HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Le varie fasi dell’amore.
di Fernanda Annesi  ( fernanda_65@yahoo.it )

26 ottobre 2017






Nella stessa, identica, posizione.


Pensieri degli anni difficili

Ma, siamo sicuri che stiamo parlando della stessa cosa?

Eppure … sembra la stessa identica conversazione che facevamo una decina di anni fa. Di diverso solo che era primavera.

E invece ora ci ritroviamo nella stagione più bella per me, quella che più dolcemente accarezza le mie emozioni, che mi spinge a sollecitare la creatività dandogli forma e colore.

La vita non finirà mai di sorprendermi.

Oltre il danno la beffa!

Ci penso e ci ripenso e alla fine, dopo un percorso circolare di cose già viste, mi ritrovo nello stesso identico posto.

Nella stessa identica posizione.

Il tutto è nuovo oppure l’elaborazione è solo legata ad una diversa fase della vita?

La metafora del femore rotto.

Vero, se cadi a 15-20 anni le fratture provocate alle tue ossa rapidamente si saldano e ti riportano a poter correre senza impedimenti.

A 50 anni o più le cose appaiono completamente diverse. Una semplice “scivolata” determina una frattura profonda e a volte insanabile.

Ma allora, come ci si può proteggere dalla “caduta”?

Un passo indietro.

che a me è sempre mancato.

A volte dimentico di prendere respiro. Mi ritrovo contratta con la mente occupata a risolvere, fronteggiare un momentaneo disagio che mi impedisce di godere a pieno quello che sto vivendo.

Quello che potrei vivere.

La pace in se’, la pace con se stessi.

Mi emoziono sempre ogni volta che la leggo e la rileggo e arrivo là, dove la grazia è fondamentale per vivere in serenità.

Un abbraccio forte che riunisce, per fronteggiare le avversità della Natura, per resistere al vento.

Torno a casa, di corsa.

Un senso di oppressione ha bloccato il respiro, ha oscurato il mio sguardo. Sento la necessità di allentare la tensione che si è accumulata dentro di me, tale da obbligarmi e fuggire, raggiungere il rifugio, le mie sicurezze.

Ma … questa sera, anche qui fra il silenzio della mia casa, le ombre che proiettano sui muri, fra le mie cose più care, troppo forte è il dolore.

So bene che deve solo uscire. Niente altro si può fare.

Il sentimento che metto nelle cose.

Il sentimento è sempre stato guidato dall’impegno, dalla voglia di realizzare, di cambiare, di svoltare. Ma proprio questa volta non riesco ad accettare.

Una grande gioia accompagnata da un forte dispiacere.

Mi commuovo, sempre più, nel vedere la debolezza che segue alla solitudine, la disperazione insieme alla tristezza.

Il buio nel silenzio della notte si colora dei mille puntini luminosi, a brillare, a decorare il soffitto di ogni stanza.

Perché questa sera è così che deve andare.

Le varie fasi dell’amore seguono un ordine ben stabilito.

Poco o nulla si può fare per modificarne il percorso e, anche se hai la sensazione di non fare un passo avanti, in realtà stai camminando e anche molto più velocemente di quello che puoi sperare.

Niente rumori questa sera, aspetto dall’alto la tanto attesa pioggia di stelle, quella che riempie i miei occhi di stupore.

Ho sempre confidato nella magia della Natura, negli strumenti che offre, nelle possibilità che regala se sei attenta e riesci a vedere la luce.

Un gran freddo questa sera.

Fernanda

casa mia, 21 ottobre 2017, ore 20:08



SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
La nebbia...
L’espressione non tradisce!
8 gatti.
La contraddizione calorimetrica.
Senza dire una parola.
Il barbone e il diamante.
La possibilitÓ di scegliere.
Per boschi, per mare.
Settembre.
L’amore in sÚ.
La corteccia.
La mediocritÓ.
Zingarella.
Traduco...
La sofferenza nascosta.
Fra poco Ŕ Natale.
Il punto di non ritorno.
Una immagine sfuocata.
Fra la sabbia bianca...
Il caro amico punto.
DELLO STESSO AUTORE
L’anima delle cellule.
Il profumo nell’aria.
Epigenetica e adattamento allo stress...
I migliori anni.
Gli effetti benefici della curcumina.
Gap.
Tracce mnemoniche.
Sintonie.
Una giornata un po’ cosý...
La strada tracciata.
A meno
La curiositÓ.
La gentilezza.
Sfumature.
E intanto la vita passa!
Un prato di margherite...
Quello che non si ha.
Con sentimento.
La passione.
La fimminata.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione