Posted on

 

Al via l’iniziativa che coinvolgerà le scuole e le centrali del latte italiane.

 

 

La campagna di informazione ed educazione alimentare

è promossa da UNALAT e finanziata dalla UE

 

Da novembre, gli studenti delle scuole medie italiane avranno due nuovi amici. Si tratta di “Amico Latte” – “Amico Grana Padano”, o meglio della prima campagna di educazione e informazione alimentare, così denominata, che è stata presentata mercoledì 11 ottobre, a Roma e Milano, da UNALAT, l’Unione Nazionale fra le Associazioni di produttori di latte bovino.

Al lancio della campagna sono intervenuti il presidente Unalat Ernesto Folli, il presidente della Federconsumatori Rosario Trefiletti, il sottosegretario di Stato alla salute Giampaolo Patta, i professori Carlo Cannella e Amedeo Giorgetti esperti in alimentazione, la direzione generale dello studente rappresentata da Antonella Maccaniello; in videoconferenza da Milano Liliana Beccalossi, vicepresidente della Regione Lombardia e Samanta Biale giornalista e nutrizionista.

“La campagna informativa Amico Latte e Amico Grana Padano ha come obiettivo la valorizzazione delle qualità dei prodotti lattiero-caseari italiani e del legame che unisce i prodotti dell’agricoltura e dell’allevamento con i cibi consumati ogni giorno”, ha dichiarato il presidente Unalat Ernesto Folli.

“Progetti come questo promosso dagli amici di Unalat non hanno solo un valore culturale, ma forniscono alle nostre imprese strumenti di competitività per affrontare le sfide della globalizzazione”, così il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Paolo De Castro.

Per la prima volta, inoltre, una campagna nazionale di sensibilizzazione, che vuole promuovere una alimentazione consapevole fra i giovani, è stata articolata con importanti ricadute sociali sul territorio.

Nell’iniziativa, infatti, saranno complessivamente coinvolti oltre 2.000 docenti delle scuole medie inferiori, che seguiranno delle vere e proprie sessioni di formazione condotte da un Comitato Scientifico. Questi educational, che si terranno presso 500 scuole dislocate in tutta Italia, interesseranno in totale oltre 30.000 alunni.

Il meccanismo è molto semplice. Il Comitato Scientifico di UNALAT, composto da esperti di alimentazione e

nutrizionisti di chiara fama, avrà l’obiettivo di mettere a disposizione dei docenti tutti gli elementi utili per poter svolgere, a loro volta, lezioni puntuali ai propri studenti. A questo proposito, sono stati elaborati ed approvati, di concerto dal Ministero della Salute, due kit specifici: uno didattico, a disposizione degli stessi docenti, e uno divulgativo che i professori potranno distribuire agli studenti durante le loro lezioni. In questo modo, la campagna vuole favorire la formazione di corrette abitudini alimentari, che le giovani generazioni possono così acquisire più facilmente e conservare nel tempo.

Al progetto – finanziato dall’Unione Europea e dall’Agea (l’Agenzia per le erogazioni in agricoltura) – partecipa anche la Centrale del latte di Cosenza, fra le principali aziende lattiero-casearie del sud Italia. A tal proposito, il Presidente dell’Azienda agricola Torre di Mezzo Renzo Caligiuri dichiara: “In un momento, molto particolare della nostra economia agricola, iniziative del genere, non solo stuzzicano e sollecitano la nostra voglia di fare, ma danno anche tanta visibilità alle nostre produzioni che meritano di essere ancor di più valorizzate. La nostra Azienda collabora distribuendo il Latte Fresco Alta Qualità solo nella Regione Calabria”.

 di Marco Cappeddu

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email