HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Trasferimento di unitā immobiliare
di Erminia Acri  ( erminia.acri@lastradaweb.it )

17 giugno 2001

Chi ha l'onere di comunicare, al condominio, il trasferimento di proprietā di una unitā immobiliare?

 

Non è raro, nella prassi della vita condominiale, che siano contestate delibere assembleari condominiali per la mancata convocazione di nuovi proprietari delle unità immobiliari.

In verità, tutti i condomini hanno il diritto di essere convocati per partecipare alle delibere dell’assemblea.

Difatti, la convocazione di tutti i condomini è requisito essenziale per la validità di ogni deliberazione assembleare. La mancata comunicazione dell’avviso di convocazione, anche ad un solo condomino, comporta la nullità assoluta della delibera, anche se la quota di questi sia ininfluente al fine del raggiungimento della maggioranza occorrente (v. Cass. 12 febbraio 1993 n. 1780).

Tuttavia, quando un immobile viene trasferito da un soggetto ad un altro, per il nuovo proprietario, non è sufficiente essere un nuovo condomino per acquisire il diritto di essere invitato a partecipare alle assemblee, ma occorre che il condominio ne venga a conoscenza.

Riguardo a siffatte situazioni, infatti, in più occasioni, la giurisprudenza ha affermato che è onere dell’acquirente assumere iniziative, da solo o con l’alienante, per far conoscere all’amministratore la nuova titolarità, e che, in mancanza della comunicazione del trasferimento, l’alienante deve essere invitato alle suddette assemblee, pur non essendo l’effettivo proprietario.

Questo orientamento (da condividere) trae origine dalla considerazione che nessuna norma impone all’amministratore condominiale, prima di convocare un’assemblea, di controllare, presso la Conservatoria dei registri immobiliari, la qualità di effettivi condomini di coloro che devono essere invitati (v. Cass. 18 febbraio 1980 n. 1176; Cass. 4 febbraio 1999 n. 985).

Inoltre, è considerata legittima la disposizione del regolamento condominiale che stabilisce, a carico dell’alienante, l’onere di comunicare all’amministratore il trasferimento dell’unità immobiliare ed i dati personali del nuovo proprietario (v. Cass. 14 marzo 1987 n. 2658).

Quindi, nel caso di mancata comunicazione del trasferimento all’amministratore, il nuovo proprietario non può impugnare le decisioni adottate dal condominio senza la sua partecipazione alle riunioni, né contestare quanto eseguito dall’amministratore in virtù di quelle delibere.

Quanto al pagamento delle spese condominiali, invece, il nuovo proprietario non potrà pretendere di non effettuare i relativi pagamenti per aver omesso di comunicare il suo acquisto al condominio che comunque ne sia a conoscenza (v. Cass. 26 aprile 1978 n. 1946).

Inoltre, secondo parte della giurisprudenza, l’amministratore di condominio può agire legalmente per il recupero delle spese condominiali nei confronti di colui che, pur non essendo effettivo proprietario, sia apparso tale in base a circostanze che abbiano indotto l’amministratore a ritenere in buona fede che fosse condomino (v. Cass. 19 febbraio 1993 n. 2020; Cass. 20 marzo 1999 n. 2617).

Pertanto, quando si procede al trasferimento di un’unità immobiliare condominiale, è interesse dell’acquirente rendere noto al condominio il suo acquisto, allo scopo di partecipare alle deliberazioni condominiali, che, altrimenti, si troverebbe a dover subire; è pure interesse dell’alienante comunicare al condominio l’avvenuto trasferimento, per non rischiare di ricevere eventuali ingiunzioni per il pagamento di spese condominiali, ad esclusione, però, dei contributi relativi all’anno in corso ed a quello precedente, rispetto ai quali sono obbligati in solido acquirente ed alienante (art. 66 disp. att. Cod. civ. ).

 

 

Erminia Acri

Avvocato

 

<

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
La ripartizione delle spese nella manutenzione del tetto.
Uso aree condominiali.
Infiltrazioni d’acqua da cattiva manutenzione del lastrico solare.
Destinazione a parcheggio di un’area condominiale.
Invaliditā delle delibere condominiali.
Avvisi condominiali e privacy.
Condominio: riparto spese straordinarie e ricorso al decreto ingiuntivo.
Costruzione di balconi o terrazzi negli appartamenti.
Modifica delle tabelle millesimali.
Detenzione animali in condominio.
La scelta dell’amministratore negli stabili di nuova costruzione.
Attenzione al parcheggio dell’auto nel cortile condominiale!
L’amministratore puō scegliere la ditta per i lavori condominiali?
Oneri condominiali e vendita di immobile.
Condominialitā.
Deroghe ai criteri di ripartizione delle spese condominiali.
Polizza d’assicurazione del condominio.
Legittimazione processuale da parte dell’amministratore del Condominio.
La manutenzione dei balconi.
Penali a carico dei condomini morosi.
DELLO STESSO AUTORE
Quesiti legali- Segnaletica stradale e precedenza.
Quesiti legali-Persone con disabilitā e parcheggio in area condominiale.
Quesiti legali - Chi paga le spese condominiali?
Quesiti legali-Cambiali scadute non pagate.
Quesiti legali - Parentela, affinitā e famiglia di fatto
Quesiti legali-L’adulterio č un reato?
Assegnazione posti auto nel cortile comune.
Quesiti legali-Videocitofono e condominio.
Quesiti legali-Spese straordinarie e locazione.
Diritto al mantenimento del proprio cognome nell’adozione
Ripetizione delle somme indebitamente percepite da invalidi civili.
Quesiti legali- Contratti di manutenzione ascensore di lunga durata.
Quesiti legali-Comunione ereditaria.
Quesiti legali - Tassa per il passo carraio.
Cosa fare quando l’inquilino non se ne va?
Quesiti legali- Invaliditā civile e attivitā lavorativa.
Quesiti legali-Assegno sociale e separazione dei coniugi.
Quesiti legali-Compatibilitā tra guida e psicofarmaci.
Il ruolo del socio accomandante nelle s.a.s.
Quesiti legali-Cassette postali e condominio.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lā del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lā - Curiositā
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunitā e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione