Posted on

Dovrei effettuare una rinuncia all’eredità. Entro che termini è consentita? E’ revocabile?”

La rinuncia all’eredità consiste nella dichiarazione di non voler accettare il patrimonio lasciato dal defunto.

La rinuncia all’eredità, ai sensi dell’art. 519 cod. civ., va fatta con una dichiarazione:

– ricevuta da un notaio oppure

– dal cancelliere del Tribunale competente (cioè il Tribunale dell’ultimo domicilio del defunto)

entro tre mesi dalla morte si è in possesso di beni ereditari, altrimenti entro dieci anni.

Per essere ritenuti “nel possesso di beni dell’eredità”, è sufficiente il possesso anche di un solo bene ereditario (ad es., una somma di denaro, un quadro, un immobile), intendendosi il termine “possesso” (in senso atecnico) come qualsiasi relazione materiale con uno o più beni ereditari (v. sentenza Corte di Cassazione n. 7076/95).

La dichiarazione di rinuncia può essere sempre revocata fino a quando il diritto all’accettazione non è prescritto (dieci anni), se l’eredità non è stata acquisita da altri.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *