HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Il caos della democrazia!
di Mariano Marchese  ( marianomarchese1@gmail.com )

15 aprile 2003

E ritorniamo a parlare di guerra ma non per le nefandezze che questa comporta, bensì per le problematiche che questa, inevitabilmente, produce, una volta che le armi, progressivamente, cominciano a tacere. Inizia, infatti, la fase del caos più completo e, stando alle immagini che ci vengono propinate dai media, in Iraq si vive proprio questo momento drammatico; sempre attraverso le immagini, infatti, si coglie lo smarrimento della popolazione civile che s'interroga su quale sarà il destino che li attende e diversi, risultano essere gli atteggiamenti nei confronti delle truppe anglo-americane che vengono considerate da taluni "invasori" da altri "liberatori"; a conferma di ciò osserviamo la gens irachena ora disperarsi, preoccupata di non avere più una patria protetta dalle insegne irachene, bensì soffocata dallo stendardo dello "Zio Sam", ora gioire per la libertà ritrovata dopo 35 anni di tirannia "consumata" da un sanguinario Saddam Hussein. La anarchia di questa delicatissima fase di transizione, è rafforzata dalle razzie che si stanno moltiplicando giorno dopo giorno nelle città cadute sotto il controllo (che controllo non è) degli alleati, ottenuto bomba dopo bomba. I saccheggi delle ultime ore non risparmiano niente e nessuno, rappresentano, quasi, una rivalsa nei confronti dei simboli del potere iracheno, quel potere sempre più ricco e contrastante con la povertà di quanti, costretti nell'ignoranza, non hanno mai osato ribellarsi per quel sentimento di paura che una tirannia, in ogni dove, diffonde tra i sudditi-schiavi il cui pensiero non ha mai contato più di tanto...PER CONTINUARE LA LETTURA, CLICCARE SUL TITOLO.


...Ma come sarà il dopo Saddam? Sono in tanti a chiederselo, mentre ancora le bombe colpiscono, con l’intelligenza che può avere uno strumento di morte, obiettivi ritenuti strategici dall’Intelligence angloamericana... mentre i kamikaze diffondono ancora il morbo della paura dettata dall’imponderabile...mentre ancora continuano a morire vittime civili.... mentre il numero dei bambini (che non avranno più un domani e che dall’oggi hanno ricevuto l’ultimo, estremo, saluto ritrovando, forse, la pace, la vera pace.. che, di certo, non può paragonarsi a quella paventata dagli alleati così come a quella sbandierata e predicata dai pacifisti) sale drammaticamente ed inesorabilmente...mentre le truppe irachene continuano a volatilizzarsi, quelle stesse truppe che, in tempi non troppo lontani, promettevano strenua resistenza contro l’odiato invasore....sarà, forse, stato qualche, solito, accordo di sottobanco a salvare nel nulla le famose truppe scelte della guardia repubblicana speciale, vanto di un esercito che fu tra i più temuti del mondo, ma di cui, ora, se ne sono perse le tracce? Ai posteri l’ardua sentenza, perché a noi, miseri mortali, come al solito, non ci è dato di sapere! Così come non possiamo spiegarci, tanto facilmente, quelle immagini che riportano un popolo, fiero, quale quello iracheno, ora inneggiare a Saddam, bruciando le bandiere americane ed oltraggiando con mille improperi "il grande satana", ora salutare ed osannare le truppe di " liberazione" angloamericane, distruggendo i simboli di un regime che hanno l’amaro gusto della morte e della repressione, magari taciuta, per una situazione di comodo, proprio da coloro che oggi sono additati come liberatori.....non posso fare a meno di chiedermi come sia pensabile che chi abbia condotto questa guerra, domani, potrà andarsene salutando caramente, contento di aver restituito la libertà ad un popolo oppresso...ma che senso avrebbe.....ma, come si sa, non si può, certo, predire il futuro.. almeno per quanto ci riguarda!

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Giustizia che trasforma.
Cari e onorevoli signori...
I tatuaggi invisibili del bullo.
Manca l’informazione. Quella seria...
Un Santo in Calabria?
Panzane?
Fermiamoci un momento a riflettere!
Era uno di quelli...
Quando giungerà il tempo di riparare...
L’Europa occulta
Analfabetismi affettivi e contaminazioni subliminali .
Punti di vista.
Una promessa importante.
...E Tre !
Natale di trasformazione.
Usi e abusi.
Quel lungo e lento viaggio di ritorno.
Fratelli d’Italia?
La dignità calpestata.
Il triello.
DELLO STESSO AUTORE
Burattini o Marionette?
Resurrezione. Il Sole che non vedi...
Nè rimorsi, nè rimpianti!
Nonostante tutto...
Ah, Parigi!
BUON NATALE E BUON ANNO!
L’interiorità del macrocosmo...
Per una cosciente valutazione.
I presuntuosi e i percorsi di vita...
Scioperi...
E’ meglio un rimpianto o un rimorso?
L’Onorata Società.
Un Santo in Calabria?
è difficile mentire a se stessi... quando si è soli con se stessi!
Paure contemporanee
Speriamo nelle colombe!
Il colore dell’abbandono.
Macchinisti, nella Vita (o semplici passeggeri?)
Africa, bel suol d’amore...
Quanto ci costa?
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione