HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Curare i malati terminali...
di Giorgio Marchese  ( direttore@lastradaweb.it )

12 ottobre 2011



C'è chi dice no.


Counseling News

Un gruppo di 37 studiosi di tutto il mondo, guidati dal professor Richard Sullivan del King’s College di Londra, ha pubblicato su Lancet Oncology i risultati di una ricerca di dodici mesi che sta agitando la comunità scientifica internazionale.

Ogni anno, circa 12 milioni di persone ricevono una diagnosi di cancro. Sulla base del trend in crescita, la cifra stimata delle persone che si ammaleranno, potrebbe salire a 27 milioni entro il 2030. I costi dei trattamenti arrivano in questo momento a 893 miliardi di dollari e, solo in Gran Bretagna la spesa per le terapie oncologiche, è passata dai due miliardi di sterline del 2002 ai cinque di oggi.

Così recita il documento pubblicato su Lancet

"I dati dimostrano che una sostanziale percentuale delle spese per cure anticancro avviene nelle ultime settimane e mesi di vita dei pazienti. E che in larga percentuale queste cure non solo sono inutili, ma anche contrarie agli obiettivi e alle preferenze di molti malati e delle loro famiglie. Purtroppo, stiamo correndo lungo una traiettoria che non ci possiamo più permettere. Non basta tenere a freno i costi. Dobbiamo anche ridurli. Altrimenti saremo costretti a coprire solo parzialmente le cure e, a quel punto, le disuguaglianze tra ricchi e poveri diventeranno sempre più nette".

Dal 1970 al 2011 nel Regno Unito i farmaci antitumore sono saliti da 35 a 100. Solo negli ultimi sei mesi ne sono stati approvati otto. Medicinali che hanno un costo medio di 2500 sterline a settimana.

Riflessioni

Cosa c’entra una notizia come questa, col mondo del Counseling? Proviamo a metterci nei panni di chi ha scoperto di avere un tumore. "Caro signore, lei ha un tumore al pancreas. E anche in uno stadio avanzato. Non sappiamo se e quanto potremo curarlo!" - "Io, fino a quel momento, non sapevo neppure cosa fosse il pancreas!" (Steve Jobs)

Come ci sentiremmo?

E se, in aggiunta, ci rendessimo conto che, all’improvviso, fossimo diventati anche un peso, per la Società? Dovremmo subire una doppia afflizione (accettare la malattia e subire la discriminazione) in un momento di considerevole vulnerabità!

Come credete che reagiremmo?

Per evitare la tentazione di "lasciarsi andare", è necessario modificare l’approccio con la persona, prima che con la malattia. Rispetto dello condizione di inferiorità soggettiva; comprensione dello stato d’animo confuso; accettazione della paura altrui; condivisione dei momenti difficili per elaborare, insieme, una strategia operativa che, pur tenendo conto dei protocolli terapeutici (farmacologici o chirurgici), individui elementi oggettivi in grado di determinare la motivazione per continuare a combattere. Arricchendo la componente della propria dignità, in quanto persona e non malattia. Interessante, vero?

Tutto questo è Counseling!

 

Fonti

  • www.edott.it

 

G. M. - Medico Psicoterapeuta / Counselor - Presidente Neverland (Scarl - No Profit - ONLUS)

 

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Il counseling non Ŕ abuso della professione di psicologo.
Nella costellazione del counseling...
Neverland (No Profit e ONLUS) e l’aiuto solidale.
Conciliazione e benessere. Crescita e condivisione.
Docenti vs Studenti.
Il cervello dei bambini Ŕ una spugna di apprendimento...
Il Counseling e la solidarietÓ verso i pi¨ deboli.
Uso e abuso della professione psichiatrica.
A contatto con la Natura...
Psicologi Vs Counselor?
Il disagio dell’incontinenza urinaria.
Alzheimer: una malattia da condividere.
ProprietÓ privata?
Lance spezzate...
Nel mondo del Counseling...
Counseling per il fine vita.
Natale di solidarietÓ.
Counseling, tematiche giuridiche e aspetti connaturati alla psiche.
Prendersi cura di un malato senza dimenticare se stessi.
SensibilitÓ e delicatezza...
DELLO STESSO AUTORE
Cara Mariarita...
Come si rinnova l’amore?
E’ meglio un rimpianto o un rimorso?
Alle radici del Narcisismo...
Neuroni e Nevroglia.
Il nostro cervello...
Le frustrazioni - II░
Quesiti - La deflorazione.
Far bene l’amore fa bene all’amore...e non solo
Quesiti - Il controllo e la gestione dell’ansia.
Ossessioni e dispercezioni.
Sua maestà... l’emozione!
Il presuntuoso negativo.
Ipotalamo, ipofisi e Sistema neurovegetativo.
Alfa 146 1.9 JTD 200 CV.
L’ansia e la paura.
La Trasgressione...
A proposito di presunzione...
Il Counseling....
Il perfezionista...
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione