HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Sfatare i luoghi comuni.
di Vincenzo Andraous  ( vincenzo.andraous@cdg.it )

25 novembre 2007

Romeni, Sinti, migranti, nomadi, perseguitati, parti di uno stesso universo, ma distanti e differenti tra loro, una umanità non convergente ma diametralmente. Come operatore sociale ho visto, ho ascoltato, ho toccato con mano il degrado umano, quello con l'alzo zero nei riguardi di una dignità colpita a morte. Come uomo della strada ho osservato il cambiamento indotto nelle persone dalla miseria, fino a farle diventare marionette in balia del più prepotente. Come cittadino abituato a leggere la realtà che vivo, non posso non obiettare per quella letteratura di sinistra, e quell'altra non meno deleteria di destra, che vorrebbero sindacare l'indicibile, che vorrebbero programmare il vuoto di valori, e progettare futuro, senza però fare i conti con il passato. Popoli migranti con tradizioni e culture, con il proprio carico di disperazione e violenza insita nei bisogni disattesi, popoli e persone non meno malavitose di altre, in guerra tra poveri non meno di altri. Fare sociologia di comodo è affermare che tutti i Romeni rapinano, che i Sinti sono tutti ladri, che i Rom sono l'ultima linea non più sanabile della convivenza civile, una etnia a parte, addirittura esclusa dai soliti esclusi. Forse è davvero così, ma i fatti di sangue che hanno scatenato la caccia all'uomo nomade o stanziale che dir si voglia, sono accadimenti gravi non perché... PER LEGGERE TUTTO IL TESTO, CLICCARE SUL TITOLO


...commessi da un miserabile per giunta straniero, sono gravi perché si tratta di reati incomprensibili e quindi inaccettabili, sono gravi perché partoriti nel degrado, deprivato di ogni valore umano finanche il proprio nucleo famigliare. Quando a Napoli si legano e torturano a morte due anziani pensionati inermi per estorcere loro del denaro, e a Roma si violenta e si " butta via " a morte una donna indifesa, l’infamia è identica, e non cambia di una virgola, con la differenza che a Roma s’è scatenata la voglia pazza di rogo, mentre a Napoli s’è verificata poco meno di una alzata di spalle. Da uomo avvezzo al vicolo cieco, debbo dire che l’ingiustizia sta tutta nel dimenticare che non esiste preferenza o privilegio per quanti agiscono senza possedere neppure un vago senso della dignità, per quanti non conoscono traccia di compassione. E’ necessario sfatare i luoghi comuni, non cadere nella pratica del licenziare un problema, lasciandone aperti altri, peggiori, come l’accettazione di campi e baracche del crimine, o altre "periferie" esistenziali dove nascondere l’irripetibile. Risolvere la questione significa rimuovere le cause, forse occorre non rimanere indifferenti fino a quando la prossima tragedia ci toccherà nuovamente da vicino, forse occorre non consentire più forme di segregazione sociale, e fare accoglienza dove è davvero possibile, e costruire promozione umana nel riconsegnare autorevolezza alla norma scritta, quella che tutela la persona normale, con la propria dignità, e colpisce chi non s’adegua al rispetto degli altri.

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Autostrada a canne mozze!
Mare... d’amare?
Dolce estate.
Da Report a Blade Runner.
Quel pasticcio chiamato QMO...
Chi voter˛...
A te che navighi su Internet !!!
Potere e volere....
Al voto, al voto!
Una su tre...
Ragazzi, la vita non e’ un palcoscenico!
Ferie e intemperie.
Quanto ci costa?
Professori di musica!
Alla scuola delle emozioni.
Giustizia che trasforma.
Africa, bel suol d’amore...
Scioperi...
Il male di vivere
Speriamo nelle colombe!
DELLO STESSO AUTORE
Il massacro degli innocenti.
Una promessa importante.
Un video per un mondo di pace
Potenti ruggiti o solo vagiti?
Liberare la libertÓ.
Dall’angolo dove ci si dimentica del loro valore.
Famiglia... Scuola...
Io, ho smesso di fumare!
Violenza spicciola, che fa male...
Il falco dagli occhi lucidi.
Al voto, al voto!
Era uno di quelli...
La comunitÓ: un nuovo stile educativo.
Clemenza, per il popolo degli sconfitti.
Disconnessioni mentali.
Un intruso gioca con la tua vita.
Vittime... O Carnefici?
SocietÓ...
La condanna del silenzio.
Domanda di Grazia a Ges¨.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione