Posted on


Dal condono delle multe alla conservazione del credito residuo se si cambia gestore telefonico ed alla tariffa unica per i taxi romani.


 


  

Inserita nella manovra finanziaria estiva il condono sulle multe per violazioni del Codice della Strada.

La sanatoria prevede il pagamento della multa iniziale più il 4% della somma e riguarda tutte le contravvenzioni elevate fino al 31 dicembre 2004. Nelle comunicazioni che verranno inviate agli utenti verrà spiegato che si può pagare la multa senza la mora e saranno contemporaneamente sospese tutte le procedure esecutive. Tale decisione discende dal fatto che, trascorsi 5 anni le multe vanno in prescrizione, pertanto il provvedimento è volto al recupero di sanzioni che altrimenti non porterebbero neanche un euro nelle casse dei Comuni. Questo, dunque, il vero motivo del condono..

 

 

Novità nel campo delle telecomunicazioni. Chi cambia gestore conserva il credito residuo.

Dal 10 agosto i gestori devono adattarsi alla nuova normativa.

Il consumatore pagherà comunque una commissione che gli sarà detratta dal credito trasferito, ma l’importo sarà minimo: dovrebbe variare da € 1,00 a 1,60 a seconda dell’operatore, ma si potrebbe anche determinare un costo uguale per tutti.

Rimangono esclusi dal credito residuo esigibile dal consumatore i bonus e le ricariche omaggio.

Caos sui tempi di trasferimento da un operatore all’altro. Una sentenza del Tar del Lazio di giugno ha annullato quanto determinato dall’Agcom: 3 giorni per il passaggio fra gestori. Forti di tale sentenza i gestori ne stanno approfittando e applicano tempi molto più lunghi.

 

 

Una sola tariffa per le corse in taxi a Roma. La giunta comunale ha approvato una memoria di giunta con cui si impegna a eliminare l’attuale tariffa 2, quella extraurbana (fuori dal raccordo Anulare) per introdurne un’unica e progressiva.

La nuova tariffa avrà un costo differente a seconda del tempo trascorso, dei chilometri percorsi e dalla velocità impiegata. Non sarà più il tassista ad inserire la tariffa ma sarà il tassametro a far aumentare il prezzo automaticamente.

Se verrà percorso un tratto extraurbano il prezzo finale dovrà essere scontato del 30%.

I parametri con cui modulare la nuova tariffa progressiva dovranno essere determinati nelle prossime sedute della commissione consultiva con sindacati ed associazioni dei consumatori.

Maria Cipparrone.

Print Friendly, PDF & Email