HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
La costruzione.
di Fernanda Annesi  ( fernanda_65@yahoo.it )

17 marzo 2017






In fondo, non conta?


Pensieri degli anni difficili

I sospesi.

Il dolore dentro. Non facile provare a separare il corpo dalla mente. È sempre stato il problema principale, eppure questa è la strada. Lo so bene.

Mi guardo intorno e annuso il solito panorama, che quest’oggi proprio non riesce a trovare un colore che emoziona.

Sarà forse necessario che arrivi presto la primavera, a riscaldare, col debole calore dei suoi raggi, fino all’interno, là dove tutto sembra essersi addormentato.

Anche a questo.

Aspetto con ansia il momento in cui il tramonto diventerà più lungo. Che strano, mai lo avrei immaginato. Vero è che la vita è trasformazione, ho sempre amato tornare a casa quando il buio è già arrivato, e invece ora! Ne aspetto la luce.

Ma allora, il problema è sempre lo stesso? Imparare a gestire le emozioni e prima ancora di poter fare questo è necessario lasciarsi attraversare, provare, aprirsi, cadere, farsi male, rialzarsi. E ricomincia il ciclo con un passo in più però.

Il dolore diluito nel tempo è lo stesso provato tutto d’un colpo?

Lascia differenti segni sulla pelle oppure uguale è il risultato?

Riconosco la mia fragilità, la accolgo e, dopo averla accettata, cerco di comprenderla, cerco di comprendermi.

Sfoglio velocemente le immagini della vita trascorsa, ripenso a quello che ho dato, a quello che ho ricevuto, alle aspettative, ai sogni ingenui della prima infanzia. Sento su di me la carezza più bella, il conforto dell’amore incondizionato, il dolce sguardo insieme al sussurro e alla protezione.

Un momento di grande confusione, la bufera all’interno della mia anima.

Sentimenti e sensazioni contrastanti; l’amara consapevolezza che il volo non potrà più aiutare. Ma …

Le scorciatoie.

La strada si apre innanzi dritta e senza curve. Eppure qualcosa mi suggerisce di prenderne un’altra, un po’ più tortuosa, meno agevole ma più veloce. È solo dopo aver camminato un po’ che mi accorgo essere una scorciatoia, piena di buche e sassi che distraggono dal vero percorso e mi obbligano a tenere basso lo sguardo per evitare di cadere. Quando invece, tutto intorno, il paesaggio è dei migliori.

Dare un nome alle paure.

Questa sera, di corsa, ho cercato di fare di tutto per arrivare ancora prima, nella speranza di ritrovare quella quiete sopra i tumulti, che mi appartengono da sempre, e che per un po’ avevo dimenticato.

Peccato.

L’aria è sempre la stessa: secca ma non fredda; la luce soffusa in vari punti a riscaldare.

Incredibile! Non pensavo di tornare correndo.

Ci sono alcune cose che ormai resteranno per sempre dentro di me, arrivata in questa fase della vita: le ho costruite lentamente, senza troppo usare la ragione e lasciandomi guidare dai sentimenti. Quello che ne è venuto fuori è la purezza, la trasparenza, la chiarezza.

In fondo non conta?”

Con se stessi.

Veramente il segreto è tutto là? Era solo un bluf quello che ci hanno insegnato? E i sentimenti, in tutto questo, come si sistemeranno?

Fernanda



SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
L’entropia...
Su me stessa.
Magia.
Settembre.
Senza dire una parola.
A tutti quelli che...
Equilibri.
Al risveglio.
Due punti al posto di una virgola.
Fino in fondo...
Sintonie.
L’amore in sé.
...e due indietro!
Stasera...
Il perché delle cose.
Libertà...
Non riusciva a vedere la luna...
Proverò ad inventare.
Questa sera ti voglio parlare.
Solo il cielo.
DELLO STESSO AUTORE
Perché si dimentica.
Una giornata un po’ così...
Frammenti di viaggio.
Il principio dei vasi comunicanti.
Oltre la finestra...
L’ansia di riempire la vita.
Sogni...
No, questo no!
Pur amando il sole.
A me.
Schizofrenia e autismo.
Il tramonto dei ricordi...
Il gioco delle stelle.
La consapevolezza del giorno dopo.
Dalla finestra.
La gentilezza.
Un prato di margherite...
E’ vero!
Tornare a casa.
Ricordi...
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione