HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Il Montgomery blu.
di Giorgio Marchese  ( direttore@lastradaweb.it )

23 aprile 2018


Cosenza, 24 dicembre 1967, ore 19.00, Autostrada A3 (ora A2, del Mediterraneo), area di sosta “Bellavista” (nei pressi della galleria “Acqua di Calci”). Piove col vento e, l'acqua, crea un pulviscolo lattiginoso che rende l'ambiente come in preda ad una tormenta. C'è un bimbo che si aggrappa alla mamma, in una piccola Fiat Millecento “D” del 1964. E c'è un omino in Montgomery blu che si sbraccia, a rischio della vita, a bordo strada, nel tentativo di fermare qualcuno disponibile a portare in salvo la propria famiglia, la sera della vigilia di Natale. Perchè, la propria auto, è rimasta senza benzina dal momento che si è dovuto scegliere fra riempire il serbatoio o rischiare, nel mettersi in marcia e comprare, al posto della benzina, generi di conforto da dispensare (come Re Magi giunti in anticipo) ad anziani soli e abbandonati dai proprio familiari, fra Rogliano e Grimaldi. Cari Lettori, quell'uomo era mio Padre e, forse per il ricordo ancestrale di allora, sono particolarmente affezionato ad un mio soprabito che ricorda il suo e sono Presidente di una Onlus che si occupa di “terza e quarta età” in evidente difficoltà. Qualcuno ha detto che, negli occhi dei bambini, non c’è amarezza... Ancora oggi, dopo 51 anni da quella sera, ripensando a quell'uomo riannodo, in un solo istante, tutti i fili di quella memoria in cui conservo gli Amori più importanti... PER CONTINUARE LA LETTURA, CLICCARE SUL TITOLO.




Emile Cioran, sosteneva che la vita può essere intesa come una disperata fuga dalla nascita. Quando veniamo al mondo affrontiamo dapprima, la sofferenza del passaggio traumatico da una situazione conosciuta all’ignoto e, successivamente, il disagio del renderci conto che dovremo morire.

Io ho imparato che, Donare, mi aiuta ad affrontare la solitudine senza l’angoscia dell’emarginazione. Credo che, questo, aiuti a crescere quel tanto che basta ad accettare che, mentre scorre il tempo a disposizione, come un baco da seta, ciascuno “tesse” la propria personale “goccia di splendore” per cui è valsa la venuta al mondo.

Gli Scienziati, ci spiegano che siamo componenti dell’Universo. Il fatto è che, però, lo stesso Universo struttura elementi in maniera scalare. Così (si ipotizza) potrebbe esserci una serie di “camere” a grandezza incrementale a formare un Multiverso. Comunque sia, lo stesso Universo lo troviamo in scala infinitesimale, in noi. Lì dove, i quark, danzano fra le interazioni forte e debole a creare la prima frequenza di vita conosciuta.

Quindi abbiamo, in potenza miliardi di anni e possiamo contare sul tesoro di gran lunga più importante: l’energia. Da usare nelle unità di tempo.

E, a proposito di Tempo, come ha scritto Roberto Vecchioni nel suo “La vita che si ama”: I bambini, i pazzi, i geni, i poeti, non conoscono il tempo orizzontale: non ne hanno bisogno. Sanno, che quando vedi una cosa, la vedi per l’ultima volta. Non temono l’attimo né l’idea che qualcosa non abbia né fine né inizio. Il loro, è un tempo verticale: non c’è passato e non esiste futuro. Di ciò, non ne hanno paura. Non devono andare indietro con la memoria o fabbricare presagi. In pratica, per loro, niente passa e niente si perde. Le cose per altri perdute o sperate, sono tutte lì, vive, presenti. Questo, vuol dire avere davvero Tutto in un solo istante e bisogna saperlo governare. Pena, il naufragarci dentro.

Cari Lettori, vivere significa tante cose. Vuol dire, ad esempio, individuare un elemento importante e prezioso, su una piattaforma di confusione. A ben riflettere, la vita potrebbe essere foriera di grandi delusioni, dal momento che, come sostenevano i Grandi del Passato, “quello che unisce gli uomini, sono l’interesse e la paura”.

Proprio un paio di giorni fa, al mattino presto, costeggiando un bel Viale Parco tentavo di riordinare (nella “camera” dei miei elaborati) alcuni spiacevoli eventi che, poi, sono il risultato delle brutture che albergano nell’animo umano quando, ad un semaforo osservo l’ennesima condizione “estorsiva” di chi potrebbe pensare di guadagnare la vita in maniera meno tediosa e perniciosa. Mentre decido di alzare i vetri del mio abitacolo iperinsonorizzato (con lo stato d’animo di chi si ritira da un Mondo in cui la cattiveria ti crea lo stesso dolore di “pezzi di vetro conficcatti nella testa”) lo sguardo si posa su un padre e una bambina (che avrà avuto meno di 4 anni) che scambiano effusioni emotive fatte di sguardi e sorrisi...

Quindi è vero, anche, che gli accadimenti nei quali ci imbattiamo, di per sé (o di per loro) sono del tutto indifferenti ai nostri stati d’animo: tutto dipende, semmai, da come abbiamo imparato ad osservare le cose e dalle aspettative che riponiamo in esse.

D’altronde, il giorno in cui il Mondo sarà perfetto, noi tutti saremo privati di una grande “compagna”, grazie alla quale le angosce mutano in sospiri e poesie: la Speranza.

Cari Lettori, quello che amo di ciò che ho vissuto, supera (in quantità e qualità) le cose che vorrei non fossero mai accadute. Compreso il dolore, le cadute le passioni mal riposte e le delusioni. Al punto in cui sono arrivato, credo di dover essere riconoscente al Tempo che mi ha concesso di essere attraversato e, ovviamente, a quello che mi verrà data la possibilità di vivere ancora. E per questo, a volte, del primo ne ho nostalgia e, pensando al secondo, provo quella malinconia che nasce quando ti aspetti qualcosa che poi, invece, molto probabilmente non accadrà mai. Ma nonostante quanto appena dichiarato, resto curioso di come andrà. Fino alla fine. Bello sarebbe, però, ritrovare le persone per me “speciali”, per poter discutere, con loro, delle cose che non abbiamo fatto in tempo a raccontarci o che non abbiamo avuto il coraggio di confessarci.

Con la certezza di un unico diritto: quello del valore. Come quel Montgomery Blu che, ancora, porto nel cuore e, indosso, nelle fredde sere d’inverno.

Buona vita a tutti

Giorgio Marchese, Direttore La Strad@


Un suggerimento: provate a rileggere, con calma, questo lavoro ascoltando questo sottofondo musicale (che mi ha suggerito Gianni Filice)

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Il Pensare e la Libertā.
Moralitā, Onorabilitā, Incorruttibilitā (Una crescita condivisa).
Se, un Dio, muore (Cosa resterā di noi)...
Equilibristi e Trapezisti.
La vera Solidarietā (Fra donare e concedere, č meglio valorizzare).
Il sonno nella ragione...
Una vita alle ortiche. E quand’anche fosse?
Politici. Gattopardi, leoni, iene e sciacalletti.
DELLO STESSO AUTORE
Stress...
Quesiti - La deflorazione.
Tessuto Nervoso.
Capire l’antifona - Lettera F.
Paura, autostima e sensi di colpa...
Il Pensiero e la coscienza di sé.
Vivere...
La biochimica delle emozioni.
Il mondo delle emozioni.
A come Amore.
SOS ALZHEIMER e Counseling solidale.
Come capire e vivere meglio l’amore
La forza della vita.
Il senso della vita. L’autoaffermazione.
Rimorsi, rimpianti, sensi di colpa.
Il nostro cervello...
Vigilanza, attenzione, concentrazione e riflessione.
L’etā della saggezza.
La solitudine.
L’arte del pensare.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lā del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lā - Curiositā
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunitā e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione