HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Controllo livello di attivazione pre-gara.
di Matteo Simone  ( 21163@tiscali.it )

2 maggio 2010






Come essere in flow.


Approfondimenti

Una difficoltà dell’atleta potrebbe essere di non sentire di avere l’attivazione ottimale per affrontare la gara e questo sicuramente può ingenerare una sensazione di malessere che si ripercuote negativamente sulla prestazione.

La richiesta dell’atleta potrebbe essere di continuare ad andare forte per sperimentare sensazioni piacevoli indescrivibili ma avere ottime sensazioni anche durante il pre-gara.

L’obiettivo dell’intervento potrebbe essere di contribuire ad un miglior stato di attivazione pre-gara ai fini di una sensazione autopercepita di benessere che possa portare ad uno stato di grazia (flow) per il conseguimento di prestazioni ottimali (peak performance).

Mihaly Csikszentmihalyi, professore presso il dipartimento di psicologia dell’Università di Boston, osserva come alcuni individui in certe particolari condizioni vengano completamente assorbiti dalla pratica di un’attività fino ad entrare in uno stato di leggera trance, ovvero in flow.

L’esperienza del flow corrisponde ad uno stato psicofisico ottimale: uno "stato di grazia" che rappresenta un elemento predisponente importante per il verificarsi delle cosiddette "peak performances" (prestazioni eccellenti) e si identifica con una particolare condizione in cui l’atleta è così coinvolto nel gesto agonistico in atto tanto da escludere dalla sua mente qualsiasi altra cosa sviluppando la massima attenzione e concentrazione.

Chi è nel flow:

- sente di essere completamente coinvolto, focalizzato, concentrato;

- sa che l’attività è fattibile e che le abilità che possiede sono adeguate allo scopo e saranno utilizzate al massimo;

- è assolutamente focalizzato sul presente;

- avverte un senso di "serenità";

- ha la sensazione di muoversi in armonia con l’attività intrapresa, come dentro una corrente, un flusso.

Hanin propone una teoria della relazione fra ansia e prestazione denominata IZOF (Individual Zone of Optimal Functioning)

Cosa si intende per IZOF

Individual: fa riferimento al fatto che la "Zona di Funzionamento Ottimale" è diversa per ogni atleta.

Zone: si tratta di un campo di valori e non di un valore unico superato il quale la prestazione decade.

Optimal Functioning: la prestazione ottimale è garantita da uno stato "ottimale" caratterizzato da: condizioni interne "ottimali", coinvolgimento "ottimale" dell’atleta, possibilità di accedere a e usare le risorse più adatte al compito.

Eventuali tecniche da utilizzare potrebbero essere:

  • Esercizi di Respirazione per agevolare un incremento di attivazione.
  • Esercizi di visualizzazione (rievocare le sensazioni provate in occasione di una gara andata particolarmente bene, al fine di predisporsi psicologicamente ad affrontare una nuova gara).
  • Elevazione della consapevolezza delle emozioni attraverso la descrizione di gare precedenti.
  • L’attivazione e l’emozione possono incidere negativamente sulla prestazione solo se l’atleta le interpreta negativamente, quindi lavorare sulla possibilità di poter provare ad accettare le proprie sensazioni anche in considerazione che le volte precedenti non hanno compromesso la prestazione.

Dott. Matteo SIMONE

Psicologo Clinico e dello Sport

Psicoterapeuta Gestalt

333.6955250 - 21163@tiscali.it

www.psicoart.it

Roma - Via Veio 52/B

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Il ruolo dell’allenatore...
Campionati Italiani Assoluti Badminton.
L’intervento psicologico in Abruzzo.
Quando la musica consola...
Lo stile di vita adottato.
Negli sport estremi...
Cittą per camminare...
Psico-considerazioni su alcuni atleti...
Le difficoltą di uno sportivo...
Manfredonia cittą dello sport...
Incontro psicologo - arbitri.
Adolescenza, attivitą motoria...
Le vibrazioni dell’anima...
Disability is not inability.
La condivisione di esperienze sportive...
Il trauma psichico.
Una questione di carattere - Parte Prima.
Lo psicologo dello sport...
La cineterapia
Gli alleati dell’atleta...
DELLO STESSO AUTORE
Doping.
L’atletica LA SBARRA...
Se il gioco diventa un problema...
Imparare dall’esperienza.
Le difficoltą di uno sportivo...
Intervista a Lisa Borzani.
Migliorare la prestazione con l’EMDR.
Campionati Italiani Assoluti Badminton.
La paura...
La condivisione di esperienze sportive...
Il trauma psichico.
L’intervento psicologico in Abruzzo.
Manfredonia cittą dello sport...
Incontro psicologo - arbitri.
Vivi ogni cosa...
Move Week...
Lo sport che ti fa sperimentare un mondo diverso...
Selfie & sport.
Alcool...
Negli sport estremi...
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lą del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lą - Curiositą
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunitą e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione