HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Gli Errori della Lingua Italiana - dalla lettera I alla lettera Q
di Maria Cipparrone&Laura Trocino  ( info@lastradaweb.it )

3 luglio 2003

Qualsiasi qualità è una qualifica, è un quid e non una quisquilia. Buona lettura.


DIZIONARIO DEGLI ERRORI

ALLA BASE DI UNA COMUNICAZIONE CORRETTA, CIOE’ UTILE E PROFICUA, TESA A VALORIZZARE E MIGLIORARE LE RELAZIONI UMANE, C’E’ LA CONOSCENZA DEI VOCABOLI E DEI TERMINI. DA TALE CONOSCENZA DISCENDE QUELLA FLUIDITA’ NELLE FORME ESPRESSIVE CHE E’ GARANZIA DI CHIAREZZA E DI ARMONIA NEI RISULTATI. QUESTA RUBRICA VUOLE PROPORRE, PER CHI RITIENE CHE L’IMPORTANZA DEL LINGUAGGIO VADA OLTRE UN USO PRAGMATICO E SIA SOPRATTUTTO ESPRESSIONE DEL PENSIERO, UNA SERIE DI INDICAZIONI PER EVITARE GLI ERRORI PIU’ FREQUENTI NELL’USO DEI VARI TERMINI.

  1. Iàto: successione di due vocali che si pronunciano in due distinte emissioni di fiato e formano così due sillabe distinte: es. le-o-ne. Per iàto s’intende anche l’incontro di due o più vocali tra più parole di uno stesso periodo. Es.: "e ha avuto".
  2. Ibidem: Termine latino che sta per "nello stesso luogo", si usa nelle citazioni successive di un testo già citato nella forma abbreviata: "ibid."
  3. Imbarcadèro: Un ibrido derivante dallo spagnolo "embarcadero". E’ termine molto usato, ma è meglio usare "molo, banchina, pontile".
  4. Immancabilménte: "Senza mancare mai". Non va usato con il significato di "certamente, senza dubbio, sicuramente".
  5. Immantinènti: Forma scorretta per "immantinente". Il significato è: subito, senza indugio.
  6. Immènso: Enorme, smisurato. E’ già superlativo, quindi è errato dire " più, meno immenso".
  7. Imparàre: Apprendere nozioni nuove mediante lo studio, l’esercizio e l’applicazione. Non ha il significato di "insegnare" e neppure di "avere notizia, venire a conoscenza".
  8. Impellicciàre: Coprire di pelliccia, da non confondere con "impiallacciare" che significa "rivestire un legno scadente con una sottile foglia di legno pregiato".
  9. Impossibilitàre: Non è scorretto come termine, ma "rendere impossibile, impedire" sono più appropriati.
  10. Imprestàre: Meglio prestare.

  1. Impudìco: Per indicare chi non ha pudore. E’ corretta tale forma e non "impùdico". Il plurale maschile è "impudichi".
  2. In: Preposizione semplice. Sia nella forma semplice che articolata ("nel, nello ecc") regge i complementi di modo, stato in luogo, moto per luogo, limitazione, materia e stima. Con i verbi all’infinito (es. "nel salutarti") forma espressioni sostitutive del gerundio ("salutando"). E’ meglio dire "vestito di nero" che "in nero", "nell’attesa" invece di " in attesa". In- è anche prefisso per nomi, aggettivi e verbi. Davanti a nomi ha valore privativo, es. "inodore". Davanti ai verbi il prefisso in- ha il valore di: dentro, verso, contro, sopra, es. "innalzare, imboscare, irrompere".
  3. Incàvo: E’ errato "ìncavo".
  4. Incoscènte: Il termine deriva da "coscienza", quindi la grafia corretta è "incosciente", che significa chi agisce senza la consapevolezza delle proprie azioni e delle loro conseguenze.
  5. Incùtere: Si usa correttamente solo se riferito ad emozioni improvvise quali paura, rispetto, soggezione, ansia, timore.
  6. Indomàni: E’ sempre preceduto dall’articolo determinativo, es: "l’indomani". E’ meglio usare "il giorno dopo o il giorno seguente".
  7. Infìdo: E’ errata la pronuncia: "ìnfido", anche se è la più comune.
  8. Infimo: E’ gia superlativo ed indica "l’ultimo di grado, valore e pregio". L’aggettivo contrario è "sommo, supremo".
  9. Inghìppo: Sinonimo di "truffa, inganno". Voce dialettale utilizzabile solo nel linguaggio parlato corrente.
  10. Iniziare: Verbo da usare sempre nella forma transitiva. E’ errato l’uso intransitivo. es. "il processo inizia alle 15,00". E’ corretta, invece, la forma:"il processo si inizia alle 15,00". L’uso improprio deriva dalla confusione dell’utilizzo di "iniziare" come se fosse "cominciare", che è invece sia trans. che intrans., es: "il processo comincia alle 15,00".

 

  1. Inqualificabile: Sinonimo di spregevole, infame, indegno, riprovevole, biasimevole.
  2. Insolvìbile: Il significato è "che non può essere pagato". Se riferito a persona è preferibile la forma "insolvènte".
  3. Instradàre: Per i puristi voce più comune di "istradare".
  4. Intenzionato: Si eviti l’uso delle espressioni "male intenzionato" e "bene intenzionato" e si usi "benevolo", "malevolo" "bene o mal disposto". Il termine usato come sostantivo indica "persona dubbia", "sospetta".
  5. Interessènza: Neologismo del linguaggio commerciale che significa: "partecipazione agli utili di un’azienda. In altri campi è meglio dire "utile, interesse, percentuale".
  6. Intermediàrio: Meglio utilizzare il termine "mediatore o intercessore se si intende "chi dirime contrasti".
  7. Interpetràre: Forma meno comune per "interpretare".
  8. Interpunzione: I segni di interpunzione sono: la virgola, il punto e la virgola, i due punti, il punto, il punto interrogativo, il puno esclamativo, i punti sospensivi, la lineetta, le virgolette, l’asterisco, le parentesi tonde, le parentesi quadre, il trattino.
  9. Interrogazione: Figura retorica che consiste nel rivolgere una domanda, non per averne risposta, ma per affermare con più forza il proprio pensiero, es: "ed ora che faremo, cosa decideremo?"
  10. Intiepidìre: Per la regola del dittongo mobile è più corretto "intepidìre", anche se meno comune.

  1. Intimidìre: Non è appropriato nel significato di "incutere paura, impaurire, minacciare". Il significato corretto è "rendere timido"
  2. Intra-: Prefisso di parole composte che non richiede il raddoppiamento. Es: "intravedere".
  3. Intrigàre: Voce dialettale lombarda per "intricare" (avviluppare, avvolgere). Da evitarsi nel senso di "interessare", "incuriosire", "allettare".
  4. Introitàre: Proprio del gergo commerciale che indica l’entrata in cassa di una somma. I sinonimi "riscuotere, incassare" sono di più vasta portata.
  5. Invéce: Si scrive in due parole se assume il significato di sostituzione: Es: "in vece" mia. Non si rafforzi con "ma" o "mentre", perché queste sono abitudini del linguaggio più familiare. E’ sufficiente anteporre "e".
  6. Io: Pronome personale di prima persona singolare con funzione soggettiva. Come tutti i pronomi personali, è meglio, ove possibile, sottintenderlo.
  7. -io (nomi in -io): Il plurale di tali nomi si forma nel modo seguente: 1) se la "i" non è accentata il plurale è in "i", es: "studio" plurale "studi"; 2) se la "i" è accentata il plurale è in "-ii", es: "brusio", "brusii". I verbi terminanti in -io con l’ accento sulla "i" della prima persona del presente indicativo, conservano la "i" anche se diventa atona nel corso della coniugazione.
  8. Iperbole: Consiste nell’esagerare in eccesso o in difetto una cosa allo scopo di dare risalto all’espressione, es: "scappò come il vento", "era stanca da morire".
  9. Irruènto: Di uso comune, ma è meno corretto di "irruènte"( chi entra in furia): In senso figurato è meglio "focoso, veemente, travolgente".
  10. Ispirare: Usato comunemente nel senso di "infondere nell’animo". Per indicare, invece, "introduzione di aria nei polmoni" si preferisce "inspiràre".
  11. Istallàre: Meglio "installare".

 


  1. Jeep: Deriva dalla sigla americana G.P. ("general purpose" (car), cioè veicolo di uso generale. Originariamente, il termine indicava un tipo di veicolo militare, mentre ora indica qualsiasi auto fuoristrada.
  2. Joint-venture: (locuzione sostantivata femm. invariante) Indica un tipo di associazione imprenditoriale finalizzata a realizzare un determinato progetto e, quindi, limitata nel tempo.
  3. Jungla: Grafia errata, coniata sull’inglese "jungle". In italiano si dice "giungla".
  4. Kafkiàno: Nel linguaggio figurato indica qualcosa di "assurdo e angoscioso", tipico e proprio dello scrittore cecoslovacco F. Kafka.
  5. Kamikaze: Il termine indica il pilota suicida giapponese nella seconda guerra mondiale. In senso figurato ci si riferisce a persona intenzionata a compiere a tutti i costi una determinata azione.
  6. Kìlo: Le forme "kilometro, Kilogrammo" sono scorrette; o si abbreviano in Km, Kg o si scrivono "chilòmetro, chilogràmmo".
  7. Kitsch: Termine tedesco entrato nell’uso per indicare "cosa di cattivo gusto", specialmente di tipo artistico.


  1. Làpis: Il termine indica la matita comunemente denominata.
  2. Lasciar perdere: Espressione del linguaggio comune meno corretta rispetto a "lasciar correre" e/o "lasciar andare".

  3. Làsso di tempo: Meglio dire "periodo di tempo".
  4. Lavàggio: Francesismo ormai entrato nell’uso. Sarebbe più corretto "lavatura".
  5. Lavandino: Voce dialettale di origine lombarda, ormai di uso comune. In italiano, il termine da usare è "lavello", corretto è anche "lavàbo" che, anticamente era una vaschetta di marmo che serviva ai monaci da lavamano prima della messa o della mensa.
  6. Leccòrnia: E’ errato, correttamente è "leccornìa"
  7. Légna: Nome collettivo usato al singolare. Il plurale è "le legna, le legne", poco usati entrambi.
  8. Legùme: Indica il baccello di certe piante dette "leguminose", dove i semi stanno raccolti, ed anche ciascuno dei semi stessi. Legumi sono i piselli, ceci, fagioli, lenticchie e fave. Evitare l’uso francese di legumi nel senso di "ortaggi" o "verdura".
  9. Lèi: Pronome personale di terza persona singolare, che svolge, ormai, funzione di soggetto. Si usa anche riferito a persona maschile. Si deve usare "lei" dopo "come, quanto, anche, neanche, nemmeno, neppure, pure".
  10. Lenzuòlo: Il termine ha due plurali: "lenzuola" indica il paio che si usa nel letto, "lenzuoli" indica un numero imprecisato.

 


  1. Lì: Va sempre accentato e si usa con i verbi di stato e di moto. Può sostituire "là" e può anche esservi contrapposto. Può essere rafforzativo di un nome preceduto da un aggettivo dimostrativo, es: "quel ragazzo lì".
  2. Lillà: Riproduce la pronuncia francese, ma la forma corretta è "lìlla" sia per indicare il colore che la pianta.
  3. Lìnea: Poco appropriate le locuzioni "in linea di", ad es. "in linea di principio, di fatto, di diritto" ed "in linea teorica". E’ corretto, inveve, dire: " per principio, secondo il fatto, secondo il diritto, in teoria".
  4. Liquerìzia: Variante popolare per "liquirìzia".
  5. Loro: Pronome personale di terza persona plurale, maschile e femminile. E’ usato nei casi indiretti e nel liguaggio familiare svolge anche la funzione di soggetto. Si usa anche al seguito di un verbo, es: "lo dicono loro". Ha funzione di soggetto se segue: "come, quanto" e gli avverbi "anche, neppure, nemmeno, neanche".
  6. Lòtto: E’ un termine improprio se si intende "porzione, gruppo, schiera". Propriamente indica l’omonimo gioco.
  7. Lùi: Pronome personale di terza persona singolare maschile. Si usa per i complimenti indiretti; nella lingua parlata si usa anche come soggetto e ciò è ammesso quando il soggetto segue il verbo o quando lo si voglia far risaltare per contrasto, es: "questo lo sa lui, tutti parlano, lui sta zitto." Si usa quando segue: "come, quanto, anche, neanche, neppure, nemmeno."
  8. Lungo: Forma parole come "lungomare, lungofiume ecc." Nella formazione del plurale "lungo-" rimane invariato.
  9. Lusingàrsi: E’ usato impropriamente nel significato di "sperare". Nel gergo commerciale si trova spesso: " Ci lusinghiamo di ottenere....." invece del più corretto "Confidiamo, speriamo di...."


  1. Macchiavèllico: E’ errato, la grafia esatta è "machiavellico".
  2. Macchina da cucire, da scrivere: Forme ormai invalse nell’uso, ma la forma corretta è "macchina per cucire, per scrivere".
  3. Maggiorare: Da usare solo nel linguaggio burocratico.
  4. Maggiore: E’ un comparativo, si esclude, pertanto, l’espressione: "il più maggiore".
  5. Magone: Forma dialettale usata nell’Italia settentrionale per: afflizione, affanno, tristezza.
  6. Mai: Avverbio che significa "in nessun tempo, in nessun caso".
  7. Maiuscola: Si usa la lettera maiuscola all’inizio di un periodo, con i nomi propri di persona, i nomi geografici, nomi di oggetti famosi, titoli, avvenimenti storici, opere d’arte, persone sacre, solennità religiose e civili, nomi di popoli. Si usa, inoltre, con i nomi di enti, associazioni, aziende e ditte. Le apposizioni "santo, via, mare" si scrivono con la maiuscola, anche se non è errato usare la minuscola. Gli aggettivi sostantivati derivanti da nome di luogo, che si scrivono con la maiuscola, si scrivono anch’essi con la maiuscola, es: gli Italiani.
  8. Màle: Avverbio. Il comparativo è "peggio", è errato: "più màle"...tranne quando "male" è in funzione di sostantivo: ha fatto "piú male" all’ufficio Carlo, in due giorni, che Francesco in 20 anni (precisazione a cura di Fausto Raso)

    .

  9. Mancàre: Verbo trans. E’ errata la costruzione transitiva con il significato di "fallire, non conseguire un intento". Invece di "mancare un colpo", si dirà "fallire un colpo".
  10. Manicùre: E’ la persona che cura le mani e non l’azione. Anche se comune, è errata l’espressione: "farsi il manicure", invece che "curarsi le mani". Lo stesso vale per "farsi il pedicùre".

 

  1. Mannàggia: Espressione meridionale da utilizzare preferibilmente solo nella lingua parlata ed in ambito strettamente familiare.
  2. Maràsma: Propriamente indica "il grave indebolimento dovuto a malattia o a vecchiaia", in senso figurato, invece, "decadenza morale". E’ errato usare il termine per indicare "confusione", "caos".
  3. Marcàre: "Segnare, contrassegnare con un marchio, bollare". Tale verbo non va usato come sinonimo di di "segnare, registrare, prendere nota, scrivere, annotare" o con il significato di "rimarcare la voce".
  4. Marrone: E’ errato usare al plurale tale termine. In "marrons glacès" si usa la parola francese.
  5. Marsàla: Si dice "il marsala", sottintendendo il vino.
  6. Mascherpone: Meno corretto di "mascarpone".
  7. Màssimo: Superlativo di "grande", in senso proprio e figurato.
  8. Match: Parola inglese di uso comune per indicare "incontro, partita, competizione." Da evitarsi gli ibridi francofoni "match clou" e "retour match".
  9. Mattina, mattino: In alcune locuzioni i due termini non sono intercambiabili, p.es. "domani mattina", "le ore del mattino".
  10. Me: Pron. personale di prima persona sing. Si usa nelle esclamazioni, in funzione predicativa dopo i verbi "parere, sembrare, essere", nei comparativi e quando è preceduto da "quanto" e "come" . Se il soggetto è "io" e viene espresso, si ripete "io" e non si usa "me". Se il verbo è di modo infinito si usa "io", es: "partito io, se ne andranno tutti".

 

  1. Media: Plur. masc. del latino "medium". I "media" (pronuncia: media) sono gli strumenti di divulgazione dell’informazione, cioè la stampa e la televisione.
  2. Mèglio: Comparativo di bene. E’ errata l’ espressione "più meglio".
  3. Menefreghìsmo: E’ un termine popolare che indica noncuranza, indifferenza, negligenza.
  4. Méno: Avv. E’ errato usare tale termine in proposizioni disgiuntive con il significato di "no". Per es. : " Dimmi se verrai o meno al cinema" anziché " dimmi se verrai o no al cinema". Inoltre, è errata l’espressione "a meno che", invece di "salvo che, purché non", nel significato di "eccetto, escluso"; Infine, è errato dire "quanto meno" al posto di "per lo meno".
  5. Mestièri: E’ una voce del dialetto lombardo, usata per indicare i lavori domestici.
  6. Metàfora: Si tratta di una figura semantica per la quale si trasferisce ad un vocabolo il significato di un altro. Per es.: "Quell’uomo è una lumaca". Al contrario, si avrebbe una similitudine se si dicesse: "Quell’uomo è lento come una lumaca".
  7. Mi, ti, ci, si, gli, vi: Sono particelle pronominali che devono mutarsi in "me, te, ce, se, glie, ve" quando sono seguite da "lo, la, le, ne". Per es.: "glielo dico".
  8. Mìca: Il termine è usato in modo corretto per rafforzare una negazione. Tuttavia, è d’uso comune l’espressione "mica male", che configura una litòte, cioè un giudizio affermativo espresso attraverso una negazione.
  9. Migliòre, miglioràre: Sono errate le espressioni "più migliore"e "migliorare di più".
  10. Minàre: Il termine significa "porre mine". Talvolta è usato in senso figurato, con il significato di "distruggere poco a poco".

 

  1. Modìfica: E’ il troncamento di "modificazione", che è voce più adeguata nella prosa letteraria.
  2. Munìre : Il termine significa propriamente "fortificare"; per est., indica "fornire, provvedere, ma con un implicito significato di difesa. Pertanto, è improprio usarlo in frasi come "munire di firma una lettera", sarà più corretto dire " firmare, provvedere di firma".
  3. Mùschio: In senso proprio, è la secrezione di ghiandole di animali maschi. Nell’accezione, più comunemente usata, di "vegetali dei luoghi umidi", come ad esempio i licheni, è più corretto usare il termine "musco".
  4. Mussulmàno: Questa voce è accettabile, ma meno corretta di "musulmàno". Deriva dall’arabo - persiano "musliman".
  5. Ne: Particella atona che assume vari significati, svolgendo diverse funzioni.
  6. 1) Ha valore di avverbio di luogo, quando sottintende "da questo, da quello". Per esempio: "me ne andai". 2) E’ usato per sostituire "di lui, di lei, di loro, di ciò, di questo, di quello". Es.: "se ne discute tutti i giorni". 3) Può avere un semplice valore pleonastico. Es.: "ne vengono turisti in questa città!". 3) Può essere usato per rafforzare alcuni verbi, come "andarsene, fuggirsene ecc.". 4) In altri casi, si usa prima del verbo (per es.: "non ne desidero"), oppure dopo (es: "non riesco a venirne a capo").6) Infine, si unisce ad altre particelle a formare "me ne, te ne, se ne, gliene, ve ne".

  7. Né: Significa "e non". Si usa per coordinare due proposizioni negative oppure due espressioni di una medesima proposizione negativa. Si pone sempre davanti al termine che si vuole negare. Se unita a "meno, pure, anche" ,forma gli avverbi "nemmeno, neppure, neanche". Molto spesso, si sottintende il primo di due né correlati. Per esempio: "non voglio acqua, né birra".
  8. Necessitàre: E’ errato usare questo verbo con valore intransitivo. Per es.: "non mi necessitava nulla". In tal caso, è meglio utilizzare "occorrere, aver bisogno". Nella forma impersonale è più esatto dire "è necessario, occorre".
  9. Negàre: E’ da evitare l’espressione "mi son fatto negare", invece di "ho fatto dire che ero assente".
  10. Neòfita (anche neòfito): E’ colui che ha abbracciato, in senso proprio, una nuova religione; in senso figurato, una nuova causa.
  11. Nessùno: Se il termine segue il verbo, richiede la negazione. Per esempio: "non ho interpellato nessuno". Invece, se precede il verbo, è sufficiente per esprimere l’idea negativa. Es: "nessuno è contento". Segue le medesime regole ortografiche che regolano gli articoli "un, uno, una".

  1. Nevicàre: E’ corretta sia la forma "è nevicato" sia "ha nevicato".
  2. Niènte, nulla: Se seguono il verbo richiedono la negazione: "non ho chiesto niente". Se, al contrario, precedono il verbo sono sufficienti per esprimere l’idea negativa: "Nulla è perduto".
  3. Nòcciolo, nocciòlo: Il "nòcciolo" è nel frutto; il "nocciòlo", invece, è l’arbusto che produce le nocciòle.
  4. Nomi di parentèla: In genere, non si usa l’articolo con i nomi che indicano una parentela stretta e che sono preceduti da un aggettivo possessivo (tranne nel caso di "loro"). Se, invece, il nome è usato come accrescitivo, vezzeggiativo o diminutivo l’articolo si usa. Con i nomi "mamma, papà" l’uso dell’articolo è libero.
  5. Nomi propri: E’ errato l’uso dell’articolo con i nomi propri di persona. Al contrario, i nomi propri geografici sono preceduti dall’articolo, tranne quando sono usati come complementi di specificazione: "la regina d’Inghilterra". Inoltre, l’articolo non viene espresso quando il nome geografico costituisce complemento di moto a luogo o di stato in luogo ed è, pertanto, preceduto dalla preposizione in.
  6. Nomi stranièri: Al plurale rimangono inalterati.
  7. Non c’è di che: E’ più corretto dire: "di nulla, non è nulla".
  8. Nonché: Significa "tanto più, tanto meno, molto più, molto meno". Se è correlato con "ma" significa "non solo, non solamente". Nel linguaggio comune si usa per indicare "oltre che, e anche, e inoltre".
  9. Normalmente: In genere si abusa di questo avverbio per intendere "abitualmente, solitamente, di solito". E’ più esatto usarlo nel senso di "secondo la regola, di norma".
  10. Notìfica: Il termine indica "notificazione, comunicazione".

  1. Obbedìre: E’ più comune l’uso della forma "ubbidire".
  2. Obbiettivo: Non è scorretto, ma meno comune di "obiettivo".
  3. Oberàto: E’ improprio l’uso del termine con il significato di "sovraccarico". Infatti, deriva dal latino "oberatum" che significa, più esattamente, "carico di debiti, indebitato".
  4. Olimpionico: Il termine indica il vincitore delle Olimpiadi. Come aggettivo è poco usato; è molto più comune, infatti, "olimpico".
  5. Oltre: E’ seguito dalla preposizione "a" quando sta ad indicare "più che, per di più". Si usa, al contrario, senza alcuna preposizione col valore di " ancora, di là, avanti". Es.: "non conviene andare oltre".
  6. Onde: 1) E’ un avverbio di luogo che indica provenienza. Es.: "Torna onde (meglio "donde") sei venuto. 2) E’ anche congiunzione con valore conclusivo. Es.: "Ti ho lasciato le istruzioni onde tu possa proseguire da solo". E’ errato far seguire l’infinito.
  7. Onorificènza: E’ scorretto l’uso del termine "onoreficènza".
  8. Onta: E’ corretto utilizzare l’espressione "a onta di" quando si vuole esprimere l’idea di "oltraggio, disonore, vergogna".
  9. Orgàndis, orgàndi: E’ più esatto il termine "organza" per indicare la leggera mussola di cotone o di seta.
  10. Ossequiènte: Il termine è da evitare. E’ più corretto l’uso di "ossequènte".

  1. Ottimo: Superlativo irregolare di buono; E’ errato dire "più ottimo".
  2. Ovunque: Avverbio relativo di luogo, più letterario di "dovunque". In quanto avverbio deve essere sostenuto da un verbo e significa "in qualunque luogo dove". E’ scorretto l’uso di questo termine con il significato di "dappertutto".
  3. Pacère: E’ espressione molto rara per indicare "pacière".
  4. Pàio: Al plurale si dice "paia".
  5. Palpitànte: E’ da evitare l’uso della locuzione "di palpitante attualità"; si dica, invece, "viva, vivissima attualità".
  6. Pancèra: E’ termine meno corretto di "pancièra".
  7. Panetterìa: Voce dialettale che sta per "panificio".
  8. Pànfilo: E’ scorretta la pronuncia "panfìlo". Il termine indica l’equivalente italiano di "yacht".
  9. Panico: Si tratta di un aggettivo, anche se, spesso, viene utilizzato impropriamente come sostantivo.
  10. Pantalòni: E’ sinonimo di calzoni che, comunque, è termine più appropriato.

 

  1. Paràcqua: E’ voce dialettale usata al posto di "ombrello".
  2. Passìbile: Il termine appartiene al gergo legale e significa "soggetto a, punibile, condannabile".
  3. Passività: E’ proprio del linguaggio amministrativo. Sarà meglio dire "debito, disavanzo, passivo".
  4. Pàttino, pattìno: Il primo è l’attrezzo che consente di pattinare. Il secondo indica l’imbarcazione.
  5. Pèggio, peggiòre: Sono comparativi irregolari di "male e cattivo". E’ errato dire "più peggiòre".
  6. Pelàre: E’ errata l’espressione "pelar patate, pomodori...". Il termine, infatti, non significa "sbucciare" ma "privare del pelo".
  7. Pelleròssa: Al plurale masc. si può usare sia i "pellirosse" sia i "pellerossa". Al singolare può trovarsi anche il "pellirossa".
  8. Percorrènza: E’ un termine proprio del linguaggio ferroviario, sinonimo di "percorso".
  9. Perequàre: Si tratta di un latinismo. E’ meglio dire "pareggiare, distribuire equamente, uguagliare, proporzionare".
  10. Perfettaménte: Al posto dell’espressione "perfettamente inutile", è più corretto usare "assolutamente, del tutto inutile". Inoltre, in caso di risposte esclamative che indichino approvazione, è meglio dire "benissimo, certamente, precisamente...".

  1. Perìfrasi: E’ una figura retorica che consiste nell’esprimere un concetto mediante un lungo giro di parole. E’ anche detta circonlocuzione.
  2. Periziàre: Si usa nel linguaggio burocratico nel senso di "stimare, valutare, giudicare".
  3. Pèsca, pésca: Il primo termine indica il frutto; l’altro, l’atto di pescare.
  4. Pèssimo: E’ il superlativo irregolare di cattivo. In molti casi si usa "cattivissimo".
  5. Pèzza: Il termine è proprio del linguaggio burocratico. Per es. "pezza giustificativa...".In altri campi è meglio usare "documento di prova, atto annesso".
  6. Piòvere: Con i verbi meteorologici (piovere, nevicare, ecc.) si può usare tanto l’ausiliare essere quanto avere. Si adopera ’essere’ in modo indeterminato (oggi ’è’ piovuto); ’avere’ quando si specifica la durata del fenomeno (oggi ’ha’ piovuto dalle 16.00 alle 20.30.
  7. Più: E’ errato dire "più tanti, più pochi" al posto di "di più, di meno". E’, altresì, errato dire "più ti parlo e meno mi dai retta", invece di "quanto più ti parlo, meno mi dai retta". Ancora, non è corretto dire "peggiorare, migliorare di più".
  8. Plebiscitàrio: Aggettivo qualificativo che deriva da plebiscìto. In senso più esteso, il termine significa "unanime, universale", ma è un uso improprio.
  9. Plèiade: E’ errato usare il termine al posto di "pletora" con il significato di "moltitudine, miriade". Al contrario, va riferito a "pochi eletti individui".
  10. Pleonàsmo: E’ una figura grammaticale che consiste nell’inserimento, in una proposizione, di una o più parole che non sono grammaticalmente necessarie. Per es: "sali su".

 

  1. Plurale dei nomi: Di norma il plurale si forma mutando la desinenza. I nomi maschili terminanti in "a", i maschili e femminili in "o" e in "e" prendono la desinenza in "i". Invece, i nomi femminili che terminano in "a" prendono al plur. la desinenza in "e". Alcuni nomi femminili in "ie" rimangono invariati al plurale. Per es. "serie".
  2. Pòco: Si può troncare in "po’".Il superlativo è "pochissimo"; per il comparativo, invece, si ricorre a "meno". E’ errato dire "poco a poco" invece di "a poco a poco".
  3. Polarizzare: E’ più corretto dire "rivolgere, indirizzare, dirigere, orientare", a seconda del contesto.
  4. Pomodòro: Al plurale, la forma più corretta è "pomodori" e non "pomidori.
  5. Praticaménte: E’ consigliabile evitare l’abuso di questo avverbio; talvolta, lo si può tralasciare.
  6. Presènza: E’ impropria l’espressione "in presenza di". Sarà meglio dire "davanti, in considerazione, considerando che".
  7. Presèpe: La forma più corretta è "presèpio".
  8. Presièdere: Questo verbo si costruisce sia transitivo che intransitivo. Per es. "presiede i lavori, presiede ai lavori".
  9. Pretenziòso: E’ meglio usare la forma "pretensiòso", per indicare una persona piena di pretese.
  10. Preterintenzionale: Il termine è usato esclusivamente nell’ambito giuridico - penale e significa letteralmente "oltre l’intenzione".

  1. Prevenire: E’ bene non dare a questo termine il significato di "avvertire, avvisare".
  2. Previamènte: Si tratta di un avverbio usato nel linguaggio burocratico che vuol dire: "in anticipo, prima".
  3. Pròdromo: Il termine significa "segno precorrente". In medicina, specialmente al plurale, indica i "sintomi che precedono una malattia".
  4. Prole: E’ l’insieme dei figli di una famiglia. Non ha plurale.
  5. Prolèssi: 1) E’ una figura retorica che consiste nell’anticipare, nel discorso, un’obiezione per subito confutarla (es. "Chiacchiere, mi dirai, ma sono necessarie"). 2) Figura grammaticale, caratterizzata dall’anticipazione, in un periodo, di uno o più termini che dovrebbero venir dopo, al fine di evidenziarli maggiormente (es. "Per punirti, stasera ti lascerò a casa").
  6. Propinare: Il termine si riferisce solo a bevande, non a cibi, e significa "dare, offrire, versare" anche insidiosamente.
  7. Proprio: E’ errato dire "propio".
  8. Punto: Quando il termine è usato con il significato di "per niente", è preceduto dalla negazione (es. "non mi piace punto").
  9. Qua: E’ un avverbio di luogo che indica, appunto, luogo vicino a chi parla. E’ rafforzativo dell’aggettivo "questo" ed è rafforzato dalla locuzione "ecco". E’ errato accentarlo.
  10. Qualche: Si tratta di un aggettivo indefinito e invariabile. E’ sbagliato usarlo in proposizioni negative.

 

 

 

 

  1. Quale: Non si apostrofa mai. Si usa "qual" che è un troncamento. Preceduto dall’articolo determinativo forma i pronomi personali. E’ aggettivo interrogativo. Si usa anche nelle esclamazioni e in correlazione con "tale". E’ errato dire "vengo quale rappresentante", al posto di "come rappresentante".
  2. Qualìfica: E’ più corretto usare il termine "qualificazione".
  3. Qualità: E’ sbagliato dire "nella qualità di, in qualità di", al posto di "come, con il grado, incarico, funzione".
  4. Qualsiasi: E’ un aggettivo indefinito, composto da un verbo "quale che sia", che, pertanto, non può reggerne altri. Non è esatto dire "Devi farlo, qualsiasi sia la tua opinione", invece di "qualunque sia la tua opinione".
  5. Qualunque: Aggettivo indefinito invariabile. Quando è posposto al nome, ha una connotazione negativa. Es.: "Un uomo qualunque". E’ anche aggettivo relativo, per cui può reggere un verbo. Es.: "Voglio essere informata, qualunque decisione tu prenda".
  6. Questi: 1) Innanzitutto, indica il plurale maschile di questo; 2) Si usa, inoltre, al maschile singolare in funzione di pronome soggetto. Es.: " Questi è il mio migliore amico".
  7. Quid: E’ una voce latina che vuol dire "qualcosa, un che".
  8. Quisquìlia : Il termine significa "sciocchezza, bazzecola". E’ errato dire "quisquìglia".
  9. Quorum: E’ voce latina che indica il numero dei votanti necessari perché sia valida una votazione.

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Gli Errori della Lingua Italiana - A/H
Gli Errori della Lingua Italiana - dalla lettera R alla lettera Z
DELLO STESSO AUTORE
Gli Errori della Lingua Italiana - dalla lettera R alla lettera Z
Attenzione all’intermediazione immobiliare.
Le parole difficili della lingua italiana - lettera C -
A Scuola ed all’Università: modalità d’uso.
Una polizza per viaggiare più sicuri
Come sopravvivere in caso di Black Out
Rendersi visibili?allunga la vita
Prezzi più elevati con la Moneta Unica
Multe non valide se mancano i verbali
Arrivano i saldi:vademecum per i consumatori
Un passo avanti contro il fenomeno della pirateria
Basta con lo Spamming!
4 anni di reclusione se si scarica da internet...
Piccoli Grandi Guai sul Fronte delle Bollette:
Via alla class action!
OGM: da oggi obbligatorie le etichette trasparenti
Come spendere meglio...
Acqua potabile o minerale? Questo ? il dilemma...
Casa in affitto per le vacanze
Consigli per una vacanza più consapevole
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione