Posted on

Cari lettori, sempre
più numerosi e interessati, voglio parteciparvi tutto il mio stupore, condito
da profondo disgusto, nell’apprendere che, l’Anas, ovvero, l’Ente proprietario
della nostra autostrada interpoderale definita A3, ha affidato al collega Ripamonti
il compito di presentare alla Procura della Repubblica di Cosenza un
esposto-denuncia al fine di accertare e valutare (questi sono precisamente i
termini dell’esposto) il comportamento dei conducenti dei mezzi pesanti che
nella giornata del 25 gennaio ( e in quelle successive) scorso avrebbero
causato,(solo loro ovviamente) in vari tratti della menzionata mulattiera, la
tragica situazione che noi tutti ricordiamo dopo le abbondanti nevicate che
hanno interessato tutto il centro sud. Bisogna doverosamente precisare che
altrove, i candidi fiocchi di neve avrebbero costituito certamente un volano
economico e che, invece, qui da noi, hanno rappresentato, rappresentano e, a
mio parere, rappresenteranno una iattura per una terra che, per due terzi,
pensate un pò, è costituita proprio da colline e montagne e che, si presume
molto erroneamente, dovrebbe essere preparata a simili emergenze che poi,
emergenze non dovrebbero essere! Ma valutiamo insieme, perché stimo ogni
singolo lettore di questo giornale, la faccia di bronzo dell’Anas che… PER
CONTINUARE LA LETTURA, CLICCARE SUL TITOLO.

…sempre nel solito
esposto di cui sopra, chiede alle autorità se “siano ravvisabili gli estremi
dell’inosservanza dei provvedimenti dell’autorità”. Ricordo che tale
disposizione, contenuta nell’art 650 del nostro Codice Penale, punisce coloro i
quali non ottemperano ad un provvedimento legalmente dato dall’autorità per
ragioni di sicurezza pubblica. Io mi domando e vi domando, chi ha punito i
responsabili dello scempio e delle vergogne che, peraltro, sono sotto gli occhi
di tutti, perpetrati sull’A3, quante le situazioni di pericolo che esistono
lungo questa arteria? Anzi, vi siete chiesti come mai, nonostante l’assoluzione
di alcuni indagati, permangano ancora i limiti di sessanta chilometri orari su
molti tratti della nostra arteria principale? Se reato non è stato consumato,
se colpevoli non ce ne sono stati se ne deduce che, allora, la A3 dovrebbe
essere percorribile nella massima sicurezza…sappiamo bene che non è così e i
famosi limiti di velocità, con i relativi sequestri effettuati dalle autorità
preposte rafforzano il mio convincimento. Vergogna, vergogna e ancora vergogna,
ma che faccia di bronzo accusare altri di proprie responsabilità, ma chi è in
grado di dimostrare che gli automobilisti erano a conoscenza dei rischi a cui
andavano incontro immettendosi su quella maledetta autostrada in quei giorni e
poi, mi domando, chi è quell’imbecille che, pur a conoscenza delle difficoltà
di transito su una arteria vada, dritto, dritto a infilarsi proprio in
quell’inferno? domandiamoci e domandiamogli quali siano state le misure di
prevenzione adottate in quei giorni d’inferno, non avremo nessuna risposta perché
nessuna cautela è stata adottata, nessun segnale è stato esposto, nessun
comunicato, fino a prova del contrario è stato diramato; del resto basta
percorrerla questa nostra mulattiera, per rendersi conto che di cautele anche
con il sole e a 40 gradi non ce ne sono. Se non credete a quanto scritto,
allora, fatevi un viaggio fino a Reggio Calabria e vi accorgerete che non mento:
è una vergogna dietro l’altra; una volta occorrevano circa quattro ore per
raggiungere Palermo da Messina, oggi, con l’apertura del nuovo tratto della A
23 ci si impiega un’ora e trenta minuti; sempre una volta, da Cosenza a Reggio
Calabria ci si impiegava circa un’ora e trenta oggi, dopo il lifting, ci si
impiegano circa tre ore (se tutto va bene)….abbiamo altro da aggiungere? Si
c’era una volta un’autostrada almeno percorribile, oggi abbiamo un cantiere
aperto che non si sa quando verrà chiuso e se sarà mai chiuso con qualche
tratto  percorribile a sessanta o
ottanta chilometri orari, da quel giorno sono trascorsi sette anni e  chissà quanti ce ne vorranno ancora. Da
allora  molte sono state le vittime
sacrificate alla causa…in tutto ciò ravvisate un minimo di rispetto per noi
automobilisti? Io no!  Lasciatemi
sognare, e se un giorno, tutti insieme, decidessimo di chiedere i danni morali
e materiali per questo scempio….chissà
forse, finalmente, qualcuno tremerà e giustizia sarà fatta, quella vera
però.      

Print Friendly, PDF & Email