HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Irak: col Senno di poi...
di Gianluca Ion  ( info@ionaonline )

22 novembre 2003

Questa settimana, il "Grillo" riporta il discorso di Pecorario Scanio alla Camera, all'indomani di Nassirya.


Riporto di seguito il discorso del parlamentare Pecoraio Scanio dei Verdi in Parlamento tenuto il giorno dell’attentato di Nassirya, che mi sento di condividere pienamente al di là di ogni matrice politica. E’ palese che la nostra Costituzione ripudi la guerra. Ma l’intervento in Iraq degli americani, agli occhi di qualunque analista politico economico, è stato inquadrabile come guerra, come assalto ad un paese straniero pur dominato da un Rais barbaro. E quanta parte abbia avuto la cupidigia nei confronti del petrolio, solo i sevizi segreti lo sanno...

Ora, l’azione italiana che si doveva configurare come operazione di pace, in realtà, come abbiamo visto, ha assunto altri connotati: i nostri militari sono stati uccisi come se fossero stati in guerra. Forse era il caso di inserire il nostro intervento sotto l’egida dell’ONU, unica garante davanti agli occhi iracheni di equità e assenza di sotterranei interessi.

Gianluca Ionà

--------------

Discorso di Alfonso Pecorario Scanio, alla Camera dei deputati

Signor Presidente, oggi è un giorno di lutto e noi Verdi riteniamo occorra l’unità nella solidarietà alle famiglie; ed è un lutto vero che non deve essere ammantato di una retorica patriottarda, ma di una solidarietà reale. Non è un caso, signor Presidente, che noi non abbiamo applaudito, come invece ha fatto gran parte di quest’Assemblea, il ministro e il Governo, che riteniamo inadeguati, ma abbiamo applaudito con convinzione quando il Presidente della Camera si è espresso per la solidarietà alle famiglie delle vittime, perché questo è un elemento vero di unità delle nostre coscienze e del nostro modo di sentire.

Questa missione era partita come una scorta per un ospedale da campo a Baghdad, questa è stata la motivazione della richiesta del voto parlamentare. Noi già all’epoca dicemmo che eravamo preoccupati, perché temevamo che si andasse invece in guerra e che non fosse chiaro il discorso fatto in Parlamento. Quello che abbiamo visto è che il pericolo del terrorismo è aumentato, non è diminuito, e che oggi tanti, anche in quest’Assemblea, hanno riconosciuto che le nostre truppe sono in guerra in Iraq, purtroppo, contro quello che prevede la nostra Costituzione, purtroppo subendo quella che è una politica fallimentare, l’azzardo della guerra preventiva dell’Amministrazione Bush, che oggi - va ricordato - negli Stati Uniti d’America viene condannata dalla maggioranza assoluta dei cittadini americani, che chiedono a Bush di mettere fine a questa occupazione. Anche il partito di opposizione negli Stati Uniti - i democratici -, oltre ai Verdi che già lo chiedevano prima, oggi chiede che vengano sostituite le truppe di occupazione con le Nazioni Unite.

Il nostro compito oggi è come evitare altri morti, come garantire la pace in Iraq e nel mondo.

Noi verdi oggi non abbiamo detto che è colpa del Governo quello che è accaduto oggi, non ci siamo voluti associare ad una ipotesi che poteva sembrare di grave strumentalizzazione, ma non vorremmo nemmeno sentire da parte vostra la pervicacia nel dire che tutto continua come nulla fosse, perché questo sarebbe un oltraggio ai morti, uno schiaffo agli italiani e alle tante famiglie che oggi vedono come dramma la vicenda irachena.

Noi vi chiediamo di nuovo, non oggi, ma da tempo, di ritirare le truppe perché non è più una missione umanitaria, ma è una guerra.

Noi non possiamo stare in questa guerra! Dobbiamo agire in sede di Nazioni Unite, in sede internazionale, per portare la pace e per arrivare rapidamente alla fine di un’occupazione militare che rischia di avvelenare il clima del pianeta. Questo è il nostro impegno, e questo oggi noi lo dobbiamo, come vero atto di solidarietà, ai nostri giovani. Non bastano il lutto e il cordoglio ma dobbiamo, da domani, iniziare a lavorare affinché non accadano più situazioni drammatiche e tragiche come quella di oggi

Alfonso Pecoraro Scanio

(12 novembre 2003)

 

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
La Politica, Il Potere, La Democrazia
Qualche riflessione su Test INVALSI...
Il Corvo...
Integralismo e libertà
Nuova guerra globale...
Riflessioni sulla campagna elettorale in corso.
Trasporto pesante
Quante feste!
Pasolini...
Diario di un maestro.
La riduzione del Tempo...
La vertenza FIAT
Nei meandri della Sanità
Uomini o Caporali?
Occhio al caffè, quando è in eccesso
Come non si diventa giornalisti.
Se il buongiorno...
La buona Scuola.
Cambiare il mondo senza prendere il potere
Tremonti, tardo No-global.
DELLO STESSO AUTORE
Alfa Romeo 147 1.9 JTD - 16 V Distinctive 5 P
Le sospensioni.
L’Europa occulta
Land Rover Freelander 2.0 Td4 .
Mazda RX 8
Albero di trasmissione & differenziale.
Nissan Micra 1.5 dCi
Michelin e la Pac.
Una soluzione diplomatica per la crisi irachena
La nuova riforma televisiva.
Dalla parte della pace.
La nuova Punto.
Il cambio di velocità.
Autostrade!
Che cos’è il privilegio?
MG ZR Diesel
Cambiare il mondo senza prendere il potere
Kia Sorento 2.5 CRDi Ex Top.
Inflazione: quanto mi costi!!
Il Motore e la cilindrata.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione