HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Genitori, che piacevole incombenza ..
di Giuseppe Chiaia  ( peppinochiaia@libero.it )

17 agosto 2003





In natura nulla ? concepito per far soffrire.


La procreazione è, al di là della soddisfazione di un atto di sensuale concupiscenza, una assunzione di responsabilità nei confronti dell’umanità; e non perché debba valere solo come impegno fideistico, ( eppure anche il più importante dei filosofi scolastici, S. Tommaso d’Aquino, considerava il fine matrimoniale non solo come obbligo procreativo ma anche come "remedium concupiscentiae" ), ma anche perché la prosecuzione della specie deve svolgersi all’insegna di un impegno morale verso i posteri, ai quali si deve garantire non solo la trasmissione di valori etici consolidati dal sapere delle generazioni trascorse, ma, altresì, la contribuzione alla crescita armonica della società, in vista di un costante progresso morale e civile.

Ora bisogna chiedersi: nel nostro futuro è immaginabile un vivere pieno di gioia, libertà, armonica convivenza ?

Verrebbe consequenziale considerare queste aspettative come utopie; ed invece, io dico che ciò sia possibile; ma come?

Allorché si viene al mondo, il neonato, superato il trauma della nascita ( ovviamente si tratta di un trauma aspecifico, giacché la struttura neuronica è ancora legata al cordone materno ) istintivamente cerca i sapori umorali ed ormonali della madre, come istinto e garanzia di sopravvivenza.

Non a caso, nelle moderne strutture ginecologiche il padre è invitato ad accostarsi alla puerpera, ed insieme, sussurrano ed alitano il loro affetto, la loro promessa di amore e tutela a quei pochi chili di vita e di speranza:

comincia, così, il difficile, impegnativo, complesso mestiere del genitore.

E man mano che i giorni, i mesi, i primi anni si accumulano, il già neonato si ritrova inserito in una struttura organizzata da regole, comportamenti, abitudini ed usi che ogni famiglia - sia essa giuridica o di fatto - si è data, e che , a sua volta è stata ereditata dai rispettivi genitori.

E il più delle volte, regole, usi e consuetudini sono il risultato di rigide moralità, di assurdità "Talebane", dure a morire, perché imposte con l’inconscia paura dell’anatema divino.

E questa ristretta visione, di un istituto così importante come la famiglia, spesso si riduce in un vivere svuotato di impegno, che si scontra con le leggi universali della natura, che favorisce il solipsismo, che sollecita e tenta di rendere naturale la pratica omosessuale, che pretende, quest’ultima, persino, l’adozione di bambini.

L’arte della paternità e della maternità ha, in sé, qualcosa di divino; essa rappresenta il nostro sguardo nel futuro lontano, allo stesso modo come essa è stata il desiderio di proiezione dei nostri genitori; e, quando rientriamo nelle nostre dimore, lasciamo, al di là della soglia di casa, i crucci e le ansie, i moti di rabbia che spesso travagliano le nostre giornate lavorative, ed atteggiamo il nostro viso al sorriso, perché, i nostri figli continuino a ricevere quel primo abbraccio d’amore con il quale li abbiamo accolti, ma è oltremodo importante dedicare molto del nostro tempo al dialogo familiare, a dare certezze positive, spiegazioni logiche agli eventi che spesso turbano la vita sociale, a spegnere la televisione quando ci si riunisce per il pranzo o per la cena, perché sono questi i momenti più armonici di una vita col padre e con la madre.

 

Giuseppe Chiaia ( preside )

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Quel bisogno di scoprire andando avanti...
Bambini per un mondo migliore
DELLO STESSO AUTORE
L’eloquenza nell’antica Grecia
UMBERTO I di SAVOIA
... A proposito dell’Ulisse dantesco...
Etica, ragione e fede, nella Divina Commedia
FEDE E RAGIONE - II CAPITOLO - LE CATEGORIE: verso la spiegazione del problema degli "UNIVERSALI"
Della Massoneria.
Aspettando Prometeo.
La Marcia su Roma
IL FETICCIO DEI NOSTRI TEMPI:
IL BRIGANTAGGIO
Colpi di Spillo
VIRGILIO
La spedizione dei mille.
L’Ordinamento Giuridico e l’Espiazione della Pena.
La neonata Costituzione Europea ovvero...
La legge può essere uguale per tutti,veramente?
LA PRIMA GUERRA RISORGIMENTALE ITALICA
No-Global o New-Global?
La Televisione e la Cultura.
Islamismo e Antisemitismo.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione