Posted on

Pubblicato su Lo SciacquaLingua

“Al termine della funzione il sacerdote si è recato in sacrestia e si è sparato”.

Amici, il sacerdote non si è tolto/a la vita ─  come la frase farebbe supporre ─  si è tolto i paramenti sacri. Sparare, forse non tutti lo sanno, è un verbo cosiddetto polisemico, ha, cioè, piú significati.

Oltre all’accezione piú nota, “esplodere un colpo d’arma da fuoco”, ne ha altre tra le quali “privare degli addobbi, dei paramenti, dei parati”: sparare un altare, togliere gli addobbi dall’altare. Il riflessivo “spararsi”, dunque, vale “togliersi i paramenti”. Sotto il profilo etimologico è composto con il prefisso sottrattivo “s-” e il verbo “parare” (addobbare, ornare con paramenti)

A cura di Fausto Raso

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *