HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Un essere vivente davvero speciale.
di Vincenzo Andraous  ( vincenzo.andraous@cdg.it )

27 novembre 2017






"Non so chi dei due abbia trovato l'altro..."


 

LUCI NEL BUIO

Me ne sto seduto sul divano a guardare la televisione, mi passano davanti immagini di animali destinati all’estinzione, animali trattati con disattenzione, animali abbandonati sul ciglio della strada. Un brivido mi scivola giù per la schiena, freddo come la paura causata dall’impotenza, mentre accovacciato tra i miei piedi, il mio cane dorme e non fa caso allo sferragliare dei miei pensieri.

Il mio cane non ha nobili tradizioni da sventolare, né casate da tramandare, non è padre altero, né figlio prediletto, non è il primo della fila, forse è l’ultimo della classe mal raggruppata. E’ solo un cane a cui è stata tolta a forza la storia di ieri, concedendogli con aristocratica parsimonia la sopravvivenza in un maledetto canile, affinché la memoria gli fosse cancellata tra stenti e abbrutimenti.

Il mio cane è una bandiera che sventola i suoi ciuffi di simpatia a chi gli regala una carezza, non diffida né digrigna i denti quando incontra gli uomini, non ha smania di possesso con i suoi simili, ama i bambini ed i gatti dispersi sulla strada, non ha odio né rancore nello sguardo, neppure desiderio di rinnegare ciò che lo ha attraversato.

Tra le curve della mia ira per chi ha abbandonato una bestia così umana, rimango persino perplesso per la possibilità di scacciare tanta speranza e fiducia. Ma forse la mia ira è sul serio mal spesa, perché di certo chi l’ha abbandonato è davvero un bastardo, per di più è uno scemo nel non sapere cosa ha perso.

Non so più se è lui il vero trovatello, chi dei due ha trovato l’altro, o chi ha trovato cosa.

Sono sereno nel sentirlo felice, mi sento bene del suo bene, e mi rendo conto che il mio cane non è uno slogan, non è il risultato di un programma ben architettato per indurre a fare accoglienza.

Se ne sta al mio fianco insegnandomi il valore di quell’attenzione sensibile che non è solo la somma egoistica di una attenzione accudente - protettiva, bensì è attenzione per l’altro che mi cammina accanto, sia esso a due o quattro zampe. Il mio cane è parte che mancava all’appello nelle mille orme che lascia dietro di sé, mentre poggia il passo sulla mia via.

"Beati gli ultimi perché saranno i primi" ci ha detto Qualcuno qualche secolo fa, allora a ben guardare, il mio cane è fatto apposta per meritare la mia fiducia, perché non ha dimenticato il senso del suo esistere quando gli è stata depredata l’identità, e tanto meno oggi che l’ha ritrovata non richiama spiriti di vendetta. Mi guarda e mi regala una leccata a tutto tondo sulla faccia, perché sa che non sarà mai più un cane perduto senza collare.

Vincenzo Andraous Educatore e Counselor (30 dicembre 2006)

Responsabile Centro Servizi Interni - Comunità Casa del Giovane - via Lomonaco 43 - Pavia 27100

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Societą...
Riconciliazione.
Abrogare la riforma penitenziaria?
Donne e bambini al macero...
Giubileo...
Indulto e progetti inevasi...
E’ uno di quei giorni...
Il popolo del volontariato.
La svuota carceri.
Grazia... in offerta speciale!
A Noi... e non agli Altri !
Vogliamo vedere Gesł!
Domanda di Grazia a Gesł.
La guerra degli innocenti.
Quella pedata...
Applausi a mani nude.
Disvalori dell’indifferenza.
L’infamia pił grande...
NO DROGA... NO PARTY!
Mia figlia non c’č pił.
DELLO STESSO AUTORE
Bullismo...
Quando la dignitą viene dimenticata.
La giustizia giusta.
Finita la festa ...
Crimini e Minori.
Non č possibile omologare alcuna violenza.
Caro Presidente...
L’infamia pił grande...
Macerie umane e speranze.
Un uomo in vendita.
Angelo, č quello che noi non siamo.
Un video per un mondo di pace
Vogliamo vedere Gesł!
Abrogare la riforma penitenziaria?
L’accettazione di una possibile trasformazione.
Dall’ultima fila...
I bambini non si toccano mai.
Giubileo...
Quella pedata...
Al voto...
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lą del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lą - Curiositą
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunitą e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione