HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Riflessioni allo Specchio.
di Giuseppe Chiaia  ( peppinochiaia@libero.it )

17 aprile 2019






"Mentre guardo i segni del tempo sul mio viso..."


Fra i miei ricordi scolastici mi si affaccia, spesso, alla mente una favola semplice, che tradussi dal latino durante la frequenza della seconda media, quando questa lingua era considerata materia fondamentale nel triennio del 1° grado; era tratta dal grande favolista FEDRO il quale, a sua volta, l’aveva ripresa da un altro grande saggio: il greco ESOPO. La favola s’intitola "le due bisacce" ed inizia così: "Iuppiter nobis imposuit duas bisas...", Giove ha gravato ogni mortale di due bisacce che pendono, rispettivamente, una sul nostro petto e l’altra alle nostre spalle. In quella anteriore sono sistemati i difetti e i peccati del nostro prossimo; mentre, nell’altra, le nostre miserie morali e mentali: sicché, ci è molto facile irridere dei difetti altrui, mentre non siamo capaci di verificare le nostre deficienze.

Questa introduzione vuol essere non un richiamo all’eventuale lettore, per una operosa meditazione in merito, ma, semplicemente, una verifica, la più obiettiva possibile, di chi scrive, quasi si ponesse di fronte allo specchio dei ricordi, e cercare di evitare opinioni giustificative, evitando ipocriti paragoni con chi è peggiore.

Premesso che questa non è una confessione che tenta di lucrare un’assoluzione, comincio col dire che molti sono gli errori, da me commessi, durante i miei più di settanta anni di vita, dai quali bisogna, però, sottrarre il periodo dell’infanzia; ma, a considerare come errori alcuni comportamenti, ce ne corre, perché, la gran parte, è stata determinata da ignoranza, intesa, questa, come inesperienza; infatti, dice il mio buon amico GIORGIO, medico-psicoterapeuta acuto e di grande dottrina, che l’esperienza non è altro che la sommatoria dei nostri errori commessi con la presunzione di ipotesi che, sistematicamente, si appalesano errate, ma che, con altrettanta presunzione, continuiamo, pardon, continuo a formulare, dimostrando, alla fine, a me stesso, che la cocciutaggine e la presunzione sono i degni figli dell’orgoglio; ed allora, l’aspettativa di una positiva progettualità che, spesso, mi si è conclusa con un amaro smacco, deve solo servirmi ad evitare la ripetizione di identici comportamenti, in situazioni similari.

Ma se così fosse per molti altri, verrebbe meno quello spirito di intraprendenza che è caratteristica di quanti hanno saputo e sanno guardare oltre la staticità dell’oggi; però, questo è dono singolare della genialità di pochi, verso i quali io, ma anche moltissimi, dobbiamo esprimere il nostro riverente omaggio se godiamo delle loro intuizioni, delle loro scoperte, e del benessere che ci hanno elargito.

Ed allora, riflettendomi nello specchio, mentre guardo i segni del tempo sul mio viso, cerco di tradurre l’indecifrabile messaggio che la mia coscienza, come una mitica Sibilla, non si è mai stancata di inviarmi e del quale, solo adesso, riesco ad ascoltarne i reconditi significati.

C’è un ultima aspettativa: potrò rimediare a tanta fallacia col poco che mi resta? Con una punta di presunzione, lo spero! Ma, soprattutto, sono certo del sorriso e dell’affetto dei miei figli .

...e adesso non ditemi che sto sbirciando solo nella bisaccia appesa sul mio petto.

 

Giuseppe Chiaia ( Preside )

13 marzo 2010

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Il Gabbiano Jonathan Livingstone.
Allontanandomi stoicamente...
Scegliere o non scegliere...
I pensieri di un attimo.
Quando...
Il Purgatorio...
Storia dell’asinello sulla mongolfiera... e dell’aquila dalle piume d’argento.
Liberamente donna...
La Pineta di Macchia Sacra.
ILLUSIONI - R. Bach
Tu lo dovevi capire...
Peppinella
Razza in estinzione.
Un giorno qualsiasi.
Alla fine.
Desideri spezzati...
Vergogna e speranza.
Ombre...
Amo mio figlio.
La storia di sempre.
DELLO STESSO AUTORE
La spedizione dei mille.
... A proposito dell’Ulisse dantesco...
In nome del Popolo Italiano
Quell’estate...
Perchè non la voterò più...
Giulietta...
Lo sviluppo della conoscenza nei diversi aspetti disciplinari.
Lettera all’ Amico Vince.
Ritorno al Futuro (La Macchina del Tempo).
GIOVANNI PAOLO II...
PROMESSE ELETTORALI...
FINANZA, ECONOMIA POLITICA E...FURBETTI
La caduta degli Dei.
Etica, ragione e fede, nella Divina Commedia
No-Global o New-Global?
Le Fiabe.
Natale di guerra !
Signore e Signori, ecco a voi i programmi della giornata...
LA PEDAGOGIA DEL LINGUAGGIO.
Alcune considerazioni sulla filosofia aristotelica.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione