Posted on

Pubblicato su Lo SciacquaLingua

La parola che proponiamo, questa volta, è “cicchetto” che, come sappiamo, significa rimprovero. Sulla provenienza del termine, Ottorino Pinigiani dà una spiegazione leggermente diversa dalla nostra.

Il vocabolo, dunque, dovrebbe esser noto ai lettori piemontesi perché sembra sia “nato” nella loro terra ed esportato su tutto il territorio nazionale con il significato suddetto. Il termine sarebbe, dunque, il piemontese “cichet” e questo dal provenzale “chiquet”, piccolo bicchiere, bicchierino e, per estensione, il suo contenuto.

Il passaggio semantico da bicchierino a rimprovero, nato dapprima negli ambienti militari – secondo il linguista Lorenzo Renzi – “Deve esser nato nelle caserme cosí: chi veniva chiamato in disparte dal superiore per una strigliata, sarà tornato riferendo scherzosamente ai colleghi che il capitano (o chi per lui) gli aveva dato un cicchetto; e, cioè, offerto da bere”.

di Fausto Raso

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *