HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Meditare per arrivare a grandi traguardi.
di Matteo Simone  ( 21163@tiscali.it )

9 aprile 2014





Nella vita e nello sport.


La maratona è una prestazione sportiva di lunga durata, in genere i campioni impiegano poco più di due ore di tempo, mentre il tempo massimo può essere anche di 7-8 ore.

Ogni concorrente deve sapere come gestire le proprie energie per portare a termine la competizione nei tempi prefissati.

Tanti sono i fattori che possono influenzare l’atleta nella sua prestazione. E’ difficile gestire la gara in quanto può accadere che prima di arrivare al traguardo si può incontrare il cosiddetto "muro" che consiste in un punto dove l’atleta sente di non avere più le energie per continuare la sua prestazione all’andatura prefissata.

In questi casi come si può fare a superare il muro. Ci si può avvalere della meditazione, di un allenatore interno, di un riesame di un precedente successo.

Come utilizzare la meditazione?

Bisognerebbe essere addestrati a meditare ed iniziare la competizione già con un atteggiamento meditativo.

La meditazione inizia dal respiro nel "qui e ora", momento per momento senza giudicare, è una forma di autoconsapevolezza, si resta in ascolto, in osservazione del respiro e delle sensazioni corporee, senza esaltarsi con le sensazioni piacevoli e senza reagire a quelle spiacevoli, considerando che tutto sorge e tutto muore momento per momento. Quindi quando arriva il momento della crisi, del muro, l’invito è osservare le sensazioni di fatica, di dolore, senza giudicare, senza reagire ma considerando di superare momento dopo momento, metro dopo metro, per arrivare al traguardo.

Non è semplice, sarebbe opportuno addestrarsi a questo, ma si può provare.

Un altro aiuto può essere dato da un allenatore interno

L’invito è di immaginare una persona importante che dica delle parole importanti, significative per superare la crisi, il muro, una persona che crede in te, che sa che ce la puoi fare, che ti permette di aumentare la tua autoefficacia.

Altro suggerimento, nel momento della crisi, del muro, è ricordarsi precedenti esperienze di successo, ricordare con quali risorse, caratteristiche, qualità si è riusciti a sperimentare il successo.

Riepilogando, per superare il muro è importante fare un lavoro sull’O.R.A.

E cioè focalizzarsi sull’Obiettivo, sulla sua importanza, sull’investimento che si è fatto per raggiungerlo; sulle Risorse occorrenti che molte volte si dimentica di averle, si dimentica di aver raggiunto precedenti obiettivi; infine l’Autoefficacia aiuta a credere in se stessi.

 

Matteo SIMONE

380-4337230 - 21163@tiscali.it

www.psicologiadellosport.net/eventi.htm

 

 

 

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Psico-considerazioni su alcuni atleti...
Il Comportamento umano...
Storia di Allyson...
Musicoterapia e cure palliative.
Move Week in tutta Europa...
Songwriting.
Esercizio fisico.
La musicoterapia recettiva.
Manfredonia cittą dello sport...
Campionati Italiani Assoluti Badminton.
Le difficoltą di uno sportivo...
Arte e psicologia...
Move Week...
Adolescenza, attivitą motoria...
Musicoterapia...
Una questione di carattere - Parte Prima.
Il setting e gli strumenti in musicoterapia.
Lo stile di vita adottato.
Come si sviluppa un tema.
26 Aprile. No Elevator Day.
DELLO STESSO AUTORE
The Heart of Kenyan Running.
La paura...
Il ruolo dell’allenatore...
L’intervento psicologico in Abruzzo.
Incontro psicologo - arbitri.
Lo psicologo dello sport...
L’handicap sta solo nella tua testa...
Lo sport rende felici e resilienti...
Matteo Bellucci
26 Aprile. No Elevator Day.
Move Week in tutta Europa...
Nuove sfide...
Conseguenze positive della corsa regolare...
In cammino verso la consapevolezza.
Intervista a Lisa Borzani.
Move Week...
Run for Parkinson.
Imparare dall’esperienza.
Il trauma psichico.
Disability is not inability.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lą del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lą - Curiositą
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunitą e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione