HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Dubbi e Ansia - Egoismo e Positivismo.
di Giorgio Marchese  ( direttore@lastradaweb.it )

30 novembre 2015


L'incapacità di decidere, può produrre ansia? Che differenza c'è fra egoismo ed egocentrismo?


 

1. L’indecisione, l’insicurezza, l’essere sempre in dubbio su una scelta, condiziona la quantità di ansia o di agitazione ?

Sì, perché l’indecisione crea una condizione di conflitto tra due o più soluzioni praticabili; di conseguenza non riuscendo a prendere una strada ben definita, aumenta la tensione interna, restando "al palo". Aumentando questa tensione raggiungeremo dei livelli oltre i quali si produrranno ansia (con disagio psicologico) e angoscia (con disagio anche somatico). Prendendo una decisione l’ansia sparisce perchè scende la tensione da "stallo".

Perché è difficile imparare a decidere?

La capacità decisionale rientra nelle funzioni della Volontà che si allena fin da piccoli. Se ti aiutano a diventare autonomo, inducendoti a fare delle scelte (ad esempio, il tipo di abbigliamento da indossare, la scuola da frequentare, gli amici, gli hobby, etc.), ti abitui a diventare sicuro delle tue idee; se invece, per proteggerti o per accelerare i tempi reattivi, c’è qualcuno che sceglie per te, crescerai con dei grossi limiti decisionali, che si ripercuoteranno per tutta l’esistenza.

Questo succede anche con le persone che ti stanno vicino?

Si, soprattutto.

2. Essere egoista, pensare di più a se stessi, può evitarci problemi o frustrazioni inutili?

Essere egoista significa rispettare un principio naturale: pensare a se stessi.

L’errore, quando c’è, consiste nel pensare esclusivamente a se stessi, addirittura a danno degli altri. Dando la precedenza alla nostra persona, per rapportarci meglio con il mondo esterno, costituisce il sistema comportamentale più idoneo perché, trattare bene gli altri per stare meglio noi, rappresenta, oggettivamente, il massimo: questo si chiama egoismo positivo. Esistono, tuttavia, l’egoismo negativo e l’egocentrismo che evidenziano, invece, comportamenti riprovevoli.

Qual è la differenza tra egoismo corretto, egoismo negativo ed egocentrismo?

L’egoismo positivo prevede, come abbiamo appena accennato, il pensare a se stessi (senza danneggiare gli altri); operando un corretto rapporto di scambio con chi si mostra disponibile nei nostri confronti, riconoscendo i benefici ottenuti per intervento altrui.

L’egoismo negativo prevede la strumentalizzazione consapevole di chi ci sta intorno, con "sfruttamento" altrui sapendo d’essere in torto, ma considerandoci più "furbi" degli altri.

L’egocentrismo invece prevede la strumentalizzazione inconsapevole del mondo esterno, credendo di essere nel giusto. L’egocentrico, di fatto, è anagraficamente un adulto, ma maturativamente un bambino che necessita di tutto l’aiuto possibile, senza essere in grado di restituire nulla. A differenza dell’egoista negativo, è più facile che cresca e migliori.

G. M. - Medico Psicoterapeuta, Counselor

Si ringrazia Giuseppe Dattis per la formulazione delle domande, la trascrizione dell’intervista e la stesura del dattiloscritto.

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Spigolando sulla Presunzione.
Psicologi Vs Counselor?
Corso di qualifica professionale per Counselor.
Conciliazione e benessere. Crescita e condivisione.
Il counseling non è abuso della professione di psicologo.
Il Counseling per un invecchiamento felice.
Alzheimer: una malattia da condividere.
La famiglia è maestra di vita.
Uso e abuso della professione psichiatrica.
Il senso di inadeguatezza...
Nel mondo del Counseling...
Emozioni Italo Canadesi...
Insieme per l’Alzheimer.
Essere concilianti aiuta il cuore. Ma non solo.
Depressione...
Ahi, lo stress!
Il mondo della Paura.
In caso di ansia...
Il Mondo delle Emozioni...
Il Counseling....
DELLO STESSO AUTORE
Stress...
Quesiti - La deflorazione.
Tessuto Nervoso.
Il Pensiero e la coscienza di sé.
A come Amore.
L’ansia e la paura.
SOS ALZHEIMER e Counseling solidale.
Paura, autostima e sensi di colpa...
Alle radici del Narcisismo...
L’angoscia esistenziale.
Come capire e vivere meglio l’amore
Non arrenderti mai!
Leggere e studiare...
L’Onore...
Il nostro cervello...
Il senso di inadeguatezza.
Il mondo delle emozioni.
Essere Precario...
Vita...
Puntare su se stessi.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione