Posted on

Lunga, la notte si spegne nel suo velluto;

il cuore bussa alla porta dei ricordi

e tu vieni da lontano a rischiarar i miei silenzi.

Il sogno vince lo spasimo del giorno;

e in un tripudio di teneri baci

rivive ancora l’estasi d’amore.

Ma il vento mi sveglia dall’arcano incanto,

il sogno muore con uno schianto nel petto

e tu svanisci tra le mie lagrime, amore.

Allor tendo le mani al mio amore lontano

Mentre sorride dai suoi occhi bruni.

No! Non andare! Rimani ancora,

rimani almeno sol nel mio cuore,

che muore per te un poco per volta,

che non vuol vivere senza di te!

Giuseppe Chiaia (8 novembre 2014)

Print Friendly, PDF & Email