HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Il coraggio di dire di no.
di Fernanda Annesi  ( fernanda_65@yahoo.it )

11 febbraio 2018






Veramente, è stata giocata anche l'ultima carta?


Pensieri degli anni difficili.

 

Mi connetto col momento. L’assurdo mi investe. Pareri contrastanti, un istante i cui è difficile trovare e mantenere l’equilibrio. Le immagini si susseguono, una dopo l’altra, velocemente sullo schermo della realtà che viviamo. Non c’è più spazio per potersi inserire.

Veramente è stata giocata anche l’ultima carta?

È sorprendente come le cose che ci ritroviamo a vivere nella nostra piccola e circoscritta quotidianità si proiettano in quella più estesa che riguarda il mondo intero. Quello che immediatamente ci sta più vicino. E ci avvolge.

Le analogie, i parallelismi tra quello che succede all’interno e all’esterno. Le proiezioni del proprio stato d’animo.

Quattro chiacchiere nel primo mattino. Le solite parole di cordialità, fino a quando...scatta qualcosa che mi impedisce di usare la delicatezza per indicare l’assurdità, viene spontaneo dirla tutta. Così com’è. E senza pentimenti.

Siamo strani!

Pronti ad esaminare con accuratezza le situazioni, a trovarne velocemente i punti che le fanno forti e quelle da fortificare e poi ci perdiamo nelle cose più banali. Che finiscono per essere le più importanti.

Rabbia. Non voglio in nessun modo essere fredda, lucida e razionale. Non mi arrendo ad un sistema che vuole, come sempre, il trionfo di chi la sa lunga, l’arresa di chi è partito sconfitto già dall’inizio e il disagio di chi ha detto di no.

È più facile restare che andare.

I programmi nel corso della vita. Mi convinco sempre più che è difficile progettarli troppo in là nel futuro, anche quando le sicurezze che si possiedono appaiono immovibili. Interviene l’imprevisto all’improvviso, ti costringe a fermarti bruscamente e a rivedere il tutto. Quello che è stato fino ad ora e ad ipotizzare quello che sarà.

Il coraggio di dire di no.

Disgustata, nauseata, completamente estranea all’avvenire degli eventi e con la certezza di volerne restare fuori.

Incomincia un nuovo percorso, fatto di dubbi e di incertezze, accompagnato dalla maturità e dall’esperienza, ma sempre condito di passione.

Basta sempre poco e finisco per perdermi nelle righe di un concetto che, partendo da un’intuizione, si estende e si dirama sconfinando oltre l’ovvio. Stimolando l’attenzione, solleticando la curiosità, il gusto di conoscere di più.

Vorrei fermarmi un solo istante. Vorrei poter accogliere le carezze calde di chi mi spinge a trovare la giusta direzione, di chi mi ha insegnato e da chi ho appreso. Forse una volta accettata la realtà diventa un po’ meno amara e più masticabile. C’è sempre qualcosa che mi sfugge intorno. Quando provo il tentativo di incontrare in un terreno privo di mine, ecco che ripiomba lo spettro della falsità e dell’arroganza. Nel modo meno delicato, a ricordare che, a questo mondo, è veramente difficile avanzare con le proprie forze se si vuole arrivare un po’ più in là. Il compromesso è in agguato dietro l’angolo. Pronto ad usare l’arma del ricatto, senza vergogne. Spudoratamente. E tu rimani così spiazzato che pensi sia impossibile si stia verificando quello che è agli occhi di tutti.

 A riportarmi coi piedi per terra interviene la saggezza del guerriero..., la riflessione di chi, esterno ai fatti, riesce a trasmettere e ad avere la verità, una verità. Anche solo con l’espressione dell’incredulità.

 

Libera, ricomincio a sentirmi libera.

 

 

Fernanda (23 febbraio 2011)

 

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Il dolore del distacco.
Il prezzo della diversitā.
Una pausa di riflessione...
Tutto al caso.
Con sentimento.
La costruzione.
Il novanta per cento.
La contraddizione calorimetrica.
Riflessioni.
In un battito di ciglia.
I migliori anni.
La necessitā di comunicare agli altri, con gli altri...
Sintonie.
Note di tenerezza.
Dalla finestra.
...che le cose possano cambiare...
La miracolistica quadratura del cerchio.
La lampada di Aladino.
Rileggo.
Due zingari...
DELLO STESSO AUTORE
Narciso e il caprone.
L’anima delle cellule.
Una giornata un po’ cosė...
Lā, dove nasce l’anima.
Una spugna inzuppata di sentimenti umani!
Su me stessa.
Per quello che non č.
Una vera relazione.
La trappola dei sensi di colpa.
Le risorse, dalle difficoltā.
Un po’ della stessa strada...
Il punto di non ritorno.
Zingarella.
In un battito di ciglia.
I miei passi.
Il principio dei vasi comunicanti.
Il chiarore prima dell’alba.
Silenzi.
Un po’ di fiducia.
L’occhio del ciclone.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lā del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lā - Curiositā
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunitā e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione