Posted on

Profonde riflessioni in vernacolo sul rapporto col tempo di un amore senza tempo che, nel tempo presente, non ha più residenza ma che, nel cuore di chi, ancora ama, resterà in eterno. La bellezza del componimento, merita anche una traduzione in lingua italiana. Sinceramente, per chi “mastica” un po’ di Calabrese, l’impatto emotivo sarà decisamente più forte.

T’ARRICUARDI….

Su’ passati i tiampi ‘i l’amuri…

Na vota, basta ca ti guardavi

e d’aranciu eran’i iuri!

Mo…. Arrassu sia!

“Simu sul’amici!”

E puru ca ni simu dati cchiu ‘i nu vasu

un simu nenti!

Chini ha avuto ha avuto

e chini ha datu ha datu!

Ma t’arricuardi cum’eramu gentili?

Tanno si facìa fatica a fa’ na conquista:

fiori, litteri, serenate…

e tutta na lista!

Ma cchi nn’è successo?

L’amuri s’è perdutu

e nenti para ‘u  stessu!

A mia, di fattu,

un minn’importa nenti!

Iu tannu t’aiu truvato

mienzu a tutta sa  genti.

E mo ca simu  viecchi

tu stringiami cchiù forte

ca’ a nua unni divida

nessunu,

manc’a morte!

Ohi cumpagneddra mia

tu tenami sa manu

c’u tiampu che è rimastu

ti puartu cchiù  luntanu


TI RICORDI, MIA DORATA?

Non è più l’ora dell’Amore e degli Innamorati…

Eppure, un tempo era sufficiente guardarsi negli occhi

Per immaginare di trascorrere, insieme, tutta la vita

Ora, invece, mio Dio

Siamo semplici conoscenti

Non siamo e non proviamo nulla, l’uno per l’altro

Chi ha avuto ha avuto

e chi ha dato ha dato!

Eppure, ricordi come eravamo accorti, delicati e gentili?

A quel tempo, la conquista era frutto di un impegno

fiori, missive, serenate…

una lunga, faticosa, procedura!

Ma cosa c’è successo?

L’Amore si è perso per strada

e nulla appare più come prima!

A mia, personalmente,

non importa nulla!

Io ho auto la fortuna di incontrarti

In mezzo a una moltitudine di “volti” e di maschere.

E, adesso che siamo ormai vecchi,

tu stringimi più forte

che, a noi, nessuno potrà mai dividerci

niente e nessuno,

neppure la morte!

Mia piccola e dolce compagna di vita e d’amore

prendi la mia mano:

nel tempo ch’è rimasto

cammineremo insieme, il più a lungo possibile.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *