HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
La memoria corta, non è Pasqua!
di Vincenzo Andraous  ( vincenzo.andraous@cdg.it )

11 aprile 2004





Non tradite voi stessi, tradendo la possibilità di scegliere... che è data a tanti altri.


 

LUCI NEL BUIO - 24

Per conoscere meglio l’autore, si può leggere la ricca presentazione pubblicata nell’articolo "il falco dagli occhi lucidi", presente nella medesima sezione.

 

Ogni volta che ci investe la notizia di un atto terroristico, nella mente c’è indelebile il rumore sordo delle assenze improvvise. Come una fotografia impolverata dal tempo, lo sguardo della memoria riporta ai tanti ieri riesumati. La sensazione è di aver di fronte dei sognatori che negli ideali tentano di dare giustificazione a un sogno maledetto che non si avvererà mai.

Libertà, libertà, libertà, si grida nelle strade, nelle celle, nelle piazze, sui pavimenti imbrattati di sangue.

Libertà rincorsa come una prostituta, una libertà priva di interdipendenza, di interrelazioni, di consapevolezza di sbagliare, di ferire, di morire. Proprio in questa follia scorgo segnali concreti che sconsigliano il perpetrarsi di queste tragedie, perché l’intorno reale non é quel reale inventato a misura di chi si reinventa guerriero e paladino di una rivoluzione che non può più esistere.

Oggi quelle masse compatte e simpatizzanti di una giustizia dell’ingiustizia, non sono più ben allineate e intruppate sul campo delle ideologie. Oggi il consenso alla lotta armata è in disuso, é di per sé... fallimentare. A fronte di tanto sangue gettato ai lati delle coscienze, sorprende constatare il vuoto di memoria delle nuove generazioni, certo, una dimenticanza colpevole per un preciso momento storico del nostro paese, della nostra storia recente, anzi recentissima.

Anche per questa assenza di memoria storica è doppiamente pericolosa la strategia in atto.

I giovani non conoscono assolutamente il dramma degli anni di piombo, cosa hanno significato quei teatri di guerra in termini di assenze eterne e di paralisi riformistica. Nelle classi, negli oratori, nelle Università, ci sono plotoni e reggimenti di giovani che non sono documentati né hanno voglia di conoscere uno scenario che per loro é sepolto dal benessere e dal successo da conseguire a tutti i costi. Ma forse, proprio in questa osservazione vi é intrinseca la solitudine suicida che attraverserà la recita macabra di qualsiasi fantasma del passato.

La clessidra dei secoli non s’é fermata, le parole non si riuscirà ancora una volta a piegarle agli slogans, ai concetti di immagine, di contrapposizione ideologica, di dottrine che non hanno più presa né scaltri consumatori.

L’araba fenice in questo senso non risorgerà.

Ora e ancora mani armate decantano inni e lodi alla rivoluzione, ora e ancora ci saranno autorappresentazioni, o peggio autocelebrazioni, ma nulla si potrà di allora, nulla si ripeterà di ieri. Soprattutto nulla potrà ovviare alle grandi responsabilità che ci si assumerà nei riguardi dei tanti ragazzi al palo della vita, di tanti coetanei e propri simili con gli sguardi perduti e già stanchi a vent’anni.

Un mio amico filosofo un giorno mi ha detto; "guai a tradire se stessi e guai a tradire gli altri".

Oggi è Pasqua, e proprio perché non è una ricorrenza, gli auguri miei stanno tutti in questa preghiera: non tradite voi stessi, tradendo la possibilità di scegliere di tanti altri.

 

Vincenzo Andraous - Carcere di Pavia e tutor Comunità "Casa del Giovane" di Pavia

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Dove muore la civiltà.
Nel recinto chiuso.
Educare...
L’attesa...
Al mio amico Maicol.
Dignità disabitata.
I bambini non si toccano... mai!
Droga...
L’accoglienza...
Vittime a perdere.
Tutt’intorno...
In ricordo di Fabrizio de André.
Natale a casa di Massaro Rocco
A Noi... e non agli Altri !
Quel cappio al collo...
Bullismo...
Morti...
Quest’anno il Bambino è nato a casa mia...
Quella pedata...
Neppure come cattivo maestro...
DELLO STESSO AUTORE
La casa del Cuore...
Libertà va cercando ch’è sì cara...
Morti di serie B.
Donne e bambine quotidianamente oltraggiate.
Un uomo in vendita.
L’attesa...
Gioco d’azzardo e fallimenti quotidiani.
La dignità calpestata.
Un uomo in vendita.
Quando la dignità viene dimenticata.
Angelo, è quello che noi non siamo.
Libertà va cercando ch’è sì cara...
il raglio del mulo - 2.
Giubileo...
Omertà non sta a solidarietà
Ma di quale normalità stiamo parlando?
Intifada?
Nell’angolo che non intendiamo vedere...
Intervista condannata all’ergastolo...
Cadaveri...
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione