HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Contrassegno invalidi e transito nelle ZTL.
di Erminia Acri  ( erminia.acri@lastradaweb.it )

16 settembre 2017


I chiarimenti in una recente sentenza della Corte di Cassazione.



L’attuale Codice della Strada (art. 7, comma 9) prevede la facoltà, per i comuni di limitare la circolazione di tutte o di alcune categorie di veicoli per accertate e motivate esigenze di prevenzione dell’inquinamento e di tutela del patrimonio artistico e ambientale. In tali casi, però, sono previste deroghe alle limitazioni o divieti, validi per la generalità dei veicoli, in favore delle persone con capacità di de­ambulazione limitata o impedita, in possesso dello speciale “contrassegno”.

 

In particolare, gli artt. 12 ed 11, 1° 2° co., del d.p.r. 16 settembre 1996, n. 610, prevedono che alle persone munite del contrassegno invalidi, è con­sentita la circolazione e la sosta del veicolo al loro specifico servizio nelle zone a traffico limitato e nelle aree pedonali urbane, qualora sia autorizzato l’accesso anche ad una sola categoria di veicoli per l’espletamento di servizi di trasporto di pubblica utilità. E’ necessario che il veicolo sia a disposizione - e non necessariamente di proprietà - del titolare del contrassegno.

 

Il contrassegno deve essere apposto sulla parte anteriore del veicolo, è valido per tutto il territorio nazionale e non può essere utilizzato, nel caso in cui il suo titolare (persona invalida), non sia presente sul veicolo.

 

Come precisato dalla Suprema Corte già nella sentenza n.719/2008, il permesso invalidi consente al titolare di circolare sulle ZTL di tutto il territorio nazionale, alle condizioni di cui al d.p.r. n.610/96 sopra citato, con qualsiasi veicolo “con il solo onere di esporre il contrassegno, che denota la destinazione attuale dello stesso al suo servizio, senza necessità che lo stesso faccia riferimento alla targa del veicolo sul quale in concreto si trovi a viaggiare, e nessuna deroga alla previsione normativa risulta stabilita relativamente alle zone a traffico delimitato nei centri abitati”.

 

Tuttavia, non di rado, si ricevono contestazioni per il transito in zona a traffico limitato con vetture adibite al trasporto di invalidi, soprattutto quando non si è provveduto alla comunicazione del numero di targa agli uffici competenti (come frequentemente previsto da delibere comunali). E non sempre si riesce ad ottenere l’annullamento dei provvedimenti sanzionatori.

 

Su questa fattispecie è intervenuta recentemente la Corte di Cassazione (sentenza 19 giugno – 14 settembre 2017, n. 21320) precisando che “ai possessori del contrassegno speciale per disabili è permessa la circolazione e la sosta nelle "zone a traffico limitato" e nelle "aree pedonali urbane" qualora è autorizzato l’accesso anche ad una sola categoria di veicoli per l’espletamento di servizi di trasporto di pubblica utilità” ed escludendo che l’omessa comunicazione del transito entro le 48 ore successive, posto a carico del possessore del contrassegno speciale, possa inficiare la legittimità dell’accesso alla zona dell’utente dotato di contrassegno disabili. “L’obbligo di comunicazione del transito entro le 48 ore successive posto a carico del possessore del contrassegno speciale…..serve ad evitare di comminare sanzioni a soggetti legittimati all’accesso ex art. 11 d.P.R. n. 503 del 1996. Il fatto che tale obbligo operi ex post (entro le 48 ore successive al transito) deve essere letto in questo senso: se tale prescrizione rispondesse alla finalità di ottenere il miglioramento delle condizioni di circolazione e della sicurezza stradale, come addotto dal ricorrente, avrebbe senso solo se imposto ex ante, in modo da poter permettere all’Ente Comunale l’effettivo controllo degli accessi nella zona a traffico limitato. Laddove tale obbligo sia invece imposto, come nel caso di specie, ex post sembra chiaro che esso risponda all’esigenza di agevolare la correttezza e la speditezza dei controlli amministrativi, onde evitare la notifica di contravvenzioni ad utenti legittimati all’accesso”.

 

Erminia Acri-Avvocato


SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
La patente a punti "approda" alla Corte Costituzionale.
Quando si promette il lavoro che non c’č....
Praticanti avvocati.
Ricorso al Prefetto avverso contravvenzioni stradali.
Manutenzione delle strade e risarcimento danni.
Trasporto di persone ed animali sull’auto.
Questioni di identitā.
Il mobbing in Italia-mobbing e maternitā.
Requisiti reddituali per la pensione di inabilitā.
Nulla la multa del vigile in borghese.
Multe legittime anche se notificate senza firma autografa dell’agente?
Canone Rai anche per computer ed altri apparecchi multimediali?
Guida sotto l’influenza di alcol.
A proposito di residenza.....
Quando il protesto č illegittimo....
Lampeggio dei fari abbaglianti.
Contestazione immediata delle violazioni del codice della strada.
Anche la pubblica amministrazione, se sbaglia, deve pagare.
Cinture di sicurezza in auto.
L’affaire ECM .
DELLO STESSO AUTORE
Quesiti legali-L’adulterio č un reato?
Quesiti legali- Segnaletica stradale e precedenza.
Assegnazione posti auto nel cortile comune.
Diritto al mantenimento del proprio cognome nell’adozione
Quesiti legali-Se il regolamento di condominio non viene rispettato....
Quesiti legali - Parentela, affinitā e famiglia di fatto
Quesiti legali- Contratti di manutenzione ascensore di lunga durata.
Quesiti legali-Persone con disabilitā e parcheggio in area condominiale.
Quesiti legali- Invaliditā civile e attivitā lavorativa.
Quesiti legali - Chi paga le spese condominiali?
Quesiti legali-Danni al cancello condominiale.
Quesiti legali-Quando un figlio maggiorenne convive more uxorio....
Quesiti legali - Cambio di abitazione o di residenza.
Quesiti legali-Compatibilitā tra guida e psicofarmaci.
Una domenica ’lavorativa’
Quesiti legali-Spese straordinarie e locazione.
Il diritto all’ambiente salubre
Quesiti legali- Pensione di invaliditā civile e rendita INAIL.
Rapporto fra genitori e figli nel diritto di famiglia
Cosa fare quando l’inquilino non se ne va?
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lā del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lā - Curiositā
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunitā e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione