HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Il cervello dei bambini Ŕ una spugna di apprendimento...
di Giorgio Marchese  ( direttore@lastradaweb.it )

11 settembre 2011



Ma non esageriamo, però!


 

Counseling News

"Un bambino dai tre ai cinque anni ha come la memoria di un computer, che assorbe tutto ciò che viene immesso. Per questo ha bisogno di vivere in mezzo alla gente, ascoltare racconti, vedere volti e colori, vivere sensazioni. Più gli si parla, meglio è".

Il commento di Italo Farnetani, professore alla Bicocca di Milano, si inserisce nel dibattito su quale sia l’età migliore in cui i bambini dovrebbero iniziare ad andare a scuola. A sollevare la questione, è uno speciale pubblicato sulla rivista Science.

Dagli studi scientifici, del resto, arriva una risposta: da zero a sei anni il periodo in cui il cervello è più fertile. La ricchezza di gesti ed espressioni del viso usati dai genitori con un figlio di 14 mesi influenza la sua proprietà lessicale a sei anni. E la ricchezza di vocaboli di un bambino di prima elementare permetterebbe di prevedere il suo successo all’università e nel lavoro.

"Nei primi quattro anni si raggiunge il picco di connessioni fra i neuroni. Il loro numero supera quello del cervello adulto" - illustra Pier Paolo Battaglini, direttore del centro per le neuroscienze "Brain" dell’universitàdi Trieste - "Dai quattro anni in poi le connessioni diminuiscono. Si mantengono solo le sinapsi più importanti".

Per questo, dalle ricerche sembra arrivare uno stimolo a rivedere l’organizzazione del percorso scolastico.

Negli Stati Uniti, ad esempio, la scuola anticipata è un concetto divenuto già realtà attraverso un apposito progetto: si chiama "Head Start" (ovvero, vantaggio in partenza) e coinvolge un milione di bambini disagiati di tre e quattro anni.

In Italia, invece, non sono ancora molto diffuse iniziative per la prima infanzia. Spicca, tuttavia, il programma "Nati per leggere" dell’Associazione culturale pediatri: i bambini, a partire dai sei mesi, vengono tenuti in braccio da uno dei genitori che per loro legge un libro ad alta voce. L’iniziativa ha avuto così tanto successo da incoraggiare un progetto parallelo: "Nati per la musica". Un’occasione per avvicinare i più piccoli alle melodie, che tra l’altro hanno il potere di determinare più adeguatamente, il ripristino di equilibri interiori.

In conclusione

Un adeguato sostegno di counseling familiare (inteso come strumento per conoscere e applicare metodologie educative efficaci) diventa, alla luce di quanto la scienza dimostra, utile e necessario. Infatti, se è vero che il bambino impara meglio da piccolo, è altresì reale la necessità di evitare di caricarlo di troppe informazioni che finirebbero per orientarlo in direzioni monotematiche, riduttive sul piano di un’educazione ad ampio respiro, in grado di rispettare tempi e interessi fisiologici. Quindi, cari genitori, dedicate tempo e amore ai vostri bambini... ma ricordate di rispettarli e, soprattutto, non incappate nell’errore di provare a realizzarvi attraverso di loro, spingendoli a fare ciò in cui voi non siete riusciti.

Buon lavoro!

Bibliografia

 

G. M. - Medico Psicoterapeuta / Counselor - Presidente Neverland (Scarl - No Profit - ONLUS)

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Aderenza terapeutica, un valore fondamentale.
Le malattie non vanno combattute.
Corso per Amministratore di Condominio.
Psicologi Vs Counselor?
SOS Terremoto.
Il disagio dell’incontinenza urinaria.
Alzheimer: una malattia da condividere.
Lance spezzate...
Conciliazione e benessere. Crescita e condivisione.
La famiglia Ŕ maestra di vita.
Mente & Dintorni.
Nella costellazione del counseling...
Uso e abuso della professione psichiatrica.
Varata la Carta europea dell’etica medica.
Il Counseling e la solidarietÓ verso i pi¨ deboli.
Natale di solidarietÓ.
Neverland (No Profit e ONLUS) e l’aiuto solidale.
Aiutare chi soffre...
Crisi economica ed esistenziale.
Corso di qualifica professionale per Counselor.
DELLO STESSO AUTORE
A proposito di presunzione...
Quesiti - La deflorazione.
Quesiti - Il controllo e la gestione dell’ansia.
Il rispetto, la stima, l’egoismo.
Perdersi, per poi ritrovarsi.
Come si rinnova l’amore?
Il nostro cervello...
Il mondo della Paura.
PermalositÓ, suscettibilitÓ e... offese facili!
Alfa 146 1.9 JTD 200 CV.
Far bene l’amore fa bene all’amore...e non solo
Padrone del tuo Tempo...
La Trasgressione...
L’ansia e la paura.
Il presuntuoso negativo.
Non arrenderti mai!
Neuroni e Nevroglia.
La biochimica delle emozioni.
Egoismo, altruismo e solidarietÓ contemporanea.
Ossessioni e Fobie.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione