Posted on

Pubblicato su Lo SciacquaLingua

Quel giorno il prof. Siliconi peccò proprio di “narcisismo linguistico” – sbalordendo i suoi alunni – quando disse di non aver portato i componimenti di italiano, che aveva corretto a casa, perché “era andato in oca”. Per non tediarvi oltre diciamo subito, gentili amici blogghisti, che questo idiomatismo significa “dimenticarsi”, “scordarsi”.

Alcuni insigni Autori lo fanno derivare – ma noi, francamente, non vediamo il nesso e l’origine del modo di dire resta, sempre per noi, sconosciuta – dall’antico gioco dell’oca. Questo si svolge tra piú persone con due dadi e un cartellone dove sono disegnate, a spirale, da 63 a 90 caselle numerate; il punto segnato dai due dadi lanciati indica il numero delle caselle che il giocatore percorre in ogni giro; determinate caselle – particolarmente quelle che recano la figura di un’oca – comportano alcuni vantaggi, altre impongono soste e retrocessioni. Vince il giocatore che arriva primo alla casella finale.

Restando in tema di oche c’è da dire che non tutti sanno – forse – che questa parola adoperata come termine di similitudine, con evidente allusione alla proverbiale goffaggine, stupidità e rumorosità dell’oca, appunto, può essere riferita anche a un uomo: Giovanni è proprio un’oca! In senso figurato, quindi, si dice che una persona (uomo o donna, dunque) è un’oca quando si vuole mettere in evidenza la limitata intelligenza e cultura, ma soprattutto la superficialità e presunzione.

A cura di Fausto Raso

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *