HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Quesiti legali-Indennitā di accompagnamento.
di Erminia Acri  ( erminia.acri@lastradaweb.it )

6 dicembre 2009



Occorre una domanda specifica o spetta comunque in presenza dei requisiti sanitari?



Egr. avvocato, a mia madre è stata riconosciuta l’invalidità civile al 100% ma non anche l’accompagnamento perchè, pure se gli stessi medici che l’hanno visitata hanno asserito che lei è in condizioni da meritare l’accompagnamento, non era stata presentata una richiesta apposita, con un apposito certificato, ma solo una domanda di aggravamento delle malattie per le quali già anni prima a mia madre avevano attribuito l’80% di invalidità. Vorrei sapere se è così o possiamo fare qualcosa per ottenere l’accompagnamento?”






La necessità di un’apposita domanda per l’attribuzione dell’indennità di accompagnamento risulta dalle disposizioni che la regolano, ossia dagli articoli 1 e 3 della Legge n.18/80, che così recitano:


Art.1: Ai mutilati ed invalidi civili totalmente inabili per affezioni fisiche o psichiche di cui agli articoli 2 e 12 della legge 30 marzo 1971, n. 118, nei cui confronti le apposite commissioni sanitarie, previste dall’art. 7 e seguenti della legge citata, abbiano accertato che si trovano nella impossibilità di deambulare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore o, non essendo in grado di compiere gli atti quotidiani della vita, abbisognano di un’assistenza continua, è concessa un’indennità di accompagnamento, non reversibile, al solo titolo della minorazione, a totale carico dello Stato, dell’importo di lire 120.000 mensili a partire dal 1° gennaio 1980, elevate a lire 180.000 mensili dal 1° gennaio 1981 e a lire 232.000 mensili con decorrenza 1° gennaio 1982. Dal 1° gennaio 1983 l’indennità di accompagnamento sarà equiparata a quella goduta dai grandi invalidi di guerra ai sensi della tabella E , lettera a- bis , n. 1, del decreto del Presidente della Repubblica 23 dicembre 1978, n. 915. La medesima indennità è concessa agli invalidi civili minori di diciotto anni che si trovano nelle condizioni sopra indicate. Sono esclusi dalle indennità di cui ai precedenti commi gli invalidi civili gravi ricoverati gratuitamente in istituto.


Art.3: Gli invalidi civili totalmente inabili per affezioni fisiche o psichiche di cui agli articoli 2 e 12 della legge 30 marzo 1971, n. 118, già riconosciuti tali all’entrata in vigore della presente legge, i quali ritengano di essere nelle condizioni previste all’art. 1, sono, a domanda, sottoposti a visita di accertamento, ai fini della concessione dell’indennità di accompagnamento, dalle commissioni sanitarie provinciali, entro sei mesi dall’entrata in vigore della presente legge. Per gli invalidi civili non ancora riconosciuti all’entrata in vigore della presente legge, all’atto dell’accertamento sanitario di cui all’art. 6 della legge 30 marzo 1971, n. 118, le commissioni sanitarie accertano l’esistenza o meno dei requisiti che danno diritto all’indennità di accompagnamento prevista dal precedente art. 1. I minori di anni 18 che si trovano nelle condizioni di cui all’art. 1 della presente legge vengono sottoposti ad accertamento sanitario, presso le Commissioni sanitarie di cui all’art. 7 e seguenti della citata legge 30 marzo 1971, n. 118, entro sei mesi dalla presentazione della domanda prodotta da chi ne cura gli interessi. Il diritto all’indennità di accompagnamento decorre dal primo giorno del mese successivo a quello nel quale viene presentata la domanda.


Inoltre, anche la giurisprudenza ha affermato che la presentazione di specifica domanda amministrativa volta al conseguimento dell’indennità di accompagnamento costituisce, unitamente ai previsti requisiti sanitari, un elemento necessario per l’attribuzione del beneficio, escludendo che tale domanda possa ritenersi compresa in quella diretta al conseguimento di altro e diverso beneficio (pensione di inabilità), ovvero nella presentazione, anche successiva alla domanda, di un certificato medico attestante l’aggravamento delle condizioni di salute verificatosi dopo la presentazione della domanda (sentenze Cassazione n.12643/98 e n.853/04) . Pertanto, l’unica soluzione, nel caso prospettato, è quella di presentare una specifica domanda amministrativa volta al conseguimento dell’indennità di accompagnamento con un certificato medico che attesti la necessità di assistenza per il compimento degli atti quotidiani della vita o per deambulare.





Erminia Acri-Avvocato

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Quesiti legali-Diatribe proprietario-inquilino.
Quesiti legali-Giudizio risarcimento danni per difetti di costruzione.
Quesiti legali- Spese condominiali.
Quesiti legali- Benefici connessi allo stato di invaliditā civile.
Quesiti legali-Validitā patente di guida.
QUESITI LEGALI-Pagamento contravvenzioni stradali.
Quesiti legali - Tassa per il passo carraio.
Quesiti legali-Somme percepite in pių sullo stipendio da un’insegnante.
Quesiti legali-Omessa comunicazione dei dati del conducente.
Quesiti legali- Segnaletica stradale e precedenza.
Quesiti legali- Amministratore condominiale e rendiconto.
Locazione ad uso commerciale e riscaldamento.
Quesiti legali-Come si suddividono le spese per consumo di acqua?
Quesiti legali-Colpa professionale.
Quesiti legali- Invaliditā civile: ricorsi e nuove domande.
Quesiti legali-Il fondo casalinghe.
Quesiti legali-Delibere condominiali.
Quesiti legali-La ripartizione delle spese nel condominio.
Quesiti legali-Abbandono tetto coniugale.
Quesiti legali-Benefici fiscali "prima casa”.
DELLO STESSO AUTORE
Quesiti legali-L’adulterio č un reato?
Quesiti legali- Segnaletica stradale e precedenza.
Quesiti legali - Parentela, affinitā e famiglia di fatto
Quesiti legali - Chi paga le spese condominiali?
Quesiti legali- Contratti di manutenzione ascensore di lunga durata.
Assegnazione posti auto nel cortile comune.
Diritto al mantenimento del proprio cognome nell’adozione
Quesiti legali-Persone con disabilitā e parcheggio in area condominiale.
Quesiti legali-Se il regolamento di condominio non viene rispettato....
Rapporto fra genitori e figli nel diritto di famiglia
Quesiti legali-Quando un figlio maggiorenne convive more uxorio....
Quesiti legali-Compatibilitā tra guida e psicofarmaci.
Il ruolo del socio accomandante nelle s.a.s.
Quesiti legali- Invaliditā civile e attivitā lavorativa.
Quesiti legali-Danni al cancello condominiale.
Quesiti legali-Spese straordinarie e locazione.
Quesiti legali - Cambio di abitazione o di residenza.
Una domenica ’lavorativa’
Titolo di studio estero.
Il diritto all’ambiente salubre
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lā del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lā - Curiositā
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunitā e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione