HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

Alessandro Citro

Articoli di questo autore

Sguardi di solitudine.
martedì 14 agosto 2012 di Giorgio Marchese, Alessandro Citro

"Se tu sei veramente un Medico, sappi che quando curi gli occhi, dietro gli occhi c’è la mente e dietro la mente c’è l’anima e che per curare gli occhi devi capire l’anima" (Socrate). Molto presuntuosamente, credevamo di aver affrontato il confronto con la solitudine in maniera completa. Ci sbagliavamo. Meno male. E, almeno, per due motivi. Il primo: un sano contatto con quel realismo che ti fa capire quante altre scale dovrai salire, prima di iniziare a pensare di poter tirare i remi in barca. Il secondo: la possibilità di scoprire quante altre porte si schiudono, quando sei pronto ad osservare, umilmente, gli usci disponibili ad apririsi di fronte alla tua voglia di conoscenza. Un allievo va dal suo guru e gli dice che vuole la verità più di ogni altra cosa. Il maestro non risponde ma, inaspettatamente, lo afferra per il collo, lo trascina al vicino torrente e gli mette la testa sott’acqua fino a quando, il malcapitato, non giunge fino al limite dell’annegamento. Quindi, tiratolo fuori, gli chiede: "cos’era che volevi, più di ogni altra cosa, quando eri sul punto di morire?" - "L’aria!" - "Bene, quando cercherai la verità come, un momento fa desideravi l’aria... allora sarai pronto ad imparare!" (Antico racconto tibetano). Su l’Avvenire di fine luglio 2011, un bell’editoriale di Enzo Bianchi ci spiega che "il deserto e il giardino" costituiscono le due solitudini dell’uomo... PER LEGGERE TUTTO IL TESTO, CLICCARE SUL TITOLO.


Solstizio d’estate.
sabato 30 giugno 2012 di Alessandro Citro

È arrivata.


Piove...
domenica 27 maggio 2012 di Giorgio Marchese, Vincenzo Andraous, Alessandro Citro

"A New York, c’è una violenza pazzesca. Sul giornale di oggi, c’era la notizia di un leone che si è liberato dallo zoo di Central Park ed è stato seriamente malmenato. (Bob Newhart). Ironia a parte, non è stato semplice imbastire l’editoriale della settimana cercando, soprattutto, di evitare luoghi comuni e analisi puramente demagogiche. "Piove, sui monti e sulle scale su petali e parole, sul cuore mio che batte... Piove sui poveri soldati sui campi abbandonati e sulla mia città" (Alex Britti). Al di là di chi sia stata la mano assassina (quella di un folle, di un terrorista, di un mafioso, o di un "deviato"), probabilmente è la prima volta che si colpisce una scuola e dei giovani studenti. La Scuola, come sosteneva Antonino Caponnetto (capo del pool di magistrati siciliani, all’epoca di Falcone e Borsellino), è l’unica via d’uscita da qualsiasi forma di mafia perché, con la cultura, si taglia l’erba sotto i piedi a tutti quelli che cercano di portare i giovani (senza prospettive) verso un mondo alterato che conduce all’antiStato. Quanto accaduto a Brindisi, sabato 19 maggio 2012, in quella scuola, potrà avere i colori, i connotati, l’identità che la Storia sarà capace di fornire... ma rimane il fatto che, il valore della vita umana è inalienabile, il ruolo delle persone è incancellabile. Cosý come, l’omicidio Ŕ imperdonabile. Pi¨ ancora, per˛, dovrÓ avere il "comandamento" fondamentale: i bambini, le donne, gli anziani, non si toccano, non si debbono toccare mai... PER LEGGERE TUTTO IL TESTO, CLICCARE SUL TITOLO.



Un angolo di terra che mi sorrida...
martedì 20 marzo 2012 di Alessandro Citro

Libera interpretazione da "Una vita", di Italo Svevo.


A mani nude nel parco...
sabato 31 dicembre 2011 di Alessandro Citro

Ma che ci fa un carcere, di fianco a un viale parco?


Psicologia delle dipendenze.
lunedì 19 dicembre 2011 di Alessandro Citro

Dal gioco d’azzardo alle nuove tecnologie.


Giuseppe Pontiggia.
sabato 26 novembre 2011 di Alessandro Citro

L’illustre bancario bibliofilo.


I caratteri del docente riflessivo...
lunedì 19 settembre 2011 di Alessandro Citro

Auguri, professore!

 


Le fasi transitorie.
sabato 10 settembre 2011 di Alessandro Citro

L’età dell’incertezza.


L’identitÓ calabrese.
martedì 23 agosto 2011 di Alessandro Citro

Lasceremo i campi, la casa, la donna che amiamo


Al Mega.
venerdì 5 agosto 2011 di Alessandro Citro

Breve racconto sulla realtà degli ipermercati.


Gli ultimi spari. A 10 anni dal G8 di Genova. Per non dimenticare.
sabato 16 luglio 2011 di Alessandro Citro

Adesso che lo sento sulla pelle, so quant’è caldo l’asfalto di Genova alle cinque del pomeriggio di fine luglio. Volevo andare al mare oggi, c’era anche una mezza promessa fatta a Luca ma stamattina si era messo male, il cielo era annuvolato, grigio, non come è adesso blu intenso, che da sdraiato che sono lo noto ancora di più, blu profondo, limpido, assoluto da guardarlo ore e ore senza rumori, senza confusione. Certo, il tempo adesso ce l’ho ma è la confusione che non riesco a eliminare; tutti quanti che si agitano, urlano mi stanno addosso, mi parlano, mi toccano: c’è anche la scorta armata che mi protegge, che lusso! Ma non l’hanno capito che è stato un attimo? Anzi meno di un attimo e mi son trovato così sdraiato, lungo lungo sull’asfalto caldo, incredibilmente caldo. Se ci penso bene, se fossi andato al mare, sarebbe stata la stessa sìtuazione. Io sdraiato, il caldo soffocante, la confusione sulla spiaggia e il cielo blu profondo, limpido, assoluto così come è adesso, forse l’unica differenza sarebbe stata il passamontagna, me lo sarei tolto, al mare proprio non serve. Insomma avrei potuto spassarmela oggi, invece devo sopportare tutti questi che si dannano attorno a me, non mi mollano, tutti addosso, ma... PER LEGGERE TUTTO IL TESTO, CLICCARE SUL TITOLO.


Il disagio giovanile...
sabato 4 giugno 2011 di Alessandro Citro

...e l’atteggiamento formativo dei docenti.


L’avventura formativa...
martedì 3 maggio 2011 di Alessandro Citro

...fra corporeità, mente ed emozioni.



PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione