HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
A mia Madre.
di Davide Riccio  

15 gennaio 2011



Io so, perché mi ammalia il mare!



Io so perché mi ammalia
il mare. Tu inspiravi
e i frangenti sulle rocce
sciabordano schiumando.

E poi che l’onda si è
franta, lenta e costante,
e scemando la cresta
respinta si ritira,

pacifica tu espiravi.
E lo sciacquio fievole
e ipnotico, amniotico,

mi riavvolge di nuovo.
E vorrei non finisse
mai. ma senza erosione.



Commento dell’autore


"Un giorno, un’amica che studiava musicoterapia, mi prestò una audiocassetta sulla quale il musicoterapista Rolando Benenzon aveva ricostruito scientificamente l’ambiente sonoro intrauterino. Da quelle due ore di ascolto, rimasi profondamente colpito: dentro il ventre materno il feto sente inspirare ed espirare la madre in un modo del tutto simile al suono del mare, delle onde quando si rompono sulle spiagge di costa bassa, del frangente e della risacca. Perfino il lieve ribollio dell’acqua sul bagnasciuga somiglia quello del liquido amniotico. Mi fu chiaro il perché del fascino del mare, dell’amore istintivo verso i suoi rumori capaci di rilassare e rievocare indefinibilmente quella sorta di umana edenica origine. Decisi fin da subito che ne avrei scritto in un sonetto. Per la fortuna di cui ha goduto lungo i secoli, il sonetto può essere infatti considerato come una vera e propria metafora del fare poesia, quindi una madreforma. Scelsi la variante del sonetto minore in settenari, dove l’accento fisso sulla sesta sillaba potesse simboleggiare e indicare la figura del 6 simile a madre col suo pancione nel periodo della gravidanza entro cui ritmare verso per verso il ritorno, la rievocazione dei rumori marini e similmente intrauterini".


Davide Riccio 12.01.2003

 

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Compagno fedele.
Di Mamma, ce n’è una sola
La Mia Nonnina
Dov’è?
Dedicato a Te...
Un viaggio nel buio.
Ancora un passo...
Mondo antico.
Fiore clandestino.
Un piccolo cuore...
Il bene prezioso.
Grazie Mamma
Lontananza.
Pablo Neruda - Non incolpare nessuno.
Un piccolo angolo
Mendicante
Va bene coś.
Dopo l’altro.
Non fu per caso...
Campagna Toscana
DELLO STESSO AUTORE
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione