HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Come si crea la passione erotica?
di Giorgio Marchese  ( direttore@lastradaweb.it )

11 maggio 2018



Per non annoiarsi, bisognerebbe...


Quesiti

Su alcuni testi definiti erotici, la cui finalità dovrebbe essere quella di migliorare l’intesa sessuale, si precisa che il cervello è in realtà la parte più erotica del proprio corpo e che lo stimolatore più potente è l’immaginazione, tanto che suggerisce di esercitarsi nell’arte ’dei preliminari mentali’ e di dare da pensare al proprio partner qualcosa che gli metta addosso la frenesia, che gli dia un’erezione. E’ corretto questo suggerimento e come andrebbe attuato per non scadere in eccessi che potrebbero dare fastidio all’altro e far risultare non naturali, non spontanei?

Marta F.

 

Cara Marta, la migliore risposta a questo interessante quesito, consiste nel proporre un brano del libro di Luciano de Crescenzo (il caffè sospeso - Mondadori ed. 2008)

 

Da che cosa dipende il calo della libido delle nuove generazioni? Non lo so, non sono un esperto in materia. Al massimo potrei definirmi un dilettante, nel senso letterale del termine. Provo quindi ad avanzare solo delle ipotesi, e a tale proposito cito due versi di un’antica canzone napoletana: "Le tue trezze nere me mettono / int’o core mille male pensiere". Ora la mia tesi è che i "male pensiere" (e con essi il testosterone) siano direttamente proporzionali alle difficoltà che s’incontrano nel convincere l’altro sesso. L’erotismo, in altre parole, sarebbe una molla che scatta solo se qualcuno, in precedenza, ha provveduto a comprimerla.

Dicevano i futuristi: "Perché solo la Vista e l’Udito debbono godere dell’arte? E il Tatto? Che vi ha fatto di male il Tatto per privarlo dei piaceri estetici?". E s’inventarono le mostre tattili, ovvero rassegne di opere che si potevano solo toccare. Il visitatore immergeva la mano in uno scatolone di legno ed entrava in contatto con il capolavoro. Fuori il titolo (L’Eternità, L’Invidia, L’Infinito) e dentro l’opera (uno strato d’ovatta, una spazzola, una pezza bagnata). Una delle opere era intitolata Erotismo, e fu grazie a essa che riuscii, finalmente, a capire il mistero del sesso. Si trattava di una tavoletta di gomma, quadrata, larga all’incirca quaranta centimetri per quaranta e alta cinque. Nella gomma erano stati praticati trentasei buchi, tutti in fila per sei. Su un cartello si leggeva: "Introducete un dito nel buco preferito, facendo attenzione, però, perché in uno dei buchi è nascosto un chiodo rivolto verso l’alto". Infilai subito l’indice nel primo foro in alto a sinistra e, non trovando nessun chiodo, proseguii, con cautela, a esplorare tutti gli altri pertugi. Più andavo avanti e più avevo paura di pungermi. Solo alla fine, quando mi resi conto che non c’era nessun chiodo, capii il messaggio dell’artista.

L’erotismo è una stanza buia dove si entra con molta curiosità e con un pizzico di paura, è il possesso della persona amata unito all’ansia di perderla, è la continua ricerca del limite. Se invece accendiamo la luce, sparisce tutto il piacere e con esso anche l’erotismo.


La verità è che, come ho avuto di scrivere in altri articoli, un uomo ed una donna si cercano, si scontrano, si "prendono", perché hanno bisogno di nutrirsi delle rispettive peculiarità, per arricchirsi della diversità ed aumentare il patrimonio di esperienza da spendere, per godere del "momento"... sempre più! Raggiunto l’appagamento, fisiologicamente sopravviene quella condizione che i filosofi chiamavano aporèin (distacco dalle passioni). A questo punto, i più, credono che, per rinnovare i tumulti dell’animo si debba andare alla ricerca di altri partner, più "freschi"; i "più in gamba", invece, hanno capito che bisogna puntare sulla costruzione di un amore in grado di esplorare tutti i reconditi dell’animo umano, per far vibrare ogni microparticelle subatomica: solo con un partner stabile, si possono creare quei presupposti di conoscenza per "sapere" e "saper fare"!

Probabilmente è vero ciò che disse Friedrich Nietzsche: "Nel vero amore... è l’anima che abbraccia il corpo".

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
La Trasgressione...
La determinazione e lo sviluppo sessuale.
La trasgressione, il sesso e l’orgasmo...
Disturbi di identità di genere.
L’uomo ideale...
Ancora...
Amore e Passione.
Quesiti - Luoghi comuni...
Ode ai miei piedi.
Il sigaro...
Turbamenti.
Il piacere delle donne.
Sessualità: erotismo o pornografia?
Quesiti - La deflorazione.
Essere spontanei...
Identità e orientamento sessuale.
DELLO STESSO AUTORE
Stress...
Quesiti - La deflorazione.
Tessuto Nervoso.
Capire l’antifona - Lettera F.
Paura, autostima e sensi di colpa...
Il Pensiero e la coscienza di sé.
Vivere...
La biochimica delle emozioni.
Il mondo delle emozioni.
A come Amore.
SOS ALZHEIMER e Counseling solidale.
Come capire e vivere meglio l’amore
La forza della vita.
Il senso della vita. L’autoaffermazione.
Rimorsi, rimpianti, sensi di colpa.
Il nostro cervello...
Vigilanza, attenzione, concentrazione e riflessione.
L’età della saggezza.
La solitudine.
L’arte del pensare.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione