HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Move Week...
di Matteo Simone  ( 21163@tiscali.it )

19 settembre 2015





Promozione della salute e del movimento come DIRITTO di ogni cittadino.


La Move Week è una manifestazione di carattere europeo, che interesserà per un’intera settimana gli oltre 500 milioni di cittadini del vecchio continente. Si tratta del più grande evento europeo di sport per tutti, organizzato da ISCA (International Sport and Culture Association), il cui obiettivo con la campagna Now we move è quello di combattere la sedentarietà della popolazione e rendere “100 milioni di cittadini europei in più attivi entro il 2020”.

L’edizione del 2015 della MOVE Week italiana, coordinata da UISP, sarà intitolata al tema dei DIRITTI (diritto alla cittadinanza attiva, alla salute, al movimento, ad uno stile di vita attivo e sano, ecc.), e avrà come slogan ‘MOVE FOR YOUR RIGHTS’.

Come ogni anno, la campagna prevede l’organizzazione di:

  • Flash MOVE - 13 Settembre 2015 - Coreografia di danza in contemporanea in più paesi europei;

  • Eventi di piazza e indoor - 21-27 Settembre -Iniziative di vario genere concepite e organizzate dai MOVE Agents (comitati UISP e altri soggetti) ;

  • Una Scala al Giorno - 24 Settembre - Iniziativa (organizzata in collaborazione con ANCI) che prevede l’invito a tutti i Comuni Italiani ad esporre negli edifici pubblici un invito a non usare le scale (nel rispetto dell’accesso ai disabili)

  • Una Scala al Giorno alla Camera dei Deputati - 24 Settembre - Organizzazione di una iniziativa di sensibilizzazione e coinvolgimento dei parlamentari in Piazza Montecitorio, e relativa Conferenza Stampa presso la Sala Stampa della Camera dei Deputati

Obiettivo della campagna in Italia è la promozione della salute e del movimento come DIRITTO di ogni cittadino.

Carta dei diritti dei ragazzi allo sport Commissione Tempo Libero dell’Onu – 1992:

1 Diritto di praticare attività motoria. I genitori devono avviare il bambino all’attività motoria per i ben noti vantaggi psicofisici, che non sono più recuperabili se si inizia tardivamente; il bambino può scegliere, sperimentare, cambiare gli sport che desidera. L’Unesco raccomanda che almeno un sesto dell’orario scolastico settimanale sia dedicato all’attività motoria, cioè sei ore alla settimana.

2 Diritto di giocare e divertirsi. L’allenatore deve proporre il divertimento, il miglioramento psicofisico e l’educazione come obiettivo finale e non la vittoria, che crea tensione.

3 Diritto di praticare sport in un ambiente sicuro e sano. Cioè igienicamente a norma, con assistenza vicina in caso di infortunio, con a disposizione un telefono in caso di urgenza, senza pressioni agonistiche esagerate o selettive, senza pressioni farmacologiche.

4 Diritto di essere allenato da personale adatto a quella fascia di età e qualificato. Per evitare il rischio di esercizi sbagliati o che arrecano sovraccarico delle strutture in crescita o creano problemi psicologici.

5 Diritto di essere trattato con rispetto. Non è raro sentire l’allenatore che urla o ordina degli esercizi pesanti per punizione od osservare un genitore che sgrida il bambino, invece di incoraggiare e fornire il suggerimento tecnico giusto per migliorare e sdrammatizzare l’eventuale errore con una carezza o altro.

6 Diritto del giusto riposo. Lo studio, la malattia, la crescita richiedono dei carichi di attività motoria diversi a seconda dei periodi e le pause giuste, gli allenamenti troppo frequenti vanno ridotti e i riposi non devono essere ripresi come una colpa.

7 Diritto del controllo della salute. La competizione va riservata ai bambini in perfette condizioni psicofisiche e che lo desiderino, senza pressioni esterne con il rispetto del trattamento adeguato e il tempo giusto di guarigione e riabilitazione dai traumi, della gradualità della qualità e della quantità del carico di lavoro. Obbligatorio il certificato di stato di buona salute fisica per le attività non agonistiche che lo richiedano ed il certificato di idoneità agonistica per gli sport agonistici dietro indicazione delle rispettive Federazioni sportive per quanto riguarda l’età di inizio.

8 Diritto di competere con giovani di pari capacità. Bisogna sforzarsi di praticare attività sportiva fra gruppi non solo omogenei per età cronologica ma anche per età ossea o maturità puberale, per avere le stesse probabilità di divertimento e di successo. Per gli sport di contatto l’attività deve essere anche in considerazione del peso.

9 Diritto di pari opportunità. Tutti i bambini devono poter giocare, senza far panchina, senza tenere conto del risultato agonistico, che sarà ricercato più avanti nel tempo.

10 Diritto di non essere sempre un campione. Non sempre il bambino può essere un campione o continuare ad esserlo; chi lo è, può esserlo anche solo per un periodo, e deve sapere che pratica sport per i vantaggi che arreca e per divertirsi, perché solo uno su quarantamila sarà un campione anche nella vita futura come professionista.

Durante la MOVE Week tutti, associazioni, scuole, società sportive, Comuni, aziende, singoli, avranno l’opportunità di organizzare uno o più eventi che mettano in movimento la propria comunità in modo divertente. Questi soggetti, chiamati MOVE Agent sono i veri organizzatori della campagna.


Matteo SIMONE

www.psicologiadellosport.net

1



SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
L’intervento psicologico in Abruzzo.
Il Comportamento umano...
Adolescenza, attivitą motoria...
La musicoterapia.
Lo stile di vita adottato.
Conseguenze positive della corsa regolare...
Comunicazione efficace.
Esercizio fisico.
Infedeltą coniugali?
Campionati Italiani Assoluti Badminton.
In cammino verso la consapevolezza.
...E la musica riempģ il silenzio.
Le frustrazioni - II°
Musicoterapia e cure palliative.
La musica, nella relazione d’aiuto.
Le difficoltą di uno sportivo...
Il disagio giovanile...
Manfredonia cittą dello sport...
Interagire attraverso la musica.
Pacemaker e lepri.
DELLO STESSO AUTORE
The Heart of Kenyan Running.
La paura...
Il ruolo dell’allenatore...
L’intervento psicologico in Abruzzo.
Incontro psicologo - arbitri.
Lo psicologo dello sport...
L’handicap sta solo nella tua testa...
Lo sport rende felici e resilienti...
Matteo Bellucci
26 Aprile. No Elevator Day.
Move Week in tutta Europa...
Nuove sfide...
Conseguenze positive della corsa regolare...
In cammino verso la consapevolezza.
Intervista a Lisa Borzani.
Run for Parkinson.
Imparare dall’esperienza.
Il trauma psichico.
Disability is not inability.
Doping.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lą del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lą - Curiositą
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunitą e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione