HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Il coniuge affidatario dei figli non ha sempre diritto alla casa coniugale.
di Erminia Acri  ( erminia.acri@lastradaweb.it )

7 luglio 2003

Il coniuge affidatario che, prima della separazione, lascia la casa ne perde il diritto.


Il coniuge col quale convivono i figli minorenni non ha diritto all’assegnazione della casa coniugale se, prima della separazione, si è trasferito in un altro luogo.

Infatti, presupposto perchè l’abitazione nella casa familiare sia attribuita al coniuge con il quale convivono i figli minorenni è che al momento della separazione esista una casa coniugale.

Quest’orientamento è stato più volte espresso dai giudici in considerazione del significato proprio dell’espressione "casa familiare", intesa come "complesso di beni funzionalmente attrezzato per assicurare l’esistenza domestica della comunità familiare", e della finalità dell’assegnazione di essa ad uno dei coniugi, che è quella di conservare l’habitat domestico, inteso come il centro degli affetti, degli interessi e delle consuetudini in cui si esprime la vita familiare, con riguardo soprattutto alla necessità di non far subire ai figli l’ulteriore trauma dello sradicamento dal luogo in cui si svolgeva la loro vita.

Dalla finalità propria dell’assegnazione della casa coniugale di conservare l’habitat domestico, nel precipuo interesse dei figli minori o maggiorenni non autosufficienti deriva che essa presuppone necessariamente la persistenza, al momento della separazione, di una casa coniugale nel significato sopra precisato.

Pertanto, secondo l’orientamento prevalente dei giudici, non v’è motivo di ricorrere all’assegnazione della casa quando, per un qualsiasi motivo, al momento della separazione la casa familiare non esista più, in quanto uno o entrambi i coniugi si sono trasferiti altrove ed i figli si siano già sradicati dal luogo in cui si svolgeva la loro esistenza, essendosi l’habitat domestico già disciolto ed essendo già stato costituito, dal coniuge affidatario e dai figli, trasferitisi in altro immobile, un nuovo habitat.

Erminia Acri-Avvocato

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
L’addebitabilitą della separazione.
Nozze senza convivenza ed assegno di mantenimento.
Ancora nuove sull’assegno di mantenimento.
E’ modificabile l’assegno di divorzio?
Gli effetti del matrimonio annullato
Separazione, aborto e consultori familiari
Vendita di beni mobili e comunione legale.
L’ adottato ha il diritto di conoscere le sue origini?
Limiti di etą nell’adozione
Matrimonio di minori
Separazione e pensione di reversibilitą.
Separazione senza figli ed assegnazione casa coniugale.
Acquisti personali e comunione legale.
Assegnazione casa coniugale e separazione dei coniugi.
Separazione e assegni familiari.
Il cognome del figlio naturale
Assegni familiari ed affidamento dei figli ai servizi sociali.
Infedeltą e separazione di fatto dal coniuge
Pensione di reversibilitą tra coniuge superstite e coniuge divorziato.
Revisione assegno divorzile.
DELLO STESSO AUTORE
Quesiti legali - Parentela, affinitą e famiglia di fatto
Quesiti legali-Cambiali scadute non pagate.
Quesiti legali-Persone con disabilitą e parcheggio in area condominiale.
Quesiti legali - Un genitore ha il dovere di mantenere figlio maggiorenne e nipote?
Quesiti legali-Quando un figlio maggiorenne convive more uxorio....
Chi deve redigere il regolamento condominiale?
Indennizzo per infortunio sul lavoro o malattia professionale.
Solidarietą familiare: gli alimenti.
Quesiti legali- Segnaletica stradale e precedenza.
Ripetizione delle somme indebitamente percepite da invalidi civili.
Trasferimento di unitą immobiliare
Assegnazione della casa coniugale in sede di separazione e divorzio
Assegni familiari ed affidamento dei figli ai servizi sociali.
Contestazioni delle contravvenzioni stradali.
Non č in colpa la moglie che non segue il marito.
Diritto al mantenimento del proprio cognome nell’adozione
Quesiti legali-Se il regolamento di condominio non viene rispettato....
Quesiti legali- Contratti di manutenzione ascensore di lunga durata.
La scelta dell’amministratore negli stabili di nuova costruzione.
Estinzione dell’obbligo di mantenimento del figlio maggiorenne.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lą del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lą - Curiositą
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunitą e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione