Posted on

Profonde riflessioni in vernacolo sul rapporto col Tempo e con quanto ci “resta del Giorno”…. La bellezza del componimento, merita anche una traduzione in lingua italiana. Sinceramente, per chi “mastica” un po’ di Calabrese, l’impatto emotivo sarà decisamente più forte.

TIAMPU

Un tignu cchiu tiampu ppe ni trova’ nu poco

E, Sinceramente, un ni tignu cchiu’

Picchi’ U tiampu sinni fuja e un si fa acchiappa’

Si fa cchiu picciriddru quannu s’alluntana

E para nu capiddru ca si perda sutta l’acqua i na funtana

. Mo

… va lu piglia…

è na parola!

Minni bastassa una, una sola

Per u fa ricoglia cumu fossa nenti

Per u fa vota’ Cumu fossa na chiacchiera da’ genti

Ca para ch’è passata

E ancora si riminia

Ca para che è finita

Ed ancora è mmienzu a ssa via!

Un tignu cchiu tiampu e ni voliss’ avi

Ma no ppe fa cazzate o ppe fa viaggi

Ppe puti di’ “dumani chi facimu?”

Un tingu tiampu, ancora un l’ha capitu?

Ti giuru, ni volissa natru pocu

Volissa sta cussi a nun fa nente

Volissa potì vida ancor’a gente

Er i volissi saluta’ a tutti ….ad un’ ad uno

E ci di’ qualunque cosa c’unn’haiu dittu mai a nissuno

Ma un tignu tiampu….

Ni vidimu dumani Anzi….

salutami tu Ppe mia dumani è tardi…

Ca m’hannu già chiamatu Ppe mia i luci si stutanu…

S’appiccianu chiri d’u criatu! )

TEMPO

Non ho più tempo per trovarne un poco

E sinceramente, non ne ho più

Perché il tempo scappa via e non si fa raggiungere

E si fa più piccolo quando si allontana

E sembra un capello che si perde sotto l’acqua di una fontana

. Adesso

… vallo a prendere

. È una parola!

Me ne basterebbe una, una sola!

Per farlo ritornare come fosse niente

Per farlo tornare indietro come fosse una chiacchiera della gente

Che sembra sia esaurita

E ancora si rigira

Che sembra sia dimenticata

Ed è ancora in mezzo a questa strada!

Non ho più tempo e ne vorrei avere

Ma non per fare sciocchezze o per fare viaggi

Per poter dire “domani che facciamo?”

Non ho tempo, ancora non l’hai capito?

Ti giuro, ne vorrei un altro poco

Vorrei stare così a non far nulla

Vorrei poter vedere ancora la gente

E vorrei salutarli ad uno ad uno

E dir loro qualunque cosa non ho detto mai a nessuno

Ma non ho tempo…

Ci vediamo domani

Anzi salutami tu

Per me domani è tardi

Chè mi hanno già chiamato

Per me le luci si spengono

Si accendono quelle del Creato

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *