lungo percorso che dovrà affrontare. Sai di dover dire la parola giusta al momento giusto, come di dover essere presente una volta e sparire l’altra, rispettando i suoi momenti di riflessione che gli consentono di essere forte, dignitosamente forte cosciente di essere tale. Dentro di te si innescano tanti pensieri, tanti ricordi che ti scorrono innanzi proprio come in un film, il film della tua vita in cui tuo fratello scopri che non è stato una meteora bensì uno dei pochi attori protagonisti. Lo rivedi mentre ti da forza in un momento davvero difficile e il serbatoio del tuo coraggio, della tua voglia di esserci, ti si riempie come per magia; se credevi di essere stanco scopri di non esserlo, se credevi di mollare sei cosciente di riuscire a non farlo, se credevi di non essere abbastanza maturo per reggere, ti scopri, invece adulto, ti scopri fratello, forse padre, amico e quant’ altro possa servire a superare il momento; sai che devi dargli la tua lucida coscienza in aggiunta alla sua, la tua forza interiore che trovi nascosta dentro e che non sapevi di avere, almeno in simili quantità. Ti scopri diverso, ancora una volta diverso, sai di vivere un’esperienza che ti cambierà, e, come si usa dire ogni esperienza, bella o brutta, sai che è pur sempre un’esperienza. Quando, poi, la ricerca di un perché, di una spiegazione, spinge ad andare lontano e a essere solo con lui, ti riscopri ancora più forte; affronti la solitudine del momento con lucida coscienza, vivendo una realtà che non ti appartiene in un mondo che non conosci e con il quale ti devi comunque confrontare, con il bagaglio di tristezza che ti pesa sulle spalle come un macigno...il tutto da solo, ma solo con te stesso, recuperando, forse, un rapporto che tenevi da parte; anche questa è un’esperienza, non ti spaventa perché sai che contribuirà alla tua crescita, esperienza che ti vede salire e scendere le scale di un ospedale, andare avanti e indietro in una sterile e fredda "corsia" molto lontano da casa, che ti insegna a saper leggere e decifrare gli sguardi come gli stati d’animo, un’esperienza che ti fa scoprire l’intensa vicinanza di persone conosciute da poco che è come se conoscessi da sempre, così come il silenzio di chi ti aspetti e che invece non trovi, soprattutto di chi ha goduto della tua di vicinanza, magari in momenti di seria necessità, di chi ha preso a mani piene...ma la vita è così! Tutto però passa in secondo piano di fronte a quello che vivi in questo momento, lo vivi in solitudine lo vivi con forza, lo vivi non con speranza ma con fiducia, con estrema fiducia in quel futuro che deve necessariamente riprendere il suo corso....

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Analfabetismi affettivi e contaminazioni subliminali .
Questione di fede?
Realtà e Verità
Ciao...Nando!
Tanti Auguri.
Ah...Trenitalia!
La ricompensa per essere riusciti a ben educare... è averlo fatto!
Uno per tutti, tutti per uno (tanti partiti, un solo interesse)
Assalti...
Riconsegnare, alle persone, il loro valore!
Precariato sociale. Il prezzo dell’intelligenza.
Chi voterò...
Sono cose che possono accadere!
Un pianto dignitoso.
Sinistri scricchiolii ad Est di Capo Matapan.
I tatuaggi invisibili del bullo.
I falsi ideali del Terrorismo.
Siamo uomini o caporali?
La vita è bella...
Macchinista o passeggero?
DELLO STESSO AUTORE
Neutrergon Onlus e l’affaire Trenitalia.
Burattini o Marionette?
Il Pensare e la Libertà.
Scorie meridionali...
Mare da bere?
La politica...
Innamoramento e Amore
Il Giardino dell’Anima...
Caro Presidente, AIUTO!
Un uomo di bianco vestito...
Triste ma vero...
Ah...Trenitalia!
Associazionismo...
Cari e onorevoli signori...
Ah, la coscienza!
Ad armi pari...
La vita... è sempre la vita!
Cultura e civiltà.
E’ meglio un rimpianto o un rimorso?
Pensare...
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione