HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Il morbo di Alzheimer.
di Rosa Maria de Pasquale  ( info@lastradaweb.it )

18 settembre 2003

Una breve scheda tecnica, per chiarirsi le idee.


Il morbo di Alzheimer è una malattia neuro-degenerativa cronica e progressiva che si caratterizza per la perdita della memoria, dell’attenzione e delle capacità cognitive e comporta alterazioni della condotta che rappresentano una diminuzione delle funzioni intellettive talmente grave, da interferire con il normale svolgimento delle attività quotidiane e delle relazioni sociali.

La malattia, oltre che progressiva, è irreversibile e, sino ad ora, non è stata scoperta nessuna terapia efficace in una percentuale significativa, così che il paziente va progressivamente perdendo le capacità di autogestirsi, autoassistersi ed automantenersi ed inoltre, di interagire e di adeguarsi al mondo circostante.

I primi sintomi della malattia possono essere confusi con i normali segni dell’invecchiamento, come: dimenticanze, perdita della concentrazione, difficoltà a mantenere l’attenzione, riduzione degli interessi, disturbi motori e dell’articolazione del linguaggio.

I segni più frequenti e più caratteristici dell’Alzheimer e che permettono una diagnosi per esclusione, sono:

  • perdita della memoria in forma progressiva e pervasiva;
  • incapacità di controllare le risposte emotive;
  • confusione e disorientamento spazio temporale;
  • frequente ripetizione delle domande;
  • incapacità di ritrovare le proprie cose, nascoste in luoghi poco usuali;
  • agitazione, inquietudine e nervosismo;
  • motricità afinalistica, che è stata chiamata vagabondaggio;
  • allontanamento da casa non riconoscendola come propria;
  • perdita dell’orientamento anche nelle vicinanze della propria casa;
  • mancato riconoscimento dei famigliari: moglie o marito, figli, nipoti;
  • stanchezza, distacco, tristezza o depressione;
  • segni di tensione eccessiva, di irritabilità ed aggressività;
  • ideazione paranoica, interpretativa e delirante nei confronti di tutti;
  • allucinazioni per lo più visive e uditive;
  • desiderio di andare dai propri genitori (soprattutto la mamma);
  • perdita della coordinazione nei movimenti complessi e poco abituali.

Una cura non esiste, ma la terapia farmacologica tradizionale può essere supportata da terapie alternative che hanno come scopo di migliorare la qualità della vita del malato di Alzheimer. Tra queste sembra che il massaggio del corpo con oli profumati (citronella e olio di lavanda) e la terapia della luce sarebbero efficaci sull’agitazione e i disturbi del sonno nelle persone affette da demenza senile. (Lo riporta Alistair Burns sul British Medical Journal di dicembre, sulla base di tre studi appena completati). Anche la terapia del verde può aiutare il malato di Alzheimer. L’idea è quella di utilizzare l’ambiente in cui vive il paziente e realizzare dei giardini con piante odorose e colorate come la lavanda e la rosa canina e con particolari prospettive panoramiche. Il giardino dà un senso di libertà e uno scopo alla compulsività, ma insieme rassicura: il risultato è che il malato riacquista il ritmo veglia sonno e alcune funzioni primarie come la capacità di nutrirsi da solo o andare in bagno. (questi dati sono stati rilevati dall’Unità di Valutazione Geriatrica di Reggio Emilia). Infine, dal "New England Journal of Medicine" è arrivata in aprile una notizia inaspettata. La mementina, un farmaco venduto in Germania ormai da 10 anni con il nome Axura, si è rivelato in due nuovi studi clinici, il primo trattamento efficace per fermare il declino e addirittura migliorare le funzioni cognitive dei pazienti di Alzheimer in forma avanzata.

Rosa Maria de Pasquale - Biologa

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Le vertigini.
I disturbi dell’alimentazione.
L’oppio ed i suoi derivati: uso ed abuso
Colpiti dallo stress!
Autismo. Epidemiologia, cause e terapie.
Ossessioni e Fobie.
Perché si dimentica.
L’ansia e la paura.
Le Fobie...
Hai poca memoria? Tutta colpa della PP1
Il Male oscuro?
Ansia e disturbi di panico.
Alle radici del Narcisismo...
I disturbi della personalità
La sindrome Bipolare.
I deficit cognitivi.
DELLO STESSO AUTORE
Come nasce un fiume?
Cosa significa - Essere un vaso di coccio fra vasi di ferro?
Cosa sono l’Ipofisi e l’Epifisi ?
Che cos’è un girino?
Come respirano i pesci sott’acqua?
Perché gli aerei non possono fermarsi in volo?
Cosa significa l’espressione Non avere nè capo nè coda?
Perché cambiano le stagioni?
Tutti gli animali si prendono cura dei piccoli?
Com’è fatta un’ape?
Come sono nati i mari e gli oceani?
Cosa significa l’espressione molto rumore per nulla?
I perché della scienza - Quali animali discendono dai dinosauri?
I perché della scienza - A cosa serve un satellite artificiale?
Come nasce l’espressione Promesse da marinaio?
Perché due calamite, a volte, si respingono?
Da dove deriva l’espressione...piangere come un vitello?
Perché il cielo ci appare azzurro?
Perchè una persona tradita, viene chiamata cornuta?
I perché della scienza - A cosa serve lo scheletro?
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione