HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Quesiti legali- Una multa va sempre pagata?
di Erminia Acri  ( erminia.acri@lastradaweb.it )

16 marzo 2003

Rispondiamo ad un quesito che tanti automobilisti si pongono di fronte alla richiesta di pagamento di contravvenzioni per violazioni del codice della strada.


 

Ho ricevuto una multa che ritengo infondata: posso evitare di pagarla?

Lettera firmata

 

Pagare le multe è un dovere, ma è giusto e consentito opporsi e presentare ricorso, se si ritengono sussistenti elementi per una contestazione.

Innanzitutto occorre tenere presente che l’infrazione deve essere contestata direttamente all’interessato oppure, qualora ciò non sia possibile, notificata entro 150 giorni dall’accertamento.

Quando l’infrazione viene contestata immediatamente o notificata nel termine suddetto e si ritiene dovuto il pagamento, non si può pagare la contravvenzione direttamente agli agenti accertatori, ma solo attraverso conto corrente, versamento bancario o presso l’autorità che l’ha emessa (Vigili urbani, Polizia stradale, Carabinieri ecc), entro 60 giorni dalla contestazione o dalla notificazione. Se si provvede entro questo termine, si è ammessi a pagare in misura ridotta, cioè una somma pari al minimo fissato dalle singole norme.

E’ opportuno conservare per almeno 5 anni la ricevuta che prova l’avvenuto pagamento, perché la multa si prescrive in 5 anni. Ciò vuol dire che trascorso tale termine il pagamento non è più esigibile.

Alla contravvenzione ci si può opporre quando vi siano elementi di contestazione, come, ad es., la mancata contestazione personale dell’infrazione, la mancata notifica del verbale di accertamento entro 150 giorni dall’infrazione, la prescrizione della contravvenzione per il decorso di 5 anni dalla data della violazione, la circostanza che la vettura che non era di proprietà del presunto contravventore o che era stata rubata, o per altre motivazioni da valutare caso per caso.

I mezzi per proporre opposizione sono i seguenti:

- il ricorso al Prefetto del luogo in cui è stata notificata la contravvenzione, qualora non sia già stato effettuato il pagamento, entro 60 giorni dalla contestazione o dalla notificazione;

- il ricorso al Giudice di Pace del luogo in cui è stata commessa la violazione, da proporre entro 30 giorni dalla contestazione o notificazione.

(Per maggiori informazioni si può consultare l’articolo ‘Cartelle pazze’ -settore legale -)

Erminia Acri (Avvocato)

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Quesiti legali- Invalidità civile: ricorsi e nuove domande.
Quesiti legali-Aggiudicazione di veicoli dismessi dalle forze dell’ordine.
Quesiti legali-Pensione privilegiata e causa di servizio.
Quesiti legali-Somme percepite in più sullo stipendio da un’insegnante.
Quesiti legali-Come faccio a sposarmi?
Quesiti legali-Contratto telefonico e mutamenti di prezzo.
Quesiti legali- Separazione di genitori non coniugati e mantenimento figli minori.
Quesiti legali-Condominio e codice fiscale.
Quesiti legali-Contrasti nel piccolo condominio.
Quesiti legali- Compenso amministratore condominiale
Quesiti legali-Multe ai pedoni.
Quesiti legali-Acquisti fatti in saldo.
Quesiti legali-Mantenimento dei figli.
Quesiti legali-Separazione, divorzio e diritti successori.
Quesiti legali-Costituzione condominio.
Quesiti legali-Convocazione di assemblea condominiale.
Quesiti legali-Pensione di reversibilità al coniuge divorziato.
Quesiti legali-Multe per accesso in zona ZTL.
Quesiti legali - Spese riscaldamento centralizzato.
Quesiti legali-Canoni arretrati acqua.
DELLO STESSO AUTORE
La patente di guida vale come documento di riconoscimento.
Assegnazione posti auto nel cortile comune.
Il ruolo del socio accomandante nelle s.a.s.
Lesioni da caduta e risarcimento danni
Quesiti legali - Chi paga le spese condominiali?
Installazione tende da sole in edificio condominiale.
Indennizzo per infortunio sul lavoro o malattia professionale.
Cosa fare quando l’inquilino non se ne va?
Libertà di "parabolica" in condominio
Quesiti legali-L’adulterio è un reato?
Quesiti legali-Cambiali scadute non pagate.
Quesiti legali-Spese straordinarie e locazione.
Quesiti legali- Contratti di manutenzione ascensore di lunga durata.
La "guida con ciabatte".....
Locazione commerciale: recesso anticipato dell’inquilino.
Costruzione di balconi o terrazzi negli appartamenti.
Estinzione dell’obbligo di mantenimento del figlio maggiorenne.
Rapporto fra genitori e figli nel diritto di famiglia
Quesiti legali- Aria condizionata e condominio.
Quesiti legali-Cassette postali e condominio.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione