Posted on

Uomo che ami parlare molto: ascolta e diventerai simile al saggio. L’inizio della saggezza è il silenzio. (Pitagora)

L’esperienza ci insegna che, per lo più, ognuno sceglie il proprio percorso esistenziale e lavorativo (quando non è condizionato dalle necessità contingenti) in funzione della personalità e del carattere e, nel tempo, assorbe le caratteristiche del modulo operativo, finendo col diventare quello che il proprio lavoro, in sostanza, esprime.

Quindi, con molta probabilità, ad esempio, il docente cercherà di esprimere il suo bisogno di trasmettere contenuti, il chirurgo sublimerà (in maniera utile e scientifica) parte della propria aggressività (sezionando e amputando), l’artigiano ripercorrerà i meandri ludici della propria infanzia…

E lo psicologo?

Ecco, potrebbe riuscire ad appagare il voyeurismo attraverso l’ascolto dell’anima altrui…

Quindi, io, come medico e psicoterapeuta, sarei indotto ad esercitare (quanto meno a provarci) al tempo stesso, una sorta di dominio di onnipotenza misto ad un esercizio quasi morboso dell’occuparmi dei fatti altrui!

Il fatto è che, personalmente, mi scopro molto lontano da simili intendimenti e, allora, ci deve essere, necessariamente, dell’altro.

In effetti, col progredire degli studi specialistici al fianco di un maestro come Giovanni Russo (Fondatore e Direttore della mia scuola di Psicoterapia) e traendo spunto da precursori come Freud e Jung (fino a giungere ai contemporanei Bergeret e Kenberg) ho scoperto che, l’importante, è capire il senso delle cose che fai, rendendo sacro il trascorrere del Tempo che ti è stato concesso di vivere.

E, di conseguenza, ho scoperto che, solo quando mi trovo in armonia con me stesso, comprendo che, probabilmente, quello che anima le liti o le incomprensioni le quali, spesso, alimentano i rapporti interpersonali, altro non sono che il riconoscimento dell’abisso che, in realtà, spezza in due l’animo della gente.

Sarà per questo che, a me, piace molto camminare da solo, in mezzo alla Natura, fra piante rigogliose e ruscelli non contaminati. Provo un piacere immenso, nel poggiare un piede dopo l’altro “sentendo” la meraviglia dell’erba che si abbassa, per diventare sentiero.

Sono questi, i momenti in cui avverto che, tutta l’esistenza, è qualcosa di prodigioso e misterioso, in cui non ci sono soltanto protoni e neutroni ma molto, molto di più.

All’interno di questi momenti che cerco di conquistare ad ogni costo, dandogli lo stesso valore dell’aria che respiro, da un po’ di tempo cerco di armonizzare due concetti di antica derivazione, apparentemente antitetici:

  • In principio era il Verbo, il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio. (dal Vangelo secondo Giovanni – 1,1);
  • La parola è d’argento ma il Silenzio è d’oro (antico proverbio Orientale)

Nel mio Silenzio, Fratello, Maestro di Parola che percorri avanti a noi il cammino dell’elevazione e che ari i fertili campi del nostro ammaestramento spero che ogni tua Parola sia una freccia in grado di colpire il bersaglio della tensione di noi che muoviamo il primo passo della nostra riflessione, della nostra trasmutazione (Lòlìndìr.Mìnyatùr)

“Parola” è un termine che deriva, principalmente, dal Latino (parabola) ed indica qualunque voce articolata esprimente un concetto. Nel passato, a questo nome si preferiva quello di “Verbo” che colorava di Sacro e Saggio.

Con “Silenzio” (Dal Latino silentium, derivazione di silēre: “tacere, non far rumore”) si intende mancanza (anche relativa) di suono rumore; ad esempio, un ambiente che produca suono inferiore ai 20 decibel può essere considerato silenzioso.

Meditare all’alba, in silenzio, era come fare il piano per la giornata. Il fatto che tante persone fossero impegnate assieme, in silenzio, ad acquietare la loro mente creava intensità, concentrazione, quasi un senso di forza. Meditare, in fondo, significa prendere coscienza di sé… un po’ come voler prendere il vento con le mani per farlo andare là dove si vuole. La mente è all’origine di tutti i problemi dell’uomo, ma è anche la sede delle sue soluzioni. perchè è un tesoro nascosto sul quale camminiamo, ogni giorno, senza renderci conto di quanto valga”. (Tiziano Terzani – L’ultimo giro di giostra)

Alla fine del Countdown (conto alla rovescia) che ha portato alla nascita dell’Universo, si è determinata la comunicazione per come gli scienziati hanno imparato a conoscerla, cioè: “un processo di scambio di informazioni e di influenzamento reciproco che avviene in un determinato contesto”.

In effetti, la forza gravitazionale, quella elettromagnetica ed altro, hanno reso possibile, con flussi coesivi o disaggreganti di particelle, la creazione di tutto ciò che esiste, in giro per le galassie.

Nel più completo, apparente, silenzio!

All’interno degli atomi (che ci costituiscono) esistono particelle chiamate protoni e neutroni. Ciascuna delle due rappresenta una sorta di condominio all’interno del quale risiedono microstrutture che, quasi, si confondono col proprio movimento e che prendono il nome di quark. Esattamente, tre per ogni protone e, tre, per ciascun neutrone.

Il bello è che, essendo “caricato” positivamente, ogni quark sarebbe indotto (per via della forza elettromagnetica) ad allontanarsi dagli altri due. Interviene, a quel punto, un legante (rappresentato da un microelemento chiamato”gluone”) che impedisce la fuga consentendo loro, solo un piccolo movimento oscillatorio da cui origina una sorta di rimtica danza “sacra”.

Ogni Quark contiene una sorta di programma fornito da chi ha “Creato” l’intero sistema Universo in base al quale, grazie al proprio movimento, genera “silenziose” onde vibrazionali indispensabili per rappresentare la VITA, un gradino dopo ciò che c’era prima del Big Bang.

Il frutto del silenzio è la preghiera, il frutto della preghiera è la fede, il frutto della fede è l’amore, il frutto dell’amore è il servizio, il frutto del servizio è la pace. (Madre Teresa)

Qualsiasi sollecitazione giunga dall’esterno (del protone, del neutrone o del nucleo dell’atomo) colpisce i quark e, in base alle loro capacità di adattamento di fronte allo stress indotto, si producono variazioni nel movimento vibrazionale e, con esse, nuove forme di comunicazione che, trasferendosi agli elettroni, grazie ai loro salti da un orbitale all’altro, si propagano nelle molecole e (per quanto riguarda l’essere umano), via via, nei tessuti, e nell’intero organismo.

Il valore del silenzio. Noi “siamo” ciò che pensiamo.

Pensare (dal latino pensàre: esaminare, apprezzare, pesare e valutare le cose con l’intelletto) produce l’attivazione di diverse zone cerebrali con lo scopo di determinare la costruzione delle idee, mediante il meccanismo, silenzioso, della riflessione, per l’elaborazione delle strategie più idonee alla risoluzione dei problemi relativi all’appagamento di bisogni e desideri.

Questo significa che siamo stati dotati di uno strumento idoneo ad affrontare tutti gli ostacoli che incontriamo, mentre ci muoviamo sulla strada del raggiungimento di uno o più obiettivi. E questo accade, se “pensiamo” lontano da disturbi del Mondo Esterno: cioè, in silenzio.

Il ruolo dell’Apprendimento: cosa significa e, a che serve, Imparare?

Ogniqualvolta l’essere umano si trova nelle condizioni di dover risolvere le difficoltà che la vita gli pone di fronte, per impegnare il pensiero nella strutturazione di una strategia adeguata, dovrà ricorrere alla prima delle espressioni strutturali della mente: l’apprendimento”. (Giovanni Russo)

Sono moltissime le definizioni che pretendono di far comprendere il termine in questione. Una, abbastanza esplicativa, lo identifica come “un processo psichico mediante cui l’esperienza, incidendo sul sistema nervoso, modifica il comportamento animale ed umano”. Siccome il termine esperienza identifica, nella lingua italiana, “la componente sensibile di un atto conoscitivo, in cui sono coinvolti i sensi come recettori del mondo esterno”, ricaviamo che il meccanismo dell’apprendimento si determina a seguito di stimolazioni che acquisiamo in maniera direttamente proporzionale alla capacità di ascoltare e osservare, in “religioso” silenzio.

Bisogna concentrare l’attenzione dello spirito, non lasciarsi assorbire dalla vita di superficie, stabilire in ogni giornata una zona di silenzio, affinare la sensibilità dell’anima”. (don Carlo Gnocchi)

E siccome, apprendendo, forniamo nuovi dati che, come abbiamo visto prima, influenzano la danza cosmica prodotta dai quark che si allontanano (per effetto dell’interazione debole) e si riavvicinano (in base all’azione dell’interazione forte) ecco che, grazie al silenzio costruttivo (cioè prodromico di riflessioni e meditazioni), si manifestano effetti di trasformazione evolutiva, a livello infra atomico, genetico (mediante trasformazioni nel substrato molecolare del DNA) e di Memoria storica o “dichiarativa” – (che costituisce l’Identità di ciascuno).

Lì, nel monastero, ci si occupa di Dio, si rispetta e si garantisce la continenza, si custodisce la disciplina, si attende alle sante letture. Il silenzio è ininterrotto e il perenne riposo da ogni chiasso di faccende mondane obbliga a meditare sulle cose del Cielo” (San Bernardo)

In più…

Quando impariamo, sviluppiamo conoscenza di qualcosa non presente nel nostro Mondo Interno e, in quanto tale, potenzialmente pericolosa perchè “diversa” dalle nostre convinzioni. Confrontando il vecchio col nuovo e individuando (grazie alla riflessione) la correttezza di quest’ultimo, superiamo lo scombussolamento conseguente alla difficoltà dell’accettazione e dal caos entropico iniziale, si passa all’equilibrio di una posizione mentale evoluta.

In sostanza, a queste condizioni, è di tutta evidenza che, grazie al silenzio, si sviluppa, addirittura la capacità di adattamento e, in ultima analisi, la tolleranza.

Ho sempre amato il deserto. Ci si siede su una duna di sabbia. Non si vede nulla. Non si sente nulla. E tuttavia qualche cosa risplende in silenzio.(Antoine De Saint-Exupery)

A questo punto della storia, le due apparenti antinomie, quella del Vangelo secondo Giovanni e l’altra, derivante dall’antica saggezza orientale, possono trovare un punto d’incontro nella profonda rifessione del grande Giurista Francesco Carnelutti…

Il grillo canta perché gli uomini ascoltino il silenzio e, da esso, traggano il valore della parola”.

-

Cercando il modo migliore per concludere questa, ritengo, interessante passeggiata nel mondo del Silenzio, vorrei riportare la risposta che fornisco, a coloro che, spesso mi chiedono come si affrontano le sofferenze: una bambina torna dalla casa di una vicina alla quale era appena morta, in modo tragico la figlioletta di otto anni. “Perché sei andata?
  Le domanda il padre. “Per consolare la mamma”“E che potevi fare, tu così piccola, per consolarla?”“Le sono salita in grembo e ho pianto con lei”.

Ecco, fermarsi ogni tanto, serve a ristorare la sete e la fame del nostro mondo “di dentro”. Dandogli ascolto e imparando ad amarlo, potremo, finalmente, lasciarci cullare da quell’incredibile Silenzio che (alla stregua del bianco, che contiene tutti i colori dell’arcobaleno), racchiude tutti i suoni dell’Universo.

E ricordati, io ci sarò. Ci sarò su nell’aria. Allora ogni tanto, se mi vuoi parlare, mettiti da una parte, chiudi gli occhi e cercami. Ci si parla. Ma non nel linguaggio delle parole. Nel silenzio. (Tiziano Terzani)

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *