HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
A come Amore.
di Giorgio Marchese  ( direttore@lastradaweb.it )

5 luglio 2016






Dal nostro cuore al cervello. Cosa ci accade. E perché.


Premessa

Il 23 giugno 2012, a Roma, presso l’Ordine degli Psicologi del Lazio, ho discusso all’interno di un convegno dal titolo Psicopatologia della Relazione Amorosa organizzato dalla Scuola di Specializzazione in Psicoterapia ad Indirizzo Dinamico (SFPID) in cui insegno. L’argomento trattato (Psiconeuroimmunologia dell’Innamoramento), ha riscosso vivo interesse per cui ho pensato di tradurlo in un articolo da pubblicare sulla mia "amatissima Strad@". Già che c’ero, mi sono sbilanciato oltre il semplice innamoramento, chiedendo aiuto a più di un articolo che ho già scritto, in merito.

Il lavoro che ne è venuto fuori (pubblicato pi¨ volte e arricchito nel tempo...), è qualcosa di più di una "semplice" ricerca scientifica ma, al tempo stesso, qualcosa di meno di un "articolato" romanzo di vita. Una sorta di diario personale (non necessariamente autobiografico ma condizionato dal mio percorso di vita, condito, come per chiunque altro, da aspettative e delusioni) utilizzato come linea guida per raccontare, attraverso dei fatti privati (che diventano, idealmente, le esperienze di tutti), cosa accade quando ci innamoriamo e perché tutto si trasforma, ineluttabilmente. Anche se si potrebbe fare di meglio...

Giusto per capire la complessità dell’argomento, vorrei proporre, come antipasto quattro diverse visioni del concetto di Amore.

  • La prima è tratta dal film “La gatta sul tetto che scotta” (del 1958, con Paul Newman ed Elisabeth Taylor) in cui si assapora la riscoperta dell’Amore fra un padre e un figlio....

  • La seconda, presa dal film “Il mandolino del Capitano Corelli”( del 2001 con Nicholas Cage e penelope Cruz) costituisce l’estrapolato fondamentale di ciò che accade, dell’amore, dopo la passione iniziale...

  • La terza, riportata da “Pensavo fosse amore, invece era un calesse” (del 1991, diretto e interpretato da Massimo Troisi) mostra cosa si arriva a pensare e a fare, per proteggersi dalla paura di soffrire, per Amore.

  • La quarta, infine, ripresa da “C’era una volta in America” (del 1984. diretto da Sergio Leone e interpretato da Robert de Niro) ci propone una visione dell’Amore, come elemento indispensabile, per riuscire a sopravvivere, alimentando, anche, la parte passionale della vita.

Quattro aspetti diversi, quindi, che potrebbero confonderci, sul sentiero impervio che porta nella città di Amore.

Motivo in più, per proporre una visione oggettiva dell’argomento, intendendo Amore, come un sentimento che...

Un’eredità di Ricordi e di Amore

- “Ci conosciamo da sempre e siamo degli estranei. Possiedi più di ventimila ettari di terreno, possiedi dieci milioni di dollari, una moglie, due figlioli. Tu ci possiedi ma non ci ami!”

- “A modo mio credo…”

- “Nossignore, tu non ami il tuo prossimo. Hai voluto nipoti da Ghuper e ne vorresti da me! Perché?”

- “Perché parte di me continui a vivere e non finisca tutto con una lapide. Guarda! Questo ha lasciato a me mio padre! Una vecchia valigia e dentro non c’era niente, solo la sua straccia divisa della guerra ispano-americana. Solo questo lasciò a me! Nient’altro! Ho creato tutto io qui, dal niente”!

- “Solo quello ti lasciò? “

Si, era un vagabondo! Un abbonato dei carri bestiame, Oh, lavorava ogni tanto come bracciante e io gli andavo dietro. Stavo seduto per terra e aspettavo che staccasse. I miei ricordi di quei giorni sono fame e vergogna, vergogna di quel miserabile vagabondo. A nove anni dormivo sulla paglia io, questo a te non è toccato! Non dovrai seppellirmi come ho dovuto fare io con lui. Gli scavi la fossa vicino alle rotaie della ferrovia, correvamo appresso ad un treno merci e gli venne un colpo. Vuoi saperlo? Quel vagabondo morì ridendo”

- “Di che rideva?”

- “Di se stesso forse. Un vagabondo senza un soldo in tasca, senza avvenire ne passato.”

- “Forse rideva solo perché era felice. Felice di aver vicino te. Ti portava sempre con se, non ti lasciava mai.”

- “Ne abbiamo parlato abbastanza. Si, lo amavo. Non mai voluto bene a nessuno quanto a quel vecchio vagabondo.”

- “E dici che non ti lasciò altro che una valigia con dentro una vecchia divisa della guerra ispano-americana.”

- “Anche dei ricordi.”

  • E amore.”

Che cos’è l’Amore?

Quando si accende l’amore, è una pazzia temporanea. L’amore scoppia come un terremoto e in seguito si placa e quando si è placato, bisogna prendere una decisione. Bisogna riuscire a capire se le nostre radici sono così inestricabilmente intrecciate che è inconcepibile il solo pensiero di separarle perché questo è, l’amore è questo. L’amore non è turbamento, non è eccitazione, non è il desiderio di accoppiarsi ogni istante della giornata, non è restare sveglia la notte immaginando che lui sia li a baciare ogni parte del tuo corpo. No, non arrossire. Ti sto dicendo delle verità. Questo è semplicemente essere innamorati e, chiunque può facilmente convincersi di esserlo, l’amore invece è quello che resta del fuoco quando l’innamoramento si è consumato. Non sembra una cosa molto eccitante, vero? Ma lo è!”

Lasciala tu prima che sia lei a lasciare te

- “Come fai a sopportare a uno come questo, sempre così felice, tutta, troppo colorata che da fastidio proprio. Boh!”

- “A me, piace proprio per questo.”

- “Si?”

- “E poi, vabbè, pure lei mi dice che sono un pò spento. Ah, sai come mi chiama? Lo Smorto!”

- “Tu sei scemo, Amedè. Tu stai diventando… lo Smorto che… che ci sta da ridere. Solo perché quella è bionda ti fai chiamare lo Smorto? Quella lì, uno come, sai quanto ci mette a trovare un altro e ti lascia? Proprio, niente! Eh?”

- “Perché dici questo?”

- “Perché dici ahahah, mò cominci ad avere paura eh? Hai paura? Allora non essere così allegro, hai capito? Ah, Ah, Ah! Gira pure la gente qua no? Preparati, hai capito! Anzi, lo vuoi un consiglio mio proprio, caro Smorto? Lasciala tu, lasciala tu prima che lei lascia a te e ti fa soffrire, Amedè!”

Il Cantico dei cantici…

Per non impazzire dovevi non pensare che fuori c’era il mondo, proprio non pensarci. Dovevi dimenticarlo. Eppure, sai, gli anni passavano, sembrava che volassero. Strano, ma è così quando non fai niente.

Ma due cose non riuscivo a togliermi dalla mente: la prima, era Dominique quando prima di morire mi disse “sono inciamapato…” e l’altra eri tu.

Tu che mi leggevi il Cantico dei Cantici, ricordi? “Oh figlia di Principe quanto sono belli i tuoi piedi nei sandal”. Sai che leggevo la Bibbia tutte le sere? E tutte le sere io pensavo a te. “Il tuo ombellico è una coppa rotonda dove non manca mai il vino; il tuo ventre, un mucchio di grano circondato da gigli; le tue mammelle sono grappoli d’uva; il tuo reaspiro ha il profumo delicato delle mele”. Nessuno t’amerà mai come t’ho amato io. C’erano momenti disperati che non ne potevo più e allora pensavo a te e mi dicevo Deborah esiste! E’ là fuori! Esiste! E, con quello, superavo tutto.

Cari lettori, in questo articolo troverete più di uno spunto tratto, anche, da ambiti musicali. L’intendimento, comunque, è quello di guidare la lettura, idealmente, attraverso tre colonne sonore. La terza, la scoprirete alla fine e servirà a riassaporare, in pochi minuti, le emozioni generate durante il cammino di lettura. In mezzo, assaporerete (come un cioccolatino nel cuore di un gelato alla panna) il meglio di "Nuovo Cinema Paradiso". La prima, invece, si basa sul sottofondo musicale di Ludovico Einaudi. Otto minuti di brividi che potrebbero non bastare per arrivare alla fine del racconto. Però, vale la pena provarci.

In pratica, scoprirete che, questo lavoro, rappresenta una sorta di confine fra Matrioska e labirinto. Lo si può leggere di seguito opuure prediligendo, di volta, in volta, la parte più romantica o quella neuroscientifica. E poi, magari, ritornarci su un pezzo per volta, seguendo, come filo d’Arianna, quello che, i più, chiamano istinto ma che, probabilmente, altro non è, che il nostro cuore in sintonia col cervello.


Quando finisce, la notte ?

Un vecchio rabbino domandò, una volta, ai suoi allievi da che cosa si potesse riconoscere il momento preciso in cui finiva la notte e cominciava il giorno.

"Forse da quando si può distinguere con facilità un cane da una pecora?"

"No", disse il rabbino.

"Quando si distingue un albero di datteri da un albero di fichi?".

"No", ripeté il rabbino.

"Ma quand’è, allora?", domandarono gli allievi.

Il rabbino rispose: "E’ quando, guardando il volto di una persona qualunque, tu riconosci un fratello o una sorella. Fino a quel punto, è ancora notte nel tuo cuore".

Non confido nell’amore. In quello cantato ma non capito. In quello sofferto ma non compreso. Sono convinto del ruolo primario dell’Egoismo. E, forse, è per questo che non accolgo volentieri gli inviti a scrivere o a descrivere i "movimenti del cuore". Preferisco, infatti, quelli del cervello.

Però mi commuovo di fronte ad un abbraccio sincero e mi intristisco all’idea che, un giorno (sempre più vicino) le mie figlie voleranno seguendo una rotta diversa dalla mia.

La verità è che io amo, nel silenzio dei miei pensieri, ogni azione del mio vivere quotidiano. Lontano da ridondanze, alla ricerca di assonanze. Probabilmente è una questione di empatia.

"Va bene, io credo nell’amore l’amore che si muove dal cuore Che ti esce, dalle mani che cammina sotto i tuoi piedi. L’amore misterioso anche dei cani e degli altri fratelli animali, delle piante che sembra che ti sorridano anche quando ti chini per portarle via... L’amore silenzioso dei pesci che ci aspettano nel mare. L’amore di chi ci ama e non ci vuol lasciare" (Lucio Dalla - Henna).

Non glielo ordini. Glielo chieda!

Una gelida mattina del 1961 (al culmine della guerra fredda), in mezzo all’Oceano Atlantico, a Nord, non distante dalle coste statunitensi, il capitano Alexei Vostrikov è al comando del sottomarino nucleare K 19 con il reattore nucleare in avaria e prossimo alla fusione. Logica vorrebbe che si "consegnasse" agli Americani, per avere soccorso. L’ordine, perentorio, di Mosca è, invece, quello di immergersi e (senza le dovute protezioni dalle radiazioni) provare a riparare il reattore. O esplodere. Di fronte alla possibilità di un ammutinamento dell’equipaggio, interviene il capitano Mikhail Polenin: "Comandante, non glielo ordini. Glielo chieda". Il risultato? Una gara di solidarietà, senza risparmio alcuno, per il bene della causa.

Di fronte a scelte del genere, io mi domando quale sia la forza che muove a sacrificare se stessi. Non penso sia l’onore. Credo, piuttosto, che possa trattarsi di Amore. Verso la propria Patria, ad esempio, nel ricordo e nel rispetto dei propri cari che si vuole, con quel gesto, onorare. Amore verso il proprio Comandante, disponibile ad autoaffondarsi, da solo, pur di salvare l’equipaggio. Amore verso se stessi, dal momento che ci si ritiene all’altezza di un compito estremo.

"Non si può parlare d’amore se non si prova il rispetto verso se stessi, ancor prima che verso gli altri. È necessario imparare a guardarsi bene dentro, nella quotidianità delle cose, nell’interazione con gli altri, arrivando fino in fondo alla propria anima. È lì e soltanto lì, che ci si può apprezzare nel bene e nel male, per quello che si è, col desiderio di migliorarsi per essere rispettati. E per potersi rispettare". (F. A.)

E mi torna in mente la raccomandazione di quel vecchio marinaio, barba incolta e maglione di lana cardata...

"Se vuoi costruire una barca, non radunare uomini per tagliare legna, dividere i compiti e impartire ordini. Piuttosto, suscita in loro qualcosa da amare: la nostalgia e la malinconia per il mare infinito!"

Dal punto di vista scientifico, ci innamoriamo (condizionando, dal punto di vista psiconeuroimmunendocrinologico, tutto il nostro esistere) quando siamo attratti da qualcuno (o da qualcosa) che, crediamo (spesso inconsapevolmente), sia utile ad implementare, appagare, colmare o compensare uno stato di carenza affettiva, sessuale, mentale in senso ampio. Inutile cercare altre motivazioni. Non ce ne sono.

"Toglimi il pane, se vuoi, toglimi l’aria, ma non togliermi il tuo sorriso. Non togliermi la rosa, la lancia che sgrani, l’acqua che d’improvviso scoppia nella tua gioia, la repentina onda d’argento che ti nasce.
Dura è la mia lotta e torno con gli occhi stanchi, a volte, d’aver visto la terra che non cambia ma, entrando, il tuo sorriso sale al cielo cercandomi ed apre per me tutte le porte della vita... Quando apro gli occhi
e quando li richiudo, quando i miei passi vanno, quando tornano i miei passi,negami il pane, l’aria,
la luce, la primavera, ma il tuo sorriso mai, perché io ne morrei". (Pablo Neruda)

Umanamente parlando, però, innamorarmi significa sentire un leggero dolore (a cui non rinuncerei mai) come quando, correndo lungo il perimetro di un campo di calcio, in una fredda sera d’inverno del 1980, cercavo con gli occhi la Stella Polare, per localizzare il Nord dei miei sentimenti e sperare che ci fosse qualcuno in grado di scioglierne il "duro" rivestimento protettivo...

Vorrei un uomo...

"Vorrei un uomo che mi accolga per come sono e non per come vorrebbe che fossi... Che comprenda le mie paure senza dover necessariamente darmi sicurezza, ma solo contento di sentirle. Che sappia farsi posto nel mio letto senza farmi sentire braccata, che voglia dormire con me d’estate con la finestra aperta per vedere solo le stelle. Che mi prenda per mano per strada... anche quando sono in preda all’ansia. Che mi sappia aspettare. Che apprezzi il mio desiderio di trasmettere tutto l’amore che porto dentro. Che sia divertito dai miei cambiamenti di umore, che si faccia dare una mano quando tentenna. Che rispetti il mio silenzio, che mi dia la possibilità di saper rispettare il suo silenzio. Che riesca a dare una voce diversa ad uno stato d’animo mio, suo... che diventi nostro. Che mi dica, senza aver paura di condizionarmi, che sto facendo la cosa giusta. Che le mie insicurezze non è necessario nasconderle o scriverle fra le righe. Che accetti l’idea di invecchiare e mi aiuti a superarne la paura. Che sia contento di quanto sono orgogliosa di lui. Che mi sappia insegnare a piangere, di nuovo". (Fernanda Annesi)

Io come donna...

"Arriverei con le braccia aperte, per lasciare esprimere il mio senso di accoglienza. Potrei essere un rifugio nelle notti di tempesta, un raggio di sole fra le nuvole minacciose, una leggera folata di vento nella calura dell’estate. Lascerei che si affacciasse dalla mia finestra preferita e vedesse quello che vedo io, con i miei occhi. Ecco, gli donerei il mio sguardo quando la luce accecante del sole lo abbaglia impedendogli di vedere. Lo ascolterei anche se fossi stanca, lo spronerei quando sente di cadere, rimarrei dietro la cabina della doccia quando si prepara, forse perchè in quel momento gli vengono le migliori idee e, io, sarei lì ad ascoltare. Vorrei godere del suo piacere e vorrei che sentisse come esplode il mio piacere insieme a lui. Farei l’amore con lui senza che abbia il timore di dovermi dimostrare qualcosa. Gli darei il buonumore. Gli starei accanto, sforzandomi di capire quando sfugge. Cercherei di non metterlo con le spalle al muro. Cucinerei i miei piatti migliori e accetterei le critiche, anche se un po’ ci rimarrei male. Comprerei dei vestiti per lui. Lo farei sentire libero. Ma con la voglia di tornare". (Fernanda Annesi)

L’attrazione.

Io mi rifiuto di considerarmi ostaggio della chimica biologica. Credo, piuttosto che, in base ad emozioni e sentimenti di varia natura, l’unico modo che abbiamo trovato, per "mandarci a dire" le cose, creando un ponte fra l’essere e il sentire è, appunto il mondo dei neuromodulatori e dei neurotrasmettitori. Quindi, non "siamo" la Chimica ma, piuttosto, la "generiamo".

Nel tempo, ho creato una certa idea di Lei. Quando la penso, miliardi di connessioni si attivano all’unisono e, allora, dentro, cosa mi accade?

Il mesencefalo (nell’area preottica mediale, situata davanti all’ipotalamo) che controlla le risposte visive ed uditive, inizia a rilasciare DOPAMINA (per cui "sento"provo piacere ed euforia). L’ipotalamo (attraverso l’induzione alla produzione di Noradrenalina e Serotonina) comanda al corpo di inviare segnali di accettazione di vivo interesse (comunemente definiti di attrazione): le pupille si dilatano, il cuore pompa più sangue, facendo arrossare il viso, un leggerissimo sudore copre la pelle, rendendola più luminosa. All’idea che Lei sia disponibile all’intesa, si rafforzano i circuiti cerebrali che collegano la sua presenza a sensazioni di PIACERE. Per quanto strano possa sembrare, dal cervelletto (dove, pare, siano contenuti ricordi intensi e/o traumatici) giunge quanto basta per alterare il lavoro della formazione reticolare ascendente. E finisce che non ho più tanto sonno. Anche se sono le quattro del mattino.

È vero, qualcosa di simile accade quando sono preoccupato o mi trovo in ritardo sulla tabella di marcia del mio Business Plane esistenziale... ma la sensazione complessiva è del tutto differente.

I miei neuroni specchio...

Li avevo dimenticati. Diffusi lungo la mia corteccia cerebrale, capaci di farmi sentire quello che prova chi mi sta di fronte. Per questo soffro, quando mi chiude le porte. Sento freddo.

"John, come posso aiutarti? Vuoi che ti faccia scappare?"

"Perché dovresti fare una cosa così stupida, capo?"

"Quando sarò al cospetto di Dio Padre per essere giudicato, quando mi domanderà perché mai io ho ucciso un suo figlio, uno dei veri miracoli viventi, cosa potrò mai rispondergli? Che era il mio mestiere?"

"Tu devi dire a Dio Padre che hai fatto una gentilezza. Lo so che soffri e ti preoccupi. Te lo sento addosso. Ma adesso, la devi smettere. Io la voglio fare finita, una volta per tutte. Davvero. Sono stanco, stanco di andare sempre in giro, solo, come un passero nella pioggia; stanco di non potere mai avere un amico con me, che mi spieghi dove stiamo andando, da dove veniamo e, soprattutto... perché! Sono stanco, soprattutto del male che gli uomini fanno agli altri uomini. Sono stanco di tutto il dolore che mi sento dentro e che ascolto, nel mondo, ogni giorno. Ce n’è troppo, per me! È come avere pezzi di vetro conficcati in testa, continuamente... lo capisci, questo?"

"Si, John, credo di si!"

(Da "Il miglio verde")

L’accettazione...

Chissà perché, quando sono po’ triste o, meglio, quando una certa malinconia avvolge il mio animo senza un motivo preciso, come se mi rendessi conto di dover accettare l’idea di aver perso qualcosa senza averla mai avuta veramente...

Ecco, chissà perché, in simili circostanze, mi viene in mente un film d’amore che contempla ed esalta, al tempo stesso, l’abbandono e la speranza, l’illusione e la solitudine. Con un po’ di rimpianto. "Nuovo Cinema Paradiso".

Sarà perché l’ho visto quando ero più giovane di oltre vent’anni... sarà, forse, perché è la storia di Salvatore de Vita (il piccolo Totò) che, da Giancaldo (in Sicilia), va a Roma, nella Capitale e raggiunge il successo (come regista, nel mondo dorato del cinema) perdendo la possibilità di essere veramente felice... ecco, in tutto ciò, mi "accomodo" tristemente felice. Ed è uno di quei pochi momenti in cui ammetto che la battaglia per vincere, sul senso della vita... potrei non portarla a termine. Capita a anche a me di scoprirmi stanco, sfiduciato, alla ricerca di un giaciglio in cui attendere di essere coccolato.

Come quando ero bambino.

Però, anche quando mi sento stanco e avrei tanto bisogno di una carezza, di uno sguardo dolce o di una parola di conforto, ho imparato che non è bene "consegnarmi" più a nessuno (anche per non caricarlo di responsabilità) ma, semmai, indossare la mimetica antiproiettile, calzare il casco di protezione e ridiscendere in quel campo di battaglia che, a volte, è la vita. Ritengo che è così che debba andare.

D’una città non godi le sette o le settantasette meraviglie, ma la risposta che dà ad una tua domanda. (Italo Calvino)

Allora, quando mi rendo conto che, chi sta con me (lui e soltanto lui, per certe caratteristiche che gli riconosco in maniera peculiare e soggettiva) è unico e irripetibile nonostante quegli aspetti che mai avrei immaginato mi piacessero tanto... beh, questa è la prova che ho creato un legame che produce un attaccamento in virtù di tutto un mondo che soltanto io, in quel momento, sono in grado di apprezzare.

C’è una bestia che s’addormenterà ogni volta che, bella come sei, le sorriderai. È una storia sai, vera più che mai, solo amici e poi, uno dice un "noi" e tutto cambia già. Una realtà, che spaventa un po’, una poesia piena di perchè e di verità. Ti sorprenderà come il sole ad Est, quando sale su e spalanca il blu nell’immensità. Stessa melodia, un’altra armonia, semplice magia che ti cambierà, ti riscalderà. Quando sembra che non succeda più, ci riporta via come la marea, la felicità. (Gino Paoli)


Il senso emotivo profondo delle carezze altrui

Nel nostro cervello, nulla è veramente oggettivo: perfino la nostra percezione del tocco di un’altra persona è plasmata da ciò che proviamo verso di essa. Lo ha dimostrato una ricerca (Primary somatosensory cortex discriminates affective significance in social touch PNAS Plus - Biological Sciences - Neuroscience: Aprile 2012) che, analizzando le vie di elaborazione cerebrale dell’informazione tattile e dei suoi aspetti nella comunicazione sociale, ha scoperto che non ci sono due vie distinte per elaborare gli aspetti fisici ed emotivi del tatto.

"Intuitivamente, tutti noi crediamo che quando siamo toccati da qualcuno, per prima cosa percepiamo oggettivamente le proprietà fisiche del tocco: la sua velocità, la sua dolcezza, la rugosità della pelle, e che solo dopo, in un secondo momento, apprezziamo più o meno questo tocco in base di chi ci ha toccato" - dice Valeria Gazzola, ricercatrice italiana già allieva di Giacomo Rizzolatti (uno degli scopritori dei neuroni specchio), attualmente all’University Medical Center di Groningen e prima firmataria del’articolo - "Invece le cose non stanno così. Gli esperimenti condotti hanno infatti dimostrato che questa concezione a due fasi non è corretta, almeno per quanto riguarda la separazione tra le regioni cerebrali coinvolte: ciò che pensiamo di chi entra in contatto con noi, distorce anche la rappresentazione apparentemente oggettiva di com’è il tocco sulla pelle".

"Niente nel nostro cervello è veramente oggettivo" - aggiunge Christian Keysers, che ha partecipato alla ricerca - "La nostra percezione è profondamente e pervasivamente plasmata da come sentiamo le cose che percepiamo".

L’innamoramento.


"
Cos’è che mi lega all’amore di un uomo? Uno sguardo che corre e, di sfuggita, coglie un ultimo pensiero. Non riesco ad immaginare uno scambio, ma nello stesso tempo è impossibile pensare al solo desiderio di donare. Gli amori lasciano una traccia indelebile dentro il cuore; non si tratta di cicatrici che il trascorrere del tempo cura, rimettendo insieme i lembi quanto, piuttosto, di una piccola fessura che, ogni volta che avverti il richiamo della nostalgia ti ritrovi a voler riaprire per respirarne il profumo dei ricordi" (F. A.)

Perché accade, quel che mi accade?

Pioggia di emozioni, come gocce di memoria, aspettando un tempo indefinito; nella solitudine dei miei pensieri, un vento leggero, rubato alla notte... cerco linearità e, d’improvviso, un’idea prende forma: una carezza di seta che arreda le mie pareti, a volte disadorne.

Qualcuno sostiene che, per "sentire più forte" bisogna drogarsi. Non voglio mettere in dubbio il fatto che, determinate sostanze "eterogene" siano in grado di stimolare zone cerebralmente emotive. Dico solo che, in determinati momenti, comprendo il significato del termine "fusione", grazie alle mie endorfine (che sono droghe prodotte dal cervello). In Natura esiste l’annichilazione, cioè l’incontro di una particella con la sua omologa di antimateria (l’elettrone con il positrone, il protone con l’antiprotone... e così via) che determina la creazione di un equilibrio perfetto, oltre il quale non ha più senso il mantenere una forma solida (che, in quanto imperfetta, andrebbe alla ricerca dell’opposto ). Con una grande luce, le due particelle scompaiono alla vista per entrare in una dimensione che, noi mortali, possiamo sentire, probabilmente, solo quando, veramente innamorati, ci perdiamo (anche se per poco) nei sapori, negli odori, nelle idee, nel respiro di chi facciamo avvicinare al di sotto del confine della nostra intimità.

Mia cara, vorrei che tu sapessi che sei il sangue che mi scorre nelle vene; sei il vento che distende le mie vele come le ali dei gabbiani; sei la marea che mi entra nel cervello; sei il trampolino che sazia la mia voglia di infinito. Sei preziosa come la musica da ascoltare una volta soltanto. Per non sciuparne il ricordo...

Amore passionale e Romanticismo

La scienza mi spiega che, ad ogni nuovo incontro, la mia mente informa il corpo mediante l’innalzamento dei livelli di dopamina, un neurotrasmettitore che mi consente di percepire un maggiore desiderio, di fissare i ricordi e di ricercare la ripetizione dell’esperienza.

L’aumento della Dopamina si porta, a ruota, un incremento della produzione della Noradrenalina, della Feniletilamina, dell’istamina e delle encefaline (categoria di oppioidi secreti dall’ipotalamo, che contrastano il dolore e aumentano il piacere ). Forse per questo, l’eccitazione che proviamo nell’attesa, crea una leggera vertigine, simile a quella provocata da una piccola dose di anfetamine oppure da generosa quantità di cioccolata (che contiene, appunto, Feniletilamina).

Il "piacevole" prezzo da pagare, consiste nella temporanea riduzione di Serotonina, che produce quel certo sentimento di "magnifica ossessione".

Da quanto riportato, si comprende come, a questo punto, la ricerca del contatto intimo sessuale, diventa importante perché, lo scambio psicologico (di idee, emozioni e sensazioni) e biochimico (ormoni, attraverso i diversi fluidi biologici) rinforza ogni sensazione creando un sempre maggiore attaccamento.

Queste due immagini articolate, mostrano la zona del cervello particolarmente coinvolta nel processo che descritto poc’anzi. La prima, riassume i punti della corteccia cerebrale attivati durante l’amore appassionato. (quelle che mediano le emozioni, la motivazione, la gratificazione, la cognizione sociale, l’attenzione e la percezione di sé). Per la seconda, basti sapere che, laddove trovate il glutammato, lì sta accendosi più di una "miccia"; in presenza del Gaba (Acido Gamma Amino Butirrico), si interviene per "spegnere" un po’ di stress.

"Vorrei essere il vestito che porterai, il rossetto che userai...Vorrei essere l’acqua della doccia che fai, le lenzuola del letto dove dormirai... Vorrei essere il motore della tua macchina così, di colpo, mi accenderai. Tu non mi basti mai, davvero non mi basti mai! Tu, dolce terra mia... dove non sono stato mai". (Lucio Dalla)

Seguendo le vie dell’amore, nel mio personalissimo viaggio all’interno del cervello vado a visitare, sempre più, "i piani nobili e i loro appartamenti": là, dove gli istinti si rivestono di sentimenti, dove le impressioni e le sensazioni diventano percezioni e rappresentazioni, dove anche gli oggetti e i fatti vengono coltivati; dove sono regolati i nostri comportamenti e ogni nostro singolo atto. Luoghi di memoria e di sapere che fanno di noi degli Homo sapiens. Credo di poter affermare senza timore di esser smentito che l’amore è quel momento in cui, invece di subire il senso delle cose, diamo loro senso.

Il bisogno dell’altro.

Bisogno... mancanza. Ed ecco che incontro, rinforzato, il desiderio, espressione della mancanza.

"Giri armonici di corpi sudati, che si ritrovano odorandosi ansiosi. E il tempo parte. Fra schiocchi che decollano dal ritmo imposto dai sensi, in un contorcersi infinito che non dà tregua. E la fame aumenta.

E bevi le stille del mio sudore dal cavo della mia schiena, scendendo fino in basso, con le mani che ingordamente impastano i miei sensi. Mi contorci nella percezione di forza che imprimi sulla mia pelle,

e mi chiedo come fa ancora ad aumentare la mia fame di te. Dovrei smettere di farmi domande, chiudere il cervello e ascoltare solo i sensi che, sinusoidi impazzite, governi a tuo piacimento. Ma la testa ancora funziona e oggi, avverte distintamente il crampo che dall’anima sale lento, a dire che ti amo.

Non è solo il tuo corpo quello che avverto adesso, ma l’ancestrale profondo del tuo essere che voglio senza remore. Brutale e vero. Che si contorce e spasima, che sbarra gli occhi per catturare ogni barlume di luce e di me, in uno sguardo che non riesco né a sostenere, né a ricambiare, perché mi ruba l’anima. E ho paura di questo, che ho disperatamente voglia di perdermi definitivamente, e non andarmene più da qui. Sto modificando la mia percezione degli odori e dei sapori, associando i tuoi ai miei. E la tua naturale propensione a semplificare le cose mi rassicura, ma odio i miei muscoli non allenati che a volte cedono alla stanchezza, e forse dovrei semplicemente dirtelo.

Ma resisto finché posso, perché non voglio mai staccarmi da te. E quando alzo con una mano i miei capelli dalla spalla sinistra, e tu, capendo, affondi i tuoi denti in me, un brivido di piacere mi fa inarcare. Voglio essere cibo caldo, e vino forte e aria e luce e fare parte delle tue molecole infinite, per non staccarmi mai dal tuo corpo. Ed entrarti dentro per satollarti del mio essere, anche quando teneramente, mi salti addosso, per ricominciare a saziarti di me. E ancora, e ancora, e ancora fame e ancora cibo e ancora lotta viscida, profonda e nostra. Con le mani che si aprono ad accogliere la forza che ci trasmettiamo, attimo per attimo, momento dopo momento, in pomeriggi ripidi e infiniti e veloci e troppo lontani per essere di sostegno nel ricordo. Perché la mente non può registrare tutto. La mia non ce la fa, e mi restano sprazzi di immagini e di sensazioni che non fanno che acuire il tuo senso di lontananza, sostenendo il mio tempo in tua assenza. E infine il tuo urlo primordiale, che sfoga i tuoi sensi e la tua rabbia profonda su di me. E io, che non sono né vittima, né carnefice, ma sacerdotessa smaniosa e accogliente, mi vesto del tuo umore, accogliendolo su di me. Guardami adesso.... Guardami ancora..... e ricomincia se vuoi". (G. D.)

Assistenza e attaccamento. L’Amore consolidato.

"Ah, come poco indovinano gli uomini le condizioni dell’anima altrui, se non la illuminano, ed è raro, coi getti di un amore profondo". (Giuseppe Mazzini)

Da piccolo, mi disturbava l’idea di imborghesirmi. Come ho scritto più volte, all’età di 13 anni, con due compagni di classe, fondammo una mini associazione eversiva (Il"Nucleo Sterminio Borghesi") che per fortuna (soprattutto nostra) si sciolse prima che combinassimo guai seri.

Fra le "orripilanti" possibili scelte borghesi, c’era quella di "rinchiudersi" all’interno di un rapporto di coppia stereotipato. Senza più sogni nel cassetto.

Sono arrivato a teorizzare due modi di intendere il rapporto di coppia

Partendo dal principio che, nella lingua italiana, il termina coppia identifica due individui che condividono interessi e obiettivi, se vogliamo riferirci a due persone che si legano, anche, sul piano sentimentale, per ipotizzare quanto potrà durare la “frequentazione”, abbiamo la necessità di analizzare un po’ di elementi...

Ad esempio, dal momento che, con il termine "impegno", intendiamo il lavoro da fare per costruire qualcosa di concreto, possiamo affermare che è necessario impegnarsi per creare le condizioni atte ad incontrare in maniera continuativa ed "esclusiva" un partner con il piacevole desiderio (che, secondo leggi di Natura è, in realtà, un bisogno) di costruire "qualcosa di più" di una semplice frequentazione anche se intima.

Perché accada una cosa del genere, non guasta aver fatto un certo numero di esperienze meno "impegnative" (anche se gratificanti) e basate sul rispetto reciproco, sulla correttezza e sulla maturità personale.

In questo modo si arriverà a capire qual è il limite di un rapporto di stretta e intima amicizia "senza nulla a pretendere", rispetto alla possibilità di una donna (o un uomo) che si dedichino a noi e ci accolgano con piacere, anche quando non "ci facciamo annunciare".

Molteplici sono le sfaccettature delle relazioni e delle interazioni, perchè tantissimi sono i potenziali concorrenti e indefinite le produzioni emotive (peraltro, non ripetibili). Però, in linea di massima, due possono essere le possibili varianti di una coppia (escludendo, ovviamente gli incontri “occasionali”).

In una coppia che potremmo definire "pret a porter", non sono importanti i fattori specifici sui quali si fondano le regole (non scritte) prodromiche della costruzione di un Amore e la frequentazione che, in questo caso, difficilmente sarà continuativa e, ancor più difficilmente, prevederà il concetto di solidarietà reciproca. Questi elementi potranno riguardare, di volta in volta, un dialogo più o meno costruttivo, dei sentimenti di amicizia, una passione più o meno intensa, che duri nel tempo. D’altronde, non essendoci obblighi, ci si incontra solo alle migliori condizioni di entrambi e solo quando, entrambi, ne hanno voglia.

In una coppia che tende alla costruzione di un rapporto di maggiore stabilità, invece, prevalgono aspetti più profondi che, a certe condizioni (maturità e validità di entrambi i partner), sono fattori incubatori di un "piacere globale", in una "casa comune", con progetti di vita insieme e a lungo termine. Dal momento che si punta a conoscersi a fondo (uscendo dall’egocentrismo personale e aprendosi alle esigenze dell’altro), un simile rapporto può essere paragonato a un abito su misura, costruito pian piano... in maniera unica e irripetibile.

"Due esseri umani percorrono un tratto di strada insieme, per il piacere di condividere un progetto, una giornata di mare, una passeggiata... o, anche, un momento di tristezza. Un braccio cui legarsi quando si prova del dolore, trasforma le due solitudini in un fluido caldo che scorre all’interno degli angoli dell’anima. Può essere la tua memoria, la giornata che vuoi ricordare o anche il momento più difficile da dimenticare". (F. A.)

Fra gli altri, la disponibilità all’aiuto reciproco e le sollecitazioni affettive (e "di crescita interiore" che ne possono conseguire) che, solo la frequentazione assidua e ben motivata, può portare; inoltre, il condividere degli spazi, rappresenta uno stimolo a ridurre l’egocentrismo a favore dell’egoismo positivo (la tutela di sé, nel rispetto dell’altro).

Spesso, però, dimentichiamo un elemento importante: è necessario, prima di ogni altra cosa, realizzare le condizioni per provare piacere a stare con se stessi; poi, in seconda battuta, quando si frequenta il partner, si cerca di star meglio. Un compagno, quindi, deve essere visto come uno stimolo che migliora una situazione già favorevole, non una condizione necessaria indispensabile per star bene.

Esiste la necessità di un’omogeneità di visione delle cose e degli interessi?

Questo è un problema apparente perché, di fatto, non è indispensabile pensarla allo stesso modo, su tutto. La compenetrazione dei pensieri, l’omogeneizzazione delle aspirazioni e dei sentimenti si crea nel tempo (se il rapporto funziona, ovviamente) e man mano che i problemi personali di integrazione sociale e realizzazione lavorativa, tendono a risolversi.

Nei primi tempi, c’è un’enorme diversità... e questo è naturale e positivo, perché consente di rivedere le proprie posizioni e certi modi di vedere le cose. Pian piano, ognuno dei due cambierà qualcosa del proprio modo di essere e di rapportarsi con l’altro, "avvicinandosi" al partner.

Questo rende diversi e migliori.

Per capire un po’ meglio, come stanno le cose, proviamo a chiedere aiuto a quello che ci dice, la Fisica, a proposito di coppia, a partire dalla definizione: “Sistema di due vettori paralleli di ugual modulo ma di verso opposto, applicati ad un corpo (cioè che girano intorno ad un fulcro).

In buona sostanza, a livello simbolico, una coppia di forze, rappresenta due esseri umani che agiscono, spingendo una immaginaria leva (o “ braccio” che, in base alla vicinanza emotiva e di condivisione, può essere corto o lungo) che ruota su un’asse centrale, determinando il movimento circolare che produce i dinamismi di una vita a due.

La rotazione determina una condizione essenziale che si trasforma, a volte, in una sorta di maledizione...

Infatti, l’azione congiunta di due individui che, per la Fisica, debbono avere la stessa importanza, determina l’attivarsi di un percorso che, in base alla distanza fra i due, avrà una circonferenza variabile. Maggiore è il raggio della circonferenza (la distanza fra i due) minore sarà lo sforzo da sopportare. Maggiore, invece, sarà la fatica, nel caso il raggio dovesse essere minore.

Questo spiega perchè, sempre (ma non più tanto) metaforicamente, più ci avviciniamo come interessi, obiettivi e, di conseguenza, intimità, maggiori saranno gli attriti conflittuali...

Al contrario, più aumentiamo le distanze, minori saranno i problemi di interazione, anche se, poi, rischiamo di perderci. Un po’ alla volta.

La maledizione di girare in tondo...

Con un simile discorso (peraltro ben spiegato dalla Fisica, che analizza ciò che accade, nell’Universo, dal più “piccolo” al più “Grande” e che è replicato, in noi, che siamo composti degli stessi costituenti di base, cioè, circa meno di 10 particelle fondamentali, dell’intero Sistema che ci comprende) appare chiaro che, per quanti sforzi si facciano, non riusciremo mai a toccarci, con l’altro...

Ed effettivamente, per quanto cerchiamo di entrare in sintonia con la persona che amiamo, non saremo mai in grado di trasmettere i nostri sentimenti per come li generiamo, nella nostra mente e nel nostro cuore.

Quello che, al massimo, ci riuscirà, sarà il provare a far capire, con gesti e parole, ciò che proviamo. L’aderenza alla nostra realtà emotiva, sarà direttamente proporzionale al grado di empatia dell’altro. Cioè, tanto più, chi ci ama, sarà sensibile e concentrato su di noi, tanto maggiore sarà il suo sommovimento emotivo, con un risultato simile a quello di tanti diapason che vibrano insieme, ad una frequenza simile alla nostra. Non “la” nostra ma, nella migliore delle ipotesi, “simile” alla nostra.

Ma non si potrebbe procedere in linea retta, anziché girare in tondo?

Albert Einstein, nella sua Teoria della Relatività “Generale”, spiega che, i corpi, non attirano altri corpi (come sosteneva Newton) ma sono in grado (in base alla propria grandezza) di piegare lo spazio all’interno del quale si muovono altri corpi.

In pratica, ponendo come esempio il Sistema Solare, non è che la Terra giri intorno al Sole perchè, quest’ultimo, la attrae con forze invisibili (la gravitazione, ad esempio)... è che il Sole riesce a piegare tutto lo Spazio intorno a sé, costringendo il nostro e gli altri pianeti (a cui sembrerà di correre su una strada lineare...) a girare come dentro la ruota di una roulette dove, o cammini ad una certa velocità (sviluppando un’energia centrifuga in grado di contrastare l’attrazione), o vieni risucchiato, appunto, dallo spazio che si flette verso il centro.

A sua volta, comunque, lo stesso Sole (e l’intero suo Sistema), viene attratto (come se fosse all’interno di un gigantesco mollusco flessibile) dallo Spazio incurvato da masse (galassie, etc.) di dimensioni maggiori delle sue.

Per tornare a noi...

Ciascuno dei componenti della coppia, pur avendo la percezione di vasti orizzonti di fronte a sé, in realtà viene attratto dallo spazio che, l’altro (quando è autorevole, ovviamente), riesce a incurvare. Siccome il rapporto dovrebbe essere (e ce lo chiede la Fisica!) equivalente, ecco che, entrambi, si attraggono e girano l’uno nella “curvatura” dell’altro.

Poi...

Man mano che, ciascuno dei due, determina un input a crescere, interiormente, verrà ad aumentersi la distanza del raggio (d’azione), rinforzando un reciproco bisogno di autonomia che, pur mantenendo (se non, addirittura, rinforzando l’unione interpersonale), “prepara” al momento della “condivisione universale” post mortem quando, cioè, si rientrerà a far parte del “Tutto”, sul piano dell’Energia (particelle elementari, atomi, molecole, etc.).

In pratica

Frequentarsi in sintonia ma nel verso opposto (come spiegato nella definizione di “coppia di forze”) produce una sorta di pre annichilazione, generando quell’incontro fra particelle e antiparticelle, che porterà all’equilibrio (“assoluto”?) che avremo, definitamente, una volta dismessa la dimensione umana. Almeno per come la conosciamo.

E se, nel mentre, non si matura interiormente?

Allora, paradossalmente all’inizio, la rotazione sincronizzata aumenterà per quella sorta di incastro nevrotico di cui parla la Psicologia; successivemante si tenderà a schizzare fuori orbita. Per entrare in altre orbite, volare con un’ala sola in cerca della “giusta” metà... o perdersi nell’Universo “sconosciuto”.

Ma che tipo di difficoltà si incontra?

Partiamo dal fatto che, di solito, quando si è piccoli (anagraficamente parlando), si devono condividere e subire, spazi e prepotenze degli altri componenti della famiglia di appartenenza (fratelli, genitori). Di conseguenza, appena ci si emancipa (andando, magari, a vivere da soli) si cerca di affermare le proprie istanze su quelle degli altri. A queste condizioni, l’idea di condividere, sacrificandosi nuovamente, qualcosa con un altro, arride solo fino a quando non termina l’effetto "novità".

Proprio quello che ho provato più volte...

Con una battuta che ho proposto tanto tempo fa, potrei illustrare lo stato d’animo che connota i vari momenti della vita di relazione di un essere umano, partendo dall’adolescenza: "Purtroppo loro (i familiari, soprattutto fratelli o sorelle), finalmente IO (per la libertà conquistata), in un certo qual modo... noi (l’ambivalenza che "tira la giacchetta", nello stare col partner).

Via via che il rapporto si approfondisce, l’ipotalamo stimola la produzione dell’ormone OSSITOCINA, che stimola sentimenti di tenerezza e calore, rafforzando inoltre i recettori cerebrali legati al circuito delle emozioni. Baci, carezze e l’approfondirsi dell’intimità, fanno aumentare ulteriormente i livelli di ossitocina. Un altro ormone, la VASOPRESSINA, collegato alla memoria, ci fa consapevolizzare e apprezzare l’importanza e il valore della fedeltà e della monogamia.

Le conseguenze dell’Amore sulle funzioni cerebrali

La neurobiologia interpersonale, una delle ultime frontiere della neuropsichiatria, indaga le conseguenze dell’amore sul corpo e come il cuore influenza il cervello. Dai test risulta chiaro che i sentimenti aiutano a sentire meno il dolore fisico e persino a riprendersi da un ictus. La studiosa americana Diane Ackerman ha sperimentato gli effetti positivi nella cura a base di affetto sul suo compagno, dopo essere stato colpito da ictus.

Gli esperimenti che Diane Ackerman ha pubblicato sul New York Times sono impressionanti: "Ho cominciato a sperimentare nuovi modi di comunicare: attraverso gesti, emozioni facciali, giochi, empatia e una tonnellata di affetto. Lentamente il cervello del marito ha cominciato a rimettersi in moto rispondendo alle sollecitazioni". A dimostrazione che sono i sentimenti a guidare il cervello.

La più grande scoperta della neurobiologia interpersonale è che il cervello non smette mai di modificarsi, come sostiene la teoria di Dan Siegel dell’Università di Pasadena, soprattutto mentre facciamo amicizia e scegliamo il nostro amore. "Il corpo - spiega Ackerman - ricorda quell’unicità sentita con la mamma e cerca il proprio equivalente nel partner adulto". La sincronia tra la mente del bambino e quella della madre è stata fotografata grazie alla scansione elettronica del cervello ed è la stessa sincronia registrata, proprio, tra gli innamorati. Naomi Einseberger dell’Università della California è arrivata a conclusioni simili, partendo però dalla situazione opposta: ha dimostrato che le aree del cervello che registrano il dolore fisico sono le stesse che si accendono quando si viene lasciati dal partner.

"A me è successo questo: non sono riuscito a fare finta di niente, non volevo, in fondo. Non potevo far altro che cercare di portarti con me, dal profondo, per egoismo quasi, per farmi stare bene. Anche se sapevo di non potere. Anche se era rischioso. Anche se tu non vuoi, anche se, infine, la tua felicità non dipende da me. E non posso fare a meno di chiedertelo di nuovo. Solo per essere sicuro: Verresti?" (Italo Calvino)

Amore duraturo e "progettuale". Oppure, rottura del rapporto.

Una delle domande che più spesso ascolto nel mio lavoro di psicoterapeuta è: quando finisce l’Amore? Quanto dura, in sostanza, una coppia? Cercando una possibile risposta, ho riflettuto su quanto sia crudelmente indifferente Madre Natura, a cominciare da quando, piccolini, ci confrontiamo con l’Immenso mondo (ai nostri occhi) dei genitori.

Ci sono tre possibili modalità di relazionarci con loro e, da questo, saranno gettate le basi per costruire il rapporto fra noi e il mondo, condizionando parecchio, la nostra capacità di amare noi stessi e la realtà che ci circonda (fatta di persone, animali, luoghi e circostanze). Alla radice c’è una difficoltà che nasce da un paradosso fisiologico: un genitore rappresenta un riferimento quasi assoluto, sul piano affettivo e di confronto maturativo; man mano che passa il tempo, se il suo lavoro è stato condotto positivamente, noi cresceremo più velocemente di lui e finiremo col superarlo. Inconsapevolmente, però, continueremo a cercare la sua "grandezza" nei momenti di difficoltà e, non trovandola (perché sono mutati i rapporti di "forza"), vivremo sensazioni frustranti simili a quelle che si provano, dopo aver subito un’ingiustizia.

  • La prima modalità di relazionale. "Consegnarci" al genitore (restando il più possibile nelle sue braccia e affidandoci al suo "pensiero") e scoprire, nel tempo, di averlo "perso", non trovando più, chi credevamo tanto più capace di noi.
  • La seconda modalità. Tentare di plasmarci sul genitore rifiutandoci di crescere per evitare, appunto di "perderlo". Nel tempo, comunque finiremo con il generare conflitti con lui, ritenendolo responsabile dei nostri limiti e accusandolo di non essere abbastanza disponibile.
  • La terza modalità. Rinunciare ad un rapporto prevalentemente affettivo a favore di uno scambio basato, per lo più, sulla ricerca dell’autonomia. In questo caso, però, esiste il rischio di non dare molta importanza ai "colori" dell’Amore.

Quale che sia la scelta, inconsapevole, molto dipenderà dal condizionamento genitoriale e, soprattutto, dal suo grado di maturità. Il nostro modo di intendere il rapporto affettivo (anche con un partner) si baserà (e, spesso, non ce ne accorgeremo) sul nostro modo di stare in famiglia e sulle aspettative sviluppate.

Quindi, cari lettori, l’Amore non è ineluttabilmente "a scadenza", come uno yogurt.

Dura fin quando esistono degli obiettivi in comune. Le cose cambiano, a seconda che ci si riferisca (come ho accennato prima) a rapporti "pret a porter" o a quelli portati avanti con l’obiettivo di realizzare qualcosa di importante.

Nei primi, se da una parte non c’è una grande motivazione a prolungare l’unione dal momento che non si creano i presupposti per una soddisfazione duratura, dall’altra è pur vero che la frequentazione avviene saltuariamente e quando se ne ha voglia: in questo modo è difficile che si inneschi una demotivazione da abitudine quanto, semmai, una consapevolizzazione che il rapporto stia arrivando alla "fine della corsa" per esaurimento dei margini di sviluppo.

Nei secondi, tutto dipende dallo sviluppo maturativo dei partner. Molte, troppe volte, purtroppo, non ci si rende conto che la coppia (e, quando c’è, la famiglia) va vista come un’azienda in grado di "rendere" e dare soddisfazioni solo a condizione che ci si investa molto e con una strategia programmatica di buon livello: in pratica, è necessario sapere cosa si vuole portare avanti... e perché!

Quando si lascia scorrere il tutto, senza impegnarsi attivamente, le dinamiche interpersonali tendono a raffreddare interesse e motivazioni positive. Nel caso che, invece, si decida di vivere un rapporto "alla grande", si potrà contare sempre (o quasi) su un sorriso, uno sguardo, un abbraccio, un’intesa, una complicità... che impediscono di invecchiare "dentro" e contribuiscono a mitigare le intemperie del tempo che passa.

"E’ la cosa più bella della Terra, una schiera di cavalieri. No, di fanti. No di navi. Ed io penso: bello è ciò che si ama" (Saffo)

Dagli accertamenti compiuti dall’ISTAT è stato possibile stabilire che la durata media di un rapporto duraturo, o di un matrimonio si aggira intorno ai 15 anni, computati tenendo conto del momento dell’iscrizione al ruolo della causa di separazione. Il massimo momento di crisi per una coppia viene raggiunto quando i coniugi hanno fra i 35 e 40 anni, una fase che generalmente precede di qualche anno il momento in cui verrà presentata la domanda di separazione.

Io non credo nei miracoli, meglio che ti liberi, meglio che ti guardi dentro. Questa vita lascia i lividi questa mette i brividi, certe volte è più un combattimento. C’è quel vuoto che non sai, che poi non dici mai, che brucia nelle vene come se. Il mondo è contro tee tu non sai il perché, lo so me lo ricordo bene, lo sono qui. Per ascoltare un sogno. Non parlerò. se non ne avrai bisogno, ma ci sarò. Perché così mi sento. Accanto a te, viaggiando controvento. Risolverò, Magari poco o niente... Ma ci sarò... E questo è l’importante. Acqua sarò, che spegnerà un momento, accanto a te... viaggiando controvento” (Arisa)

Questa non è una semplice canzonetta

Questa è la via maestra, che dovremmo impegnarci a seguire, “giurando” di rispettare, vicendevolmente. Solo così, saraà possibile mantenere acceso il fuoco dell’interesse e dell’attenzione. L’uno verso l’altro. È difficile, certo... ma, senza questo c’è un mondo fatto di scontri non costruttivi che, alla lunga allontanano...

Non a caso, l’osservazione scientifica, porta a concludere che, in assenza di stimolazioni evolutive che creano i presupposti per cui, due persone continuano a crescere insieme, non smettendo mai di stupirsi, dopo un periodo che oscilla dai 18 ai 30 mesi dall’inizio della relazione, il cervello si è assuefatto al cocktail di sostanze chimiche e non reagisce più come prima.

Partendo dal presupposto che una coppia determinata da due identità curiose e interessate ad evitare la costruzione di abitudini noiose, non genera i presupposti per l’assuefazione ma, anzi produce un attaccamento che plasma sempre più "a misura" l’uno verso l’altro, se non ci sono i presupposti, la maturità la disponibilità e la fiducia necessari per la progettazione di un futuro in comune (degno di tale nome), è in questa fase che accadono incomprensioni, litigi e ricerca di altre situazioni affettive. A questo punto molte coppie si separano, cosi ciascuno dei due EX si mette alla ricerca di un nuovo partner con cui riprovare le emozioni vissute nei momenti migliori. Nelle coppie basate su valori morali solidi, o maggiormente costruttive e affiatate, invece, la vicinanza fisica, non solo sessuale, stimola il neurotasmetitore ENDORFINA, una sostanza con effetti simili agli oppiacei che riduce l’ansia e infonde un senso di calma e di intimità. Condizione, forse meno eccitante e sconvolgente della FENILETILAMINA, ma che induce molta più dipendenza psicologica. Si parla di una sorta di incastro nevrotico che genera conflitti legati alla voglia di fuggire, che si scontra col dolore dell’abbandono. Il risultato è un superimpegno neurovegetativo con conseguenze "ossidative" (cioè, di invecchiamento), in tutto l’organismo.

Ci sono dei momenti , nella vita, in cui ti accorgi che le cose che stai facendo da anni, ti cadono addosso come un vestito, dentro il quale però non stai più comoda anzi, ti tira, ti stringe: insomma, ti ci senti soffocare. Ed è quello che è accaduto a me. Ad un certo punto, non mi piaceva più fare gli stessi gesti, parlare delle solite cose, e non averne gratificazione. Ho scoperto che "dovevo" essere solo gentile, efficiente, veloce e, possibilmente, sorridente. Quindi cominci a pensare e cercare di capire cos’è che devi modificare, perché a lungo andare, non faresti più le cose bene come prima, poiché hai perso una cosa importante: l’entusiasmo. Pensi al tuo modo di essere ma è difficile cambiare, quando hai quasi cinquant’anni... (G. T.)

Amore...

Intenso sentimento basato su una multifattorialità di elementi (affetto, rispetto, stima, complicità, curiosità, amicizia, erotismo, intimità, solidarietà, protezione, comprensione, accettazione, "freschezza", etc.), i quali producono un’attrazione crescente e irreversibile, fra due persone che, quando ne sono capaci e disponibili, tendono a diventare, via via, sempre più mature.

Vi cerco sempre, vie del mio Amore... vie perdute che non siete più. La vostra eco è sorda. Vie della disperazione, vie del ricordo, vie del primo giorno. Divine vie dell’Amore (J. Anouilh - Lèocadia)


La storia del soldato e della Principessa

"Ti voglio fare contento, Totò, ora ti racconto una storia... sediamoci un attimo. Una volta un Re fece una festa... e c’erano le principesse più belle del regno. Un soldato di guardia, vide passare la figlia del Re: era la più bella di tutte e se ne innamorò subito! Ma che poteva un povero soldato, a paragone con la figlia del Re? Finalmente un giorno riuscì ad incontrarla e, vinta, la titubanza, le disse che non poteva più vivere senza di lei. La principessa restò così impressionata di questo sentimento che rispose in maniera inaspettata!"

"E cioè?"

"Se saprai aspettare cento giorni e cento notti sotto il mio balcone, alla fine io sarò tua!"

"E il soldato che fece?"

"Subito si posizionò sotto il balcone e aspettò un giorno... e poi dieci... e poi venti... E ogni sera, la principessa controllava dalla finestra ma, lui non si muoveva. Mai! Con la pioggia, con il vento, con la neve, lui era sempre là... anche se le api se lo mangiavano vivo! Dopo novanta notti, era diventato l’ombra di se stesso e gli scendevano le lacrime dagli occhi... e non poteva trattenerle, ché non aveva la forza nemmeno per dormire. Sempre sotto lo sguardo vigile della principessa. Arrivati alla novantanovesima notte, il soldato si alzò, si prese la sedia... e andò via!"

"Ma come? Proprio alla fine?"

"SI! E non domandarmi il perché. Prova a scoprirlo da solo!"

"Te la ricordi la storia del soldato e della principessa?"

"Si, Totò!"

" Ora ho capito perché il soldato andò via proprio alla fine. Si, sarebbe bastata solo un’altra notte e la principessa sarebbe stata sua... ma lei avrebbe potuto anche non mantenere la sua promessa. E sarebbe stato terribile. Sarebbe morto dal dolore! Così, invece, almeno per novantanove notti era vissuto nell’illusione che lei era stata là ad aspettarlo, dimostrando a se stesso di essere capace dell’impresa!"

"Fai come il soldato, Totò, vattene. Questa è terra maligna!"

E di nuovo mi trovo, da solo, a leccarmi le ferite che, anche questa volta, in un modo o nell’altro "dovrò" cauterizzare... Su cosa si basa, in generale, la vita di una persona?

Vediamo un po’... dipende! Si, infatti molti di noi seguono il corso di un fiume la cui sorgente si trova lì, dove stanno gli "imprinting" (le esperienze, i ricordi, le convinzioni, il proprio modo di essere). Io, ad esempio, come ho detto ad alcuni amici, diversi anni fa (e l’ho pure scritto in un articolo datato), spesso ardo nell’apparente contraddizione di voler essere, al tempo stesso, bambino (per continuare a credere nei sogni e nelle aspirazioni), canuto (per contare sulla necessaria saggezza), donna (per la voglia di migliorare e vincere la diffidenza di un mondo di sopraffazione), uomo (per le responsabilità che ne conseguono), padre (per trasmettere un po’ di me, all’infinito), madre (per contribuire a generare persone migliori), figlio (per il bisogno di imparare), figlia (per annullare quel fisiologico "attrito" che gli esperti chiamano Complesso di Edipo), etc.

Ovviamente questo non nasce da una questione di confusione di ruoli o di identità sessuale ma, semmai, dal bisogno di rendersi conto che, per andare d’accordo con l’altro, bisogna essere in pace, anzitutto, con se stessi e dirigersi verso l’appagamento di una vita equilibrata nelle aspirazioni, nei programmi e nelle realizzazioni.

"Dove gli occhi vanno volentieri, anche il cuore va, né il piede tarda a seguirli" (Carlo Dossi).

Ma è poi vero che, se ci si ama, ognuno capisce e accetta il mondo di chi gli cammina accanto? Abbiamo mai provato a conciliare due opposte condizioni di derivazione e di appartenenza?

"E poi e poi e poi... ci siamo noi... con tutte le nostre speranze, le nostre paure che a fatica ogni giorno cerchiamo di capire cos’è questa cosa che noi chiamiamo amore. E poi e poi e poi... ci siamo noi, in cerca di una storia del tutto inventata ma priva di ogni euforia e così concreta, che intorno a sé fa nascere la vita. Non saremmo più soli... finalmente coinvolti davvero, potremmo di nuovo guardare il futuro e riparlare del mondo non più come condanna ma, cominciando da noi" (G. Gaber)

A queste condizioni, è probabile che si riesca a superare la paura di essere feriti dall’altro e che si accetti l’idea di rimettersi in discussione per verificare come poter migliorare ancora, senza la necessità di difendere lo steccato dell’egocentrismo "malato" che porta all’indifferenza esistenziale, al vittimismo e al logoramento di qualunque rapporto d’amore. L’importante, comunque, è non subire il modo di fare e di pensare dell’altro. Si può discutere e scontrarsi, se è il caso, ma non rassegnarsi. Se le strade divergono, vuol dire che non ci si ama abbastanza. A quel punto, necessariamente, bisogna capire cosa è più importante, tenendo presente che, a volte, l’amore è come la vita: se non te ne curi abbastanza, "avvizzisce" ogni giorno di più... e quando finisce, non te ne accorgi.

E allora, cosa c’è nella vita di ognuno, che fa perdere la "sintonia" con gli altri, con l’altro?

Spesso, quando ci si sente un po’ tristi, accade che ci si rifugi nel passato. Non so bene perché ma, quando vado alla ricerca di un periodo "protetto", ritorno, mentalmente ed emotivamente, a quando avevo poco più di vent’anni e, in occasione del Natale mi ritrovo, fin dalle prime luci dell’alba, in casa dei miei genitori, alle prese con la realizzazione di un presepe monumentale (retaggio affettivo di apprendimenti materni). Immancabilmente, a farmi compagnia in quei momenti di costruttiva solitudine (sperando che il mio lavoro contribuisca a lenire gli attriti affettivi fra papà e mamma), molte commedie di Eduardo de Filippo. Una, fra le tante, accende più di una lampadina nel cervello, sicuramente più di quante non sono riuscito a piazzarne nel mio "plastico Natalizio".

Scorrono davanti agli occhi fotogrammi de "Gli esami non finiscono mai", tre atti e un prologo di Eduardo de Filippo. Una Cantata dei giorni dispari. Guglielmo Speranza (Eduardo) mi presenta la rappresentazione della sua vita, che poi rispecchia, a tratti, quella di tutti. Per indicare il trascorrere del tempo, si serve di tre barbe posticce una bruna (per indicare la giovinezza), una castana (che evidenzia la mezza età) e, l’ultima, bianca (per indicare la "resa"). L’azione inizia col conseguimento della laurea. Fidanzato con Gigliola, subisce l’interrogatorio dei futuri suoceri che pretendono da lui una carriera prestigiosa. Si sposa, ha due figli, ma la sua vita dipende sempre dalla gente, che lo osserva e lo giudica. Infatti, quando s’innamora della giovane Bonaria (perché la sua vita matrimoniale non ha più nulla da "esprimere"), si scontra con il coro dei benpensanti, capitanati da Furio La Spina, il suo miglior amico (che, per intanto, ha una relazione segreta con sua moglie). Guglielmo, allora "invecchia" indossando la barba bianca. Per trovare pace, si rinchiude in casa in silenzio, decidendo di "spegnersi". I familiari lo assistono, sperando nella morte liberatrice. Quando è il momento, nemmeno le sue disposizioni per le esequie vengono rispettate. Guglielmo seguirà i suoi funerali attraversando il palcoscenico come un attore da rivista che saluta il pubblico, nel teatrino dei falsi convenevoli di parenti e amici.

Al di là dei fenomeni biochimici, qualcuno vuole prendersela con l’anatomofisiologia del nostro cervello... molto simile a quello delle specie irragionevoli, il più delle volte! Ma, oltre ogni ragionevole dubbio, è possibile disinnamorarsi?

Che strano.

Ho sempre creduto che mi stessi accanto per la tua capacità di comprendere i miei limiti, nonostante gli scontri che hanno firmato il mio soccombere di fronte alla convinzione di non essere accettato per ciò che ero... e capito per quello che spendevo, di me stesso, per voi, senza riguardo per la mia persona. Quante volte è iniziato un viaggio nell’inferno della mia anima... tante lacrime mute, fra le mani, che hanno dato voce ai miei dolori imprigionati. Molte volte ti ho chiesto di lasciarti amare...

Dove ho sbagliato?

Ho temuto che il tuo cuore fosse una strada con molti tornanti; ho tremato all’idea che, un giorno, l’inverno spegnesse i sogni dietro i tuoi occhi, le tue splendide perle alabastro, con più niente che ti vede e più niente che ti tocca. Ho sperato di riuscire a cucire, con l’ago del mio amore, la notte all’aurora del tuo nuovo sorriso: tanto mi è sempre bastato.

Anche io, come te, ho avuto paura:

di non centrare i miei obiettivi;

di non riuscire a capire come trattarmi meglio;

di sottovalutare la sofferenza altrui;

di restare a metà del cammino, senza aver compiuto il mio dovere.

Però, la paura non l’ho nascosta, né combattuta. L’ho capita e accettata. Dopo, prendendomi per mano, mi sono accompagnato dolcemente a vedere cos’è che ho temuto e perché.

A quel punto mi sono accorto che era soltanto l’angoscia di non riuscire quando, invece, sbagliare è un nostro diritto.

Nessuno di noi ha il potere di cambiare qualcosa negli altri. È la mente di ciascuno che, alleggerita dalla paura di svilirsi, scopre la via maestra della vita.

Ma va bene lo stesso, va bene così.

Sarà che tutta la vita è una strada che, purtroppo, non vedi tornare. Come quando pensi di avere sempre i tuoi trent’anni ma, quando ti fermi a cercarli... non li trovi più. Nuove rughe testimoniano lo scontro con le intemperie del nostro tempo terreno ma, sempre e per sempre... se mi cercherai, dalla stessa parte mi troverai. Spesso ho vissuto con ansia i versi che ti ho letto quella volta, con la certezza che non ci sarebbe capitato mai... "Io vorrei, ma non ti dico (e mi offendo perché tu non capisci ciò che io non dico). Tu vorresti, ma non mi dici (e ti offendi perché io non intuisco). Io penso di te, provo per te, ma non ti dico (tu non intuisci ciò che penso e inaridisci). Tu pensi di me, provi per me...ma non mi dici (inaridisco anch’io). Noi non comunichiamo più i nostri pensieri e, gradualmente, passando per l’odio, ci perdiamo nel non pensarci più!"

Che strano.

A volte non ho capito bene se, quando mi tendevi la mano, con le stesse scarpe camminavamo per strade diverse, o con scarpe diverse su una strada sola. Qualcuno ha detto che il vero amore può nascondersi, confondersi ma non può perdersi mai. Chi sa cosa provavi quando ti dicevo che non credo nelle parole scontate ma ho bisogno del loro calore. Certo è che, anche il cervello più preparato, di fronte ai dubbi dell’amore, può diventare analfabeta.

Friedrich Nietzsche ha detto che ogni abitudine rende la nostra mano più ingegnosa e meno agile il nostro
ingegno. Ecco perché probabilmente ho sempre temuto la routine dei sentimenti e il cliché di tanti copioni scritti dalla consuetudine dei gesti degli altri...interpretazioni che sbiadiscono i capelli così come la polvere invecchia la nostra casa, se ogni giorno non dedichiamo noi stessi affinché continui a rispecchiare la nostra giovinezza. Ho avuto paura di dovermi sentir dire che, non c’è più molto da dire!

Quanto tempo è trascorso dai nostri sussurri su quello che ci piaceva di più, delle nostre debolezze? Il lavoro, le responsabilità, il quotidiano e il futuro prossimo venturo. Non sarebbe stato un problema, l’età. Niente rumori di sottofondo. Provo ad abbandonarmi... mi accarezzo le labbra e, quasi per magia, torno a perdermi nei tuoi capelli. "Belli capelli, capelli neri, che t’ho aspettata tutta notte e tu chissà dov’eri; capelli lunghi che arrivavano fino al mare; belli capelli che nessuno li può tagliare. Capelli lunghi come autostrade, la mattina sopra il tuo cuscino". Avrei voluto starti accanto anche quando, bianchi, si sarebbero fermati a una fontana a pettinare gli anni. "Belli capelli... che stanotte è notte... ma verrà mattino".

"Non basta un raggio di sole in un cielo blu come il mare perché mi porto un dolore che sale che sale . Si ferma sulle ginocchia che tremano e so perchè. E non arresta la corsa lui non si vuole fermare perché è un dolore che sale che sale e fa male. Ora è allo stomaco... fegato, vomito, fingo... ma c’è. E quando arriva la notte e resto sola con me, la testa parte e va in giro in cerca dei suoi perchè. Né vincitori né vinti, si esce sconfitti a metà, la vita può allontanarci l’amore continuerà. Lo stomaco ha resistito anche se non vuol mangiare... Ma c’è il dolore che sale che sa e e fa male. Arriva al cuore, lo vuole picchiare più forte di me. Prosegue nella sua corsa si prende quello che resta Ed in un attimo esplode e mi scoppia la testa: vorrebbe una risposta ma in fondo risposta non c’è. E sale e accende gli occhi il sole adesso dov’è. Mentre il dolore sul foglio è seduto qui accanto a me. Che le parole nell’aria sono parole a metà... Ma queste sono già scritte e il tempo non passerà. Ma quando arriva la notte e resto sola con me, la testa parte e va in giro in cerca dei suoi perchè. Né vincitori né vinti si esce sconfitti a metà La vita può allontanarci l’amore continuerà. E quando arriva la notte e resto sola con me, la testa parte e va in giro in cerca dei suoi perchè, né vincitori né vinti... si esce sconfitti a metà. L’amore può allontanarci, la vita poi continuerà...Continuerà...Continuerà" (Arisa - La notte)

Qualche tempo fa, qualcuno mi definý, il suo Amico del Cuore. Questa persona, non c’Ŕ pi¨ da tempo... ma Ŕ da quel tempo che, io, cerco di pensare e agire, per continuare ad "essere" un degno Amico del Cuore per riuscire, un giorno, a potermi dire: "Hai meritato, l’Amore che che hai avuto..." Solo cosý, allora, avvertir˛, in me, quello strano coraggio che ci fa superare la paura di ascoltare la notte che scende. Grazie.

G. M. - Medico Psicoterapeuta, Counselor.

Sento il dovere di ringraziare quanti (e sono veramente tanti), con le loro riflessioni mi hanno parecchio aiutato, nella realizzazione di questa opera. Grazie, anche, ad Adelina gentile, per la sua collaborazione.

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Abbiamo dimenticato, che cos’Ŕ la vita!
Cara Mariarita...
A Gianfranco Marcelli.
Dal Sacro al profano...
Quando si perde un genitore...
Il tempo dell’abbandono.
Come si affronta il dolore?
Al mio fianco...
La politica...
Cronaca di una ribellione annunciata.
Quello che pi¨ conta...
Fra il bianco e il silenzio...
Vita...
Il mondo della pubblicitÓ...
Al di lÓ del rimpianto.
La vita che vorrei...
Tormento o Estasi?
Caro Paolo...
Il Counseling. Cos’Ŕ e a cosa serve.
Emozioni sbiadite...
DELLO STESSO AUTORE
Stress...
Quesiti - La deflorazione.
Tessuto Nervoso.
Il Pensiero e la coscienza di sÚ.
Alle radici del Narcisismo...
Come capire e vivere meglio l’amore
L’ansia e la paura.
SOS ALZHEIMER e Counseling solidale.
Paura, autostima e sensi di colpa...
L’angoscia esistenziale.
Non arrenderti mai!
Il Counseling. Cos’Ŕ e a cosa serve.
Dubbi e Ansia - Egoismo e Positivismo.
La vita che vorrei...
Amore e Passione.
Leggere e studiare...
L’Onore...
Il nostro cervello...
Il senso di inadeguatezza.
Il mondo delle emozioni.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione