HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Verba volant...
di Mariano Marchese  ( marianomarchese1@gmail.com )

14 maggio 2003

L'importanza della comunicazione, in una realtā caotica qual č quella che ci troviamo a vivere, viene, troppo spesso, sottovalutata, anzi, oseremmo dire, fin troppo scontata e poco curata!. Per affrontare questo tema cosė delicato non possiamo non ricorrere alle nozioni che uno studioso, il dott. Giovanni Russo, medico psicoterapeuta, ci ha tramandato attraverso le sue opere dedicate alla conoscenza del complesso pianeta chiamato essere umano. Lo studioso siciliano, che ha immolato la propria vita alla Dea della ricerca, riteneva che la comunicazione consterebbe di tre momenti ben distinti tra loro e cioč identitā, individualitā e collettivitā; nel primo si materializza il rapporto che ogni singolo individuo ha con se stesso quindi con la propria personalitā che rappresenta il suo mondo interno; attraverso il secondo si concretizza la relazione tra l'individuo e gli altri; mediante il terzo si estrinseca, invece, il rapporto dell'individuo in funzione degli altri. Alla domanda " con chi si comunica?" si č abilitati a rispondere: in primis con proprio il mondo interno ovvero con se stessi, poi con il mondo esterno, in tutte le sue molteplici manifestazioni; risulta chiaro, a questo punto, quanto sia importante il primo rispetto al secondo, in quanto a questo propedeutico. Infatti l'essere umano č sempre in comunicazione con se stesso prima di esserlo con l'altro che lo circonda ed a volte lo assilla! Bisognerebbe tener presente che la comunicazione non si esaurisce nel momento dell'esternazione, che, di contro, rappresenta, solo, la punta di un iceberg di un lungo procedimento di acquisizione, filtraggio, elaborazione e verifica. E', poi, importante ricordare che si č sempre in comunicazione, anche quando non vorremmo farlo o, addirittura... PER CONTINUARE LA LETTURA, CLICCARE SUL TITOLO.


...quando si ritiene di non farlo, e, questo, attraverso un tipo di comunicazione definita non verbale o temperamentale. A questo punto, si può affermare che i modelli attraverso cui si esplica la comunicazione sono due e cioè Verbale e non verbale; quella verbale è di maggiore comprensione mentre dei brevi cenni debbono essere fatti circa quella non verbale che può esplicarsi anche attraverso il proprio modo di vestire o di mangiare o attraverso la propria gestualità inconsapevole così come attraverso note comportamentali spesso inconsapevoli. E’ importante, osservare che la comunicazione segue sempre un elaborato del pensiero, e torna utile ricordare quanto abbiamo già scritto in precedenza e cioè che l’individuo è sempre in comunicazione perché in continua elaborazione; in una sua opera il dott. Russo affermava, a tal proposito, che " la maggior parte delle comunicazioni, pur essendo il prodotto del pensiero, risultano incomplete per la scarsa abitudine che l’attuale società ha di saper ascoltare " Questo rappresenta una sacrosanta verità ed introduce un elemento importante nella trattazione della comunicazione, poiché sancisce quanto sia importante anche la fase dell’ascolto.

Questo editoriale vuole essere un omaggio ad un grande ricercatore scomparso a cui il mondo civile non ha reso gli onori e la risonanza dovuti per aver apportato avanzamenti scientifici importanti frutto di costante sacrificio e devozione verso gli studi sulla psiche umana che ha perseguito con la costanza di chi sa di avere una missione da compiere...parimenti vuole fornire uno spunto di riflessione per quanti, con troppa leggerezza, affermano di essere maestri della comunicazione, confermando l’assioma che "le parole volano ed i pensieri superficiali... ancor di più"!

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
A proposito di terrorismo...
A proposito di PIL...
Johann Wolfgang von Goethe - I dubbi dell’amore.
Omaggio a Raimondo Vianello.
Gli ultimi giorni di...
Soldato di pace.
Il nuovo autoritarismo
Fratelli d’Italia?
Alibi quasi perfetti.
Non c’č pace fra gli ulivi!
Paure contemporanee
Hic sunt leones.
Una croce sulla libertā.
Schiaffi in faccia al futuro.
L’indifferenza del sangue.
Buon lavoro, signor Tod’s.
Ave... Caesar!
Parole in trappola...
Disconnessioni mentali.
Intifada?
DELLO STESSO AUTORE
Scuola, Famiglia e Societā.
Come vorrei tornare bambino!
Infanzia venduta.
Tanti Auguri!
L’Onorata Societā.
Che ne sarā di noi?
Ancora Leonardo, ancora il silenzio.
Triste e amaro...questo calice beviamo!
Scritto nell’acqua
Speriamo nelle colombe!
Nonostante tutto...
Danni di guerra.
Oltre il fondo del barile.
Il Giardino dell’Anima...
I Diritti Umani
Perchč?
Mondo pallone!
Misfatti...
C’era una volta...
Il colore dell’abbandono.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lā del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lā - Curiositā
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunitā e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione